Miope? Prego, si accomodi.
L'accomodazione: come e perchè i tuoi occhiali fanno peggiorare la miopia
 

 

Accomodazione

schema Accomodazioneaccomodazione L'accomodazione permette all'occhio di variare la messa a fuoco tra cose vicine e cose lontane. Per l'occhio è necessario che i raggi luminosi convergano in un punto preciso della retina. Si sa anche che è compito delle lenti convesse operare questa convergenza. Ma se i raggi provengono da lontano (e sono quindi più o meno paralleli) la lente deve avere una curvatura; se invece provengono da vicino, la curvatura deve essere molto maggiore.

AccomodazioneNell'occhio i raggi luminosi subiscono una prima convergenza passando attraverso la cornea, che è la superficie esterna dell'occhio, poi vengono filtrati dalla pupilla e subito dopo incontrano il cristallino, che è una lente. Il cristallino è circondato da uno sfintere muscolare (muscoli cigliari), che può contrarsi e rilassarsi. Quando si contrae comprime il cristallino che diventa più convesso e quindi è in grado di "vedere" cose più vicine (cioè di fare convergere i raggi provenienti dall'immagine nel punto giusto della retina). Questa compressione si chiama accomodazione.

E nel caso della miopia? Gli ottici sanno che l'occhio del miope è un po' più lungo del normale, ma ignorano l'aspetto principale della miopia, che è l'incapacità a rilassare i muscoli intorno al cristallino: nei miopi l'accomodazione, e quindi la curvatura del cristallino è sempre eccessiva. Questa tensione costante alla lunga produce la deformazione del bulbo oculare. Tutte le miopie progressive (oltre 90%) iniziano e si sviluppano così.

"Non si tolga mai gli occhiali!": un pessimo consiglio

Agli inizi uno non si accorge di essere miope: il 95% delle cose con cui ha a che fare le vede benissimo. È solo quando deve leggere la lavagna a scuola o il tabellone delle partenze alla stazione, che inizia ad avere difficoltà.

Prego fate attenzione a questo punto: questa persona non ha bisogno di lenti per quasi tutto il suo tempo, e per tutte le distanze ravvicinate.

Vista con lenti troppo fortiVa dall'oculista e gli viene prescritto un paio di occhiali che gli permettono di vedere ultra nitido da una distanza di 6 metri in poi, ma che sono troppo forti per tutte le distanze inferiori. Che cosa succederà se quella persona passa molto tempo a guardare cose vicine (per es a leggere e studiare)?

Se in questi casi si toglie gli occhiali, bene. Se invece se li tiene, il suo cristallino dovrà accomodare, cioè comprimersi ancora di più per compensare l'effetto degli occhiali, deformando ulteriormente la struttura dell'occhio.

Questo spiega perchè è particolarmente nei periodi di studio intenso che la miopia peggiora vertiginosamente.

E invece, per non peggiorare come si fà?

A questo punto abbiamo due criteri abbastanza semplici per impostare le basi di qualsiasi programma di recupero della miopia.

1) Meno visione ravvicinata. Meno lettura e più natura (e meno TV, computer, etc). Ma guarda! proprio l'esatto contrario di quello che la nostra società ci spinge a fare.

2) Meno occhiali, particolarmente per lettura e computer. E questo non è difficile, basta un po' di consapevolezza, essere un po' meno abitudinari. Se proprio non basta la vista a occhio nudo, usate i Rasterbrille.

E per ... MIGLIORARE?

Se si è veramente motivati a migliorare la vista ci vuole un po' di esercizio, un po' di movimento, magari ricordarsi delle situazioni sgradevoli in cui si è cominciato a portare gli occhiali, imparare a evitare lo stress,.... insomma il modo più semplice è partecipare ai Corsi e seminari di Buena Vista.

Oculisti, optometristi, ottici

Provate simpatia per Buena Vista? Condividete almeno in parte il punto di vista espresso in questo articolo? Siete favorevoli all'uso (controllato) di lenti sottocorrette? Leggete magari i Principi base del metodo Bates poi potete magari leggervi il libro originale di Bates (vedi a Links, come procurarvelo). E poi iscrivetevi all'AIEV, associazione italiana per l'educazione visiva, che promuove attivamente questi temi in Italia.

Corsi e seminari  Le Newsletter  Corsi e seminari  Holiday on Eyes & DolceVita   Gli occhiali danneggiano la vista!   Le Newsletter   Articoli e dispense   Bibliografia   Rasterbrille   Salvare gli occhi dallo schermo   Gli occhi sono lo specchio dell'anima