Margaret Darst Corbett:
Vedere meglio senza occhiali
 

 

>>>>> SECONDA PARTE
(CAPITOLI 9-16)
>>>>>

 

 

INTRODUZIONE

Il DOTTOR William H. Bates, inventore di un nuovo metodo, fondato sul principio del rilassamento e volto a rendere normale il visus degli occhi difettosi, ha conseguito ampi riconoscimenti mercè le sole prove da lui fornite: i risultati del suo sistema, che ha compiuto veri miracoli per aiutare le persone dalla vista imperfetta.

Ilmondo non può non ammirarlo; e Ilmondo scientifico, in particolare, dovrebbe rendere omaggio a un uomo che ha rinunziato ad una attività di oftalmologia e chirurgica estremamente rimunerativa, per sviluppare e migliorare un metodo volto a soccorrere l'umanità sofferente. Grande è stato Ilsuo sacrificio, sia dal punto di vista pecuniario che da quello del suo personale prestigio. I problemi insoluti, gli errori della pratica ortodossa, e ciò che a lui parve la verità, lo hanno spronato a percorrere la via della grande scoperta che, con la sua capacità di rendere normale una vista difettosa, infonde speranza agli esseri scoraggiati e prostrati.

Il dottor Bates conseguì titoli accademici presso l'università di Cornell e la facoltà medicochirurgica di New York. Fu medico dell'ospedale oculistico e otoiatrico di Manhattan, dell'ospedale Bellevue, della clinica oculistica di New York, del dispensario nordoccidentale e dell'ospedale di Harlem. Si guadagnò nel mondo oftalmologico una così alta stima da ottenere la cattedra di oftalmologia presso l'ospedale e presso la scuola medica di perfezionamento di New York. Egli ebbe, all'attivo, cinque anni di ricerche svolte presso l'università di Columbia e, prima di presentare le sue scoperte all'Associazione medica americana' compì quarant'anni di esperimenti.

All'inizio della sua carriera oftalmologica, il dottor Bates avvertì il bisogno di migliorare il principio, universalmente accettato, di prescrivere gli occhiali per correggere i vizi di rifrazione. In un paesetto del Montana, egli prescrisse gli occhiali a una bambina miope, figlia di un amico, ma ammonì: r~ Portali solo quando ne hai necessità, Marguerite. Concedi ai tuoi occhi la libertà più spesso che puoi. Tieni in esercizio la vista. Fissa i pagliai che si ergono lungo la strada e contane ogni giorno quanti più potrai vederne ''. Poi, scuotendo tristemente il capo, profetizzò: Gli occhiali non servono, equivalgono alle grucce. Un giorno troveremo un sistema migliore ''.

Sebbene fosse un erudito nel campo della oftalmologia ortodossa e i colleghi lo considerassero un'autorità, il dottor Bates pregava spesso gli altri medici di prendere in esame le sue scoperte, prima di condannarle. Asseriva che se i suoi princìpi erano giusti, i dottori avrebbero dovuto adottarli universalmente; in caso contrario, avrebbero dovuto smascherarlo per proteggere il pubblico. Sosteneva, inoltre, che non rendendo noti metodi tanto semplici ed efficaci per la cura delle malattie degli occhi, gli scienziati commettevano una scorrettezza professionale.

Non poté, finche visse, veder adempiuto il suo desiderio; poté però indicare la via giusta a molti discepoli che si sono sforzati di perfezionare il suo metodo di correggere difetti della vista per mezzo del rilassamento.

Il metodo naturale di ricostituzione del visus si fa ormai strada per i propri meriti. Esso viene insegnato alla Scuola di educazione oculare di Margaret D. Corbett a Los Angeles, e in scuole consorelle del nordovest da provetti specialisti. Ogni insegnante di questa organizzazione, che è in continuo sviluppo, contribuisce, con costanti ricerche, al miglioramento della tecnica dell'applicazione dei princìpi del dottor Bates. I risultati di tali ricerche vengono resi di pubblica ragione in occasione di riunioni e congressi periodici per rendere il metodo Bates sempre più celere, efficace e perfetto. Le varie scoperte cui si è giunti sono illustrate nel presente volume. Quanti hanno letto il mio primo libro: How to Improve Your Eyes (1938), noteranno nella tecnica un notevole progresso.

Ora che il metodo Bates ha raggiunto una portata internazionale, ci giungono richieste di installazione di scuole distaccate da molti stati e da lontani paesi; in particolare dal Messico, dal Sud America, dall'India, dalla Iugoslavia e dalla Russia. Abbiamo già nostri insegnanti nel Canada, a Buenos Aires, nella Nuova Zelanda, in Inghilterra e nelle Hawaii. La scuola di Los Angeles invia istruttori nei luoghi più lontani al fine di soddisfare ogni richiesta nel campo dell'educazione oculare. Agisce inoltre in stretto collegamento con la scuola londinese Ferris per l'esercizio della vista, scuola che ha adottato il metodo Bates.

Su vari quotidiani e riviste sono apparsi molti articoli sul Metodo Bates, e la Scuola di educazione oculare di Los Angeles è citata nell'ultima edizione dell'Enciclopedia della biografia americana. Dal 1918, data della pubblicazione del libro del dottor Bates Better Eyesight Without Glasses, sono stati scritti molti volumi su questo argomento; il più notevole è The Art of Seeing dell'Illustre autore inglese Aldous Huxley, che offre una descrizione attuabile e comprensibilissima delle possibilità di miglioramento individuale mediante il metodo Bates, nonché dei mezzi con i quali tale miglioramento può essere raggiunto. Huxley scrive: Gli occhi ci forniscono le impressioni visive sensoriali che costituiscono la materia prima della vista. La mente si impadronisce di questa materia prima e la elabora fino a tramutarla in prodotto finito, cioè nella percezione normale degli oggetti esterni ',.

Durante la seconda guerra mondiale, un'infinita di soldati migliorarono la propria vista col metodo Bates. Dopo la guerra, la Scuola di educazione oculare di Los Angeles ottenne dal Comitato dei reduci l'autorizzazione a partecipare all'opera di riabilitazione dei reduci e, quale parte integrante del programma di aiuto ai militari smobilitati, l'intera nostra organizzazione ha accentrato i propri studi sul miglioramento del visus di coloro che possiedono solo una mediocre percezione.

MARGARET DARST CORBETT

 

CAPITOLO PRIMO

PRINCIPI DEL METODO BATES

Una vista chiara è il risultato di una dosata sensibilità e di una corretta percezione. Ogni miglioramento del potere di percezione tende ad essere accompagnato da un miglioramento della sensibilità, e di quel frutto della sensibilità e della percezione che è la vista. " ALDOUS HUXLEY.

 

Il SEGRETO del miglioramento della vista risiede nel rilassamento dell'occhio e della mente. Questa elementare verità è la base del sistema che ha consentito al dottor William H. Bates e a coloro che hanno insegnato i suoi metodi, di riportare un successo quanto mai lusinghiero nella loro opera, che consiste nell'aiutare uomini, donne e bambini a veder meglio.

Il bisogno di migliorare il visus naturale si è fatto sentire con particolare intensità negli ultimi anni. La seconda guerra mondiale, col suo intensificato programma di lavori per la difesa del paese, ha sottoposto ad intensi sforzi sia gli occhi dei militari che quelli dei civili. Inoltre, la pedagogia moderna tende ad avvalersi di tavole dimostrative, ciò che richiede agli studenti una vista efficiente.

Nell'attuale mondo ultracivilizzato, un buon visus costituisce una dote che, come ogni altra, va coltivata. Il dottor Bates dimostra che questa dote può essere sviluppata e i miracoli compiuti nel migliorare la vista rappresentano i risultati del suo metodo. Coloro che, in tutto il mondo, hanno tratto giovamento dal metodo Bates, appartengono ad ogni classe sociale. Vi sono tra essi anche scolaretti, militari e reduci.

 

SFIDA ALLE TEORIE TRADIZIONALI

Il metodo Bates ha sfidato con successo gli antichi, ed universalmente accettati, dogmi della oftalmologia. Per anni ed anni, si è ritenuto impossibile migliorare la vista. C'era chi aveva una buona vista e chi l'aveva difettosa; chi disponeva di un campo visivo ampio e chi di un campo visivo limitato, e nulla modificava, vita natural durante, questo stato di cose a meno di non fare ricorso agli occhiali. Un'altra teoria tradizionale era quella secondo la quale gli occhi, buoni o cattivi che fossero, erano destinati ad indebolirsi con l'età, e questo benché molte persone di età avanzata conservassero una buona vista fino alla tomba o riscontrassero un miglioramento del visus (seconda vista) quando, cessata la lotta per la vita, si appartavano, limitandosi al ruolo di semplici osservatori. Ci hanno detto che ` tutti '', a quarant'anni, hanno bisogno degli occhiali per leggere. A molti occhi

occorrono lenti bifocali o, peggio, trifocali. Si è affermato che ciò è dovuto all'inevitabile indurimento del cristallino prodotto dall'età, indurimento che rende difficoltosa la visione delle cose vicine.

Ma noi conosciamo ormai gli errori insiti in queste teorie. Il dottor Bates ha dimostrato che si può facilmente esercitare l'occhio, ed ha inoltre stabilito il principio che gli occhi non sottoposti a sforzi e abituati alla luce del sole non sono alterati dall'età. Egli ha dimostrato non soltanto che si può addestrare l'occhio, ma che, con l'educazione, si può migliorare il visus, e cioè la coordinazione tra l'occhio e la mente. Ottimo esempio dell'applicazione pratica di questa teoria è il successo del programma in base al quale le varie aviazioni hanno impartito una istruzione visiva scientifica ai loro piloti. ponendoli in grado di riconoscere con precisione e prontezza qualsiasi aereo.

L'occhio e la mente possono raggiungere una più rapida ed esatta coordinazione per il fatto che il nervo ottico è una diramazione del cervello e quindi è parte integrante sia del cervello che dell'occhio. Il nervo ottico si sfiocca. nell'interno dell'occhio, in una tunica denominata retina la cui azione corrisponde a quella di una lastra sensibile, simile alla pellicola di una macchina fotografica, e convoglia al cervello le immagini per i successivi sviluppi.

Il dottor Bates ha stabilito anche che la vista buona o la vista difettosa, la miopia o la presbiopia, non derivano dalla forma del cristallino. Egli tolse all'occhio di un ammalato il cristallino (operazione della cataratta) e fu ugualmente in grado di insegnare all'occhio a vedere sia da vicino che da lontano, proprio nello stesso modo in cui la più rudimentale macchina fotografica può, senza lente, riprendere fotografie. Egli scoprì che ciò era possibile perché l'occhio si comporta secondo il principio sul quale si basano tutti gli strumenti ottici di proiezione: binocoli, telescopi, macchine fotografiche. Quando si legge, l'intero globo oculare allunga il proprio asse, mentre si appiattisce quando si guardano oggetti lontani. Questa funzione si chiama accomodamento. Quando l'accomodamento oculare è buono e l'occhio fissa direttamente un oggetto, si dice che l'occhio è a fuoco. Il dottor Bates stabilì, inoltre, che noi non possiamo controllare queste modificazioni della forma del globo oculare, che si accomoda a seconda delle varie distanze, poiché esse sono prodotte da muscoli involontari.

I muscoli involontari agiscono come e quando vogliono. Si comportano in modo normale se rilassati, in modo anormale se contratti. Siccome ogni muscolo involontario non è che l'estensione di uno dei lunghi muscoli inseriti all'esterno del globo oculare, designeremo l'intero gruppo col nome di muscoli involontari estrinseci.

La parte principale di ogni muscolo estrinseco è, però, volontaria; vale a dire, possiamo controllarla. Di questi muscoli volontari ci serviamo quando ruotiamo gli occhi lateralmente, o in alto e in basso. Questo esercizio di rotazione non produce l'accomodamento, che è generato solo dal rilassamento.

Inefficaci sono quindi risultati i tentativi di migliorare l'accomodamento oculare mediante esercizi meccanici e cioè usando i muscoli volontari. La ragione è questa: l'esercizio è un'attività volontaria, ma non raggiunge un effetto diretto su quei muscoli che abbiamo interesse a raggiungere, e cioè sui muscoli involontari, da cui dipende la funzione dell'occhio di accomodarsi a tutte le distanze.

Gli esercizi meccanici, perciò, non fanno parte degli insegnamenti del metodo Bates e come tutti quelli che svolgono un controllo cosciente sull'occhio possono anzi aumentare i difetti della vista. Il metodo Bates mira ad insegnare a svolgere ogni attività nelle condizioni di rilassamento sotto l'influsso delle quali l'occhio e la mente si coordinano normalmente, restituendo così la funzione della vista al sistema involontario e permettendo l'attuazione del meccanismo della visione.

 

DUE, TIPI DI RILASSAMENTI)

Il rilassamento, che è il segreto della visione normale, dovrebbe quindi essere la base dell'addestramento oculare. Esistono due tipi di rilassamento:

1. Quello che si attua quando ci riposiamo e non usiamo gli occhi.

2. Quello che dobbiamo conservare abitualmente quando. lavorando, ci è necessario poter vedere chiaramente e rapidamente.

Quando l'abitudine all'attività visiva rilassata diventerà automatica, gli occhi diverranno, con l'uso, più acuti e più forti; come avviene con qualsiasi altra parte del corpo che, se usata correttamente, migliorerà in salute e vigore. Il rilassamento, ad esempio, è una parte integrante della terapia per le persone dure d'orecchio.

Nessun atleta può fornire un rendimento soddisfacente se non si rilassa. Film girati al rallentatore mostrano che un bravo pugilatore o un bravo podista, anche se i loro muscoli si tendono per un istante per sprigionare la necessaria energia, combattono o corrono in stato di rilassamento. Questa è la ragione principale dell'abitudine degli atleti di riscaldarsi, prima delle gare, con leggeri esercizi.

La funzione normale e rilassata dell'occhio è messa seriamente a repentaglio dalla tensione che regna nel nostro mondo ultracivilizzato. Coloro che affrontano la vita con calma non accusano sforzi visivi. Il nostro primo compito è quello di insegnare a conservare l'interesse per la vita e a svolgere senza tensione attività che richiedono applicazione mentale. E in realtà, il sapere lo si acquista, e il lavoro mentale creativo lo si compie, soltanto quando la mente è rilassata e a suo agio. Molti scrittori mi hanno confidato che i migliori intrecci e le scene più vivide vengono loro alla mente quando sono in stato di completo rilassamento e riposo e non quando si torturano il cervello per spremerne un'idea.

Il dottor Bates ha dimostrato che gli occhi non sforzati ed esposti ad una buona illuminazione non risentono dell'età perché conservano, durante l'attività, quel rilassamento che costituisce il segreto di ogni abile lavoro. La magnifica capacità visiva dei popoli incivili (anche se si tratta di esseri di età avanzatissima) è esaurientemente dimostrata dal seguente racconto. Un mio discepolo, che era riuscito ad ottenere una vista acutissima, compi alcuni studi su una tribù di indiani nel deserto. Mentre passeggiava con un vecchio capo, scorse all'orizzonte, per mezzo di un binocolo potentissimo, un daino. Indicata la località al suo venerabile compagno, gli chiese se vedesse nulla. Il vecchio indiano inclinò il capo all'indietro e, messi a fuoco gli occhi, abituati al deserto, rispose: Ugh, daino diretto a sud ''. Ritenendo che l'indiano fosse presbite e non vedesse bene da vicino (la cosiddetta vista dell'età avanzata ,, della civiltà), il mio allievo raccolse un pizzico di sabbia, se lo sparse sul palmo della mano e interrogò il vecchio, il quale, esaminato ciò che l'altro gli mostrava, ne fornì un'accurata descrizione.

Il dottor Bates opera sul visus' non sugli occhi. Quando la visione migliora, i difetti degli occhi tendono a scomparire. Contrazione, sforzo visivo e decentralizzazione, cioè l'uso della zona muta della retina invece dell'uso della zona sensibile, determinano una visione difettosa. nota tecnicamente come vizio di rifrazione. Se eliminiamo lo sforzo visivo il vizio di rifrazione si risolve da solo. Il metodo ortodosso sostiene invece il contrario e cioè che il vizio di rifrazione produce lo sforzo visivo. Curano quindi il vizio di rifrazione, ma tuttavia lo sforzo visivo permane.

Sebbene il dottor Bates fosse medico e chirurgo, il SUO metodo è essenzialmente educativo. Noi, suoi seguaci, non ci occupiamo di problemi fisiologici o di malattie. Ciò non è necessario poiché l'esperienza dimostra che quando le persone dalla vista imperfetta acquistano l'arte di vedere, gli organi della visione tendono a liberarsi dei loro difetti fisici. Gli organi rilassati godono di una circolazione migliorare degli organi usati n maniera errata e sottoposti a sforzo Il miglioramento della circolazione offre all'organo la possibilità di rafforzare la propria resistenza, di guarire dalla malattia e di correggere i propri difetti.

Forse vi chiederete ora che cosa potrete fare voi stessi per i vostri noiosi occhi che vi forniscono una visione invariabilmente imperfetta. Studiate attentamente gli esercizi descritti in questo volume, scegliendo quelli che vi sembrano più direttamente consoni ai vostro problema particolare. Ricordate soprattutto che la tensione è la causa principale di tutti i vizi di rifrazione, nonché di complicazioni anche più gravi, e prendete la decisione di liberarvene. Eseguite quotidianamente e coscienziosamente gli esercizi con la stessa regolarità con cui consumate i pasti. Rimarrete stupiti dei risultati che otterrete non solo nel campo visivo, ma anche nell'aumento del controllo dei vostri nervi e della resistenza con la quale soddisferete le esigenze della vostra esistenza. la tranquillità della mente e del corpo si manifesterà allora in prospettive più ottimistiche e in espressioni più radiose.

Gli allievi che miglioreranno la propria vista solo fino ad un certo grado dovranno continuare gli esercizi di rilassamento per consolidare i risultati ottenuti. Quanti otterranno un completo ritorno alla normalità, si avvedranno che si tratta di una conquista permanente e che i loro occhi non avranno bisogno di ulteriori cure poiché avranno raggiunto, in modo durevole, le buone abitudini della vista normale, abitudini che, d'altronde, sono inconsce.

 

CAPITOLO SECONDO

STRUTTURA E FUNZIONE DELL'OCCHIO

.. La natura non è avara. Non ha riservato alla razza umana un misero retaggio. Non ha errato quando ha forgiato il corpo umano, né ha concesso allo spirito dell'uomo di creare una civiltà alle cui richieste il corpo non possa far fronte: il suo motto sembra essere dovunque. Provvedi ai casi fortuiti con larghezza e generosità . "J. A. JACKSON:. Outwitting Or Nervose.

 

L'intima e diretta connessione col cervello fa dell'occhio uno degli organi più complicati e affascinanti del corpo umano. Gli embriologi affermano che uno dei primi sviluppi della vita fetale è costituito dal prolungamento del nervo ottico dal cervello. Quando l'occhio si sviluppa nell'embrione, rimane connesso al cervello mediante il nervo ottico che si sfiocca in una delicata tunica membranosa: la retina. Questa, che risiede nella parte posteriore dell'occhio, è la lastra sensibile sulla quale, in condizioni normali, cade l'immagine per essere interpretata dal cervello. - allo stesso modo che, sulla pellicola della macchina fotografica, viene registrato un ritratto che poi verrà sviluppato.

Nell'occhio normale, la retina consta di dieci strati. Il nono, prossimo alla parte più interna, è il più importante e contiene le terminazioni del nervo, che, a forma di coni e di bastoncini sono fondamentali nella funzione della vista. I coni, che si ritiene distinguano i colori, sono dislocati verso il centro della retina; i bastoncini, che si presume agevolino la visione al buio, si trovano invece ai bordi esterni. In questo strato della retina è situata, in posizione alquanto eccentrica, una macchiolina gialla, la macula lutea o centro della vista. l: qui che la visione è più acuta. La macula è quasi interamente composta di coni e presenta nel mezzo una piccola depressione, chiamata fovea centralis o fossa centrale, e cioè un gruppo ancora più sensibile di nervi a forma di cono, il cui compito è quello d i "cercare" la luce.

E la macula che presenta alla mente una visione distinta per la successiva interpretazione, mentre gli altri nervi retinici ricevono impressioni meno chiare. Tutti possono rilevare la differenza tra la visione del centro della vista e quella delle terminazioni retiniche meno sensibili che lo circondano. Si effettui il seguente esperimento: portare le mani aperte alla distanza di dodici centimetri dal capo in direzione delle orecchie, i palmi volti in avanti e paralleli alle spalle. Tenere lo sguardo fisso su un oggetto qualsiasi, ad esempio sulla maniglia di una porta, e agitare le dita. Vedremo qualcosa muoversi

ad ogni lato del viso, ma se non sapessimo in precedenza che si tratta di mani e di dita, non riusciremmo ad individuarle, poiché la visione periferica o laterale non sarebbe in grado di precisarlo. Le terminazioni del nervo che circondano il margine esterno della retina non permettono una visione distinta. Spostando le mani avanti di dodici centimetri, potremo vedere le dita in movimento, anche se lo sguardo è ancora fisso sul pomo della porta. Si potranno distinguere le mani e le dita. Si spostino le mani in avanti di altri dodici centimetri. In questa posizione si possono contare le dita e distinguere gli eventuali gioielli, perché le mani sono più vicine al centro della vista. Comunque, se la vista è quasi normale, continueremo a vedere il pomo della porta più chiaramente e vividamente che non le dita che riusciamo a contare al lato del viso. Ciò dimostra l'importanza di raggiungere una messa a fuoco tale che il centro della vista di ogni occhio sia fissato sullo stesso oggetto nel medesimo tempo. Se la messa a fuoco vien meno e il controllo è assunto dai nervi retinici esterni, l'immagine risulta confusa e indistinta.

FUNZIONE DELLA RETINA

Pur possedendo un'infinità di nozioni sulla retina, abbiamo ancora molto da imparare. Essendo anch'essa materia vivente, in un cadavere la retina si trasforma, si può dire, prima che gli scienziati possano analizzarla e naturalmente non offre nulla che possa aiutare le ricerche sul suo funzionamento, ed in particolare sul modo nel quale convoglia l'immagine luminosa al cervello e su quello nel quale l'immagine viene interpretata o diviene visione conscia nel cervello in virtù della memoria di immagini anteriori. L'occhio non è che la macchina fotografica che coadiuva la visione, mentre questa è, fondamentalmente, un processo mentale.

Ad esempio, l'immagine cade sulla retina rovesciata, come in una camera oscura, eppure il cervello la percepisce diritta. Che si tratti di un processo prettamente mentale è dimostrato da un esperimento psicologico nel corso del quale, per mezzo di lenti, l'immagine è proiettata sulla retina diritta. Questo esperimento dovrebbe indurre il paziente a vedere l'immagine rovesciata. Viceversa il cervello impara subito ad interpretarla correttamente.

Ho già detto che la retina corrisponde alla pellicola di una macchina fotografica. Come la pellicola, essa è rivestita di sostanze chimiche che agevolano la captazione delle immagini e costituiscono la cosiddetta porpora visiva o rodopsina. Quando la pellicola di una macchina fotografica viene esposta ad un'immagine, la patina con la quale è stata resa sensibile viene immediatamente consumata. Nell'occhio normale, invece, quando un'immagine cade sulla retina, la sostanza chimica (porpora visiva) viene immediatamente sostituita, in modo che la retina sia pronta a ricevere la susseguente immagine luminosa. Gli scienziati ritengono tutti che sulla retina normale la porpora visiva venga esposta e sostituita con grande rapidità, permettendo cosi all'occhio di ricevere una serie continua di immagini vlsive, ma sono di parere discorde a proposito del compito della porpora visiva e della sua funzione all'atto della vista. Questo poichè nella parte più importante della retina, e cioè al centro della vista, nella macula, non esiste porpora visiva.

Cosa piuttosto strana, la macula è sprovvista anche di vasi sanguigni. Osserviamo pure che, sebbene i bastoncini e i coni siano disseminati in quasi tutta la retina, vi sono pochi bastoncini nella macula e nessuno nella fovea, la parte della macula in cui la vista è più acuta.

I bastoncini aumentano di numero nei pressi del margine esterno della retina e attendono alla visione periferica permettendoci di possedere una coscienza visiva tale da non lasciarci cogliere di soprassalto da ciò che ci passa al fianco. I bastoncini ci aiutano anche a vedere di notte, prendendo il sopravvento quando i coni della macula e della fovea. i cercatori di luce, sono insensibili.

Lo studio della fovea, di questa zona di grandissima intensità visiva, viene effettuato osservandola, attraverso la pupilla dell'occhio vivente, con un oftalmoscopio. Il dottor Bates si è impadronito della maggior parte delle nozioni riguardanti il suo funzionamento mediante il metodo della retinoscopia simultanea. Egli poté studiare la retina, da una distanza di circa due metri, mentre il paziente esplicava le normali attività visive, e scoprì che la fovea, il gruppo più sensibile dei filamenti nervosi, può, quando è in azione, fornire una visione netta solo se l'occhio è in stato di attività rilassata; scopri pure che, perdurando questo stato di rilassamento dinamico, la fovea può assolvere le sue funzioni individuando rapidamente ogni raggio luminoso intorno e dentro l'oggetto osservato. In quel caso, e solo in quel caso, si otteneva una visione acuta.

D'altro canto, se la mente è in uno stato d'eccitazione, i muscoli volontari dell'occhio sono contratti e questo porta l'occhio fuori fuoco, deviando i raggi luminosi dal punto più acuto della macula ai nervi periferici meno sensibili. La macula registra immagini chiare e nette, mentre i nervi periferici registrano soltanto immagini vaghe e confuse che provocano da parte della mente uno sforzo nel tentativo di interpretare ciò che non è definito. Cosi il circolo vizioso è completo. Si vede, ma con uno sforzo mentale e visivo, e senza chiarezza. Se, invece, la macula è nella posizione giusta e la fovea funziona, non si verifica nessuno sforzo da parte dell'occhio e della mente, e la visione è perfetta.

In sostanza, quindi, la retina è la parte più preziosa dell'occhio e richiede la massima considerazione, la massima attenzione e la massima protezione. La natura è sempre prudente nella formazione degli organi umani e lungi dall'affidarsi ad un'unica barriera protettiva, ha generosamente elargito molti strati o rivestimenti. Essa ha avuto cura di rivestire la retina di due membrane protettive esterne; le stesse mansioni di protezione sono espletate dai liquidi che riempiono la cavità dell'occhio.

La membrana esterna, o sclerotica, la corazza opaca, o bianco dell'occhio, è formata di numerosi strati. Se anche uno di questi strati venisse graffiato, scalfito o bruciato, l'occhio rimarrebbe sempre protetto. Attraversata posteriormente dal nervo ottico, questa membrana (che circonda completamente l'occhio) presenta, sul davanti, una apertura trasparente, che fa pensare ad un vetro da orologio, ed è chiamata cornea. La cornea, essendo la parte più esposta dell'occhio. è formata di cinque strati, che costituiscono una spessa guaina corneificata e cioè una ulteriore protezione contro punture od offese.

Sotto la sclera, che è il rivestimento esterno, è sita una seconda tunica, la coroide, di colorazione oscura e non trasparente, che fornisce all'occhio la camera oscura. La coroide si compone di molti strati, i quali ospitano i vasi sanguigni che convogliano i liquidi necessari al nutrimento della retina. Vi si trovano anche le vene che trasportano il sangue utilizzato e i rifiuti. La coroide contiene anche uno strato più duro, una lamina che ricorda un'unghia sottilissima e rappresenta un'ulteriore protezione per i delicati tessuti della preziosa retina. Questi tessuti sono a contatto della coroide e ad essa uniti per il loro nutrimento.

A due terzi, circa, della parte anteriore dell'occhio, la coroide si trasforma in zona ciliare.' innanzi alla quale troviamo l'iride, un segmento colorato che dell'occhio costituisce la bellezza e, cosa più importante, regola la quantità di luce da esso richiesta per poter ricevere le immagini. L'iride, il corpo ciliare e la coroide fanno parte della medesima tunica. L'iride è stata paragonata al diaframma di una macchina fotografica poiché dilata il proprio orifizio per captare un'immagine quando la luce è scarsa, mentre lo contrae fino a ridurlo a un minuscolo puntolino, quando la luce è viva. I'orifizio rotondo dell'iride si chiama pupilla.

Gli scienziati non sono d'accordo sulla funzione del corpo ciliare così che sussistono tre contrastanti teorie.

 

L'OCCHIO PARAGONATO AD UNA MACCHINA FOTOGRAFICA

Dietro l'iride, in una piccola capsula di liquido, galleggia la lens cristallina. Questa lente assomiglia all'obiettivo di una macchina fotografica. Mentre, però, nella macchina fotografica, la lente è costituita da un solido pezzo di cristallo, nell'occhio adulto normale, il cristallino è costituito da una serie di strati di tessuto trasparente, attraverso i quali la luce, ammessa dalla pupilla, può essere convogliata alla retina nel fondo dell'occhio.

Un liquido incolore e limpido riempie gli spazi sottostanti alla cornea, davanti all'iride. dietro di essa e intorno al cristallino. Questo liquido si chiama umor acqueo ed ha la funzione di preservare la forma e la posizione delle parti suddette. La grande cavità compresa tra il cristallino e la retina è piena di un liquido più denso, simile all'albume dell'uovo. Questa massa trasparente si chiama corpo vitreo e preserva i contorni sferici di due terzi dell'occhio, occhio che essa mantiene teso, allo stesso modo nel quale l'aria mantiene gonfio un palloncino. Il corpo vitreo è una ulteriore protezione della retina.

Troviamo così che la preziosa retina (estensione del nervo ottico! è situata, per motivi protettivi, in fondo al globo oculare come una tunica interna. la cornea, il cristallino e due tipi di liquido la proteggono dalla parte anteriore, e inoltre due resistenti tuniche o rivestimenti l'avviluppano completamente. Con i nervi visivi così protetti, abbiamo il diritto di sperare di poter vedere per tutta la vita.

Il lavoro meccanico dell'occhio è compiuto da sei muscoli, inseriti, all'esterno del globo oculare, sul bianco dell'occhio o sclera.

Quattro di essi partono dalla cornea e si estendono fino alla struttura ossea sita dietro il globo oculare: si trovano uno sopra, uno sotto, uno a destra e uno a sinistra del globo oculare e si chiamano retti.

Gli altri due muscoli circondano obliquamente gli occhi (sono appunto chiamati obliqui) e si inseriscono uno in basso sulla sclera, e l'altro sul quadrante superiore del globo oculare stesso.

I sei muscoli sono tutti lunghi e striati, tranne nei punti in cui si inseriscono sulla sclera. Ir. questi importanti punti di connessione essi sono infatti lisci. Nella parte striata, il muscolo è volontario e può essere comandato. Le parti lisce sono involontarie, cioè operano senza direttive coscienti.

Mercè la lunga parte striata di questi muscoli esterni o estrinseci, noi roteiamo gli occhi, ossia li solleviamo in alto, li abbassiamo o li muoviamo da lato a lato.

Le parti lisce dei muscoli involontari allungano o appiattiscono il globo oculare per accomodarlo a seconda che la visione sia ravvicinata o distante. I due gruppi di muscoli lisci compiono a meraviglia il loro lavoro, allungando ed appiattendo l'occhio con perfetta sincronia ove non intervenga la tensione e cioè se rimangono rilassati; proprio come avviene per qualsiasi altro gruppo di muscoli antagonisti del nostro corpo che, collaborando, ci permettono di muoverci.

La protezione chimica della parte esterna del globo oculare è assicurata dall'apparato lubrificante e disinfettante: le ghiandole lacrimali. Queste sono situate sopra il globo oculare, sotto la palpebra superiore, e la palpebra è formata in modo da poter diffondere il liquido prodotto dalle ghiandole sulla superficie dell'occhio. Le ghiandole secernono un liquido chimico, chiamato lisozima, e così efficace contro i batteri degli occhi che gli scienziati affermano che un cucchiaio equivale a quattrocentocinquanta litri di acqua salata. Non c'è da stupirsi, quindi. se su migliaia e migliaia di occhi che vediamo pochissimi globi oculari sono infetti.

L'occhio dispone di un sistema circolatorio rapido ed esteso. Il nervo ottico possiede un suo proprio vaso sanguigno. Per questo, quando facciamo sì che l'occhio si rilassi e i vasi sanguigni si aprano, la circolazione migliora. L'occhio ha così migliori possibilità di normalizzarsi.

Abbiamo descritto gli elementi principali dell'occhio, di questo organo tanto simile ad una macchina fotografica. Vediamo ora come esso si comporti quando funziona perfettamente.

La parte volontaria dei muscoli; estrinseci o esterni volge il globo oculare in modo che la pupilla possa essere rivolta o messa a fuoco sull'obiettivo della visione. La parte involontaria invece, allunga il globo se l'obiettivo è vicino l'appiattisce se è lontano. È un conveniente allungamento ed appiattimento del globo oculare che permette all'immagine luminosa di cadere sul punto giusto della retina: la macula

L'immagine entra attraverso la cornea (un vetro da orologio, per così dire) attraversando successivamente l'umor acqueo, la pupilla formata dall'iride, il trasparente cristallino che concentra la luce e infine il liquido più spesso della camera oscura. Dopo di che, va a colpire i coni e i bastoncini della retina. Il raggio luminoso dell'immagine stimola la macula e attiva i coni della fovea. Quando l'occhio è rilassato, i coni foveali vibrano con fulminea rapidità ricercando la luce intorno e dentro l'obiettivo della visione, incidendolo, letteralmente, ad altorilievo e illuminando ogni minimo particolare in un vivido contrasto di luce e di ombra.

L'immagine così scolpita è trasmessa dal nervo ottico ai centri visivi del cervello, dove la mente ha la possibilità di esaminare l'immagine e di interpretarla. I'immagine si trasforma in visione cosciente mercè un processo strettamente mentale del cervello. Non si sa però in che modo le impressioni retiniche, una volta registrate, si trasformino in visione cosciente.

L'interpretazione di un oggetto nuovo è resa possibile da impressioni già accantonate in precedenza e che vengono risvegliate dalla memoria. Poi, con l'aiuto dell'immaginazione, la nuova immagine viene formata oppure viene ricostituita mercè esperienze visive acquisite in passato. La coordinazione dell'occhio e della mente è allora completa e ne risulta una giusta visione.

 

SFORZO VISIVO E STANCHEZZA

Gli occhi stanchi menomano del novanta per cento la vitalità del corpo. Quando il sistema nervoso è logorato, la stanchezza si fa sentire costantemente, e prima ancora che si inizi la giornata si può cadere in uno stato di esaurimento. Se la mente e gli occhi sono rilassati, la forza nervosa può tornare a sprigionarsi normalmente e le varie facoltà e potenzialità ne sono incredibilmente aumentate.

Tutti sappiamo per esperienza che un lavoro normale può sembrare eccitante, affannoso e sfibrante se abbiamo iniziato la giornata con i nervi tesi. Quando invece ci sentiamo riposati otto ore di attività incessante, un'infinità di problemi e molte noie possono essere superate con il solo strascico di una stanchezza non eccessiva. Ciò accade solo se e quando ci manteniamo rilassati durante il lavoro.

Il nervo ottico e il sistema nervoso vegetativo sono in tale rapporto di simpatia che l'uno può sconvolgere o eccitare l'altro. Un attacco di indigestione acuta può influire sugli occhi diminuendone il potere visivo. D'altro canto, la stanchezza degli occhi può sconvolgere lo stomaco determinando indigestione o nausea. I bambini che risentono del moto dell'automobile e i disegnatori e i contabili che avvertono un senso di nausea lavorando, provano un vero sollievo quando imparano a servirsi dei propri occhi rilassandoli.

Noi possiamo rilassare gli occhi senza rilassare, al tempo stesso, l'intero sistema nervoso, ma il vantaggio si estenderà ad ogni organo e parte del corpo, liberando i vasi sanguigni dalla tensione e accelerando così la circolazione.

All'opposto, il corpo può influenzare gli occhi. Se una persona è anemica e il conteggio dei globuli rossi è basso, anche la retina sarà anemizzata e gli occhi difetteranno di forza e di resistenza. Questo vale anche per il tono muscolare. Una persona dai muscoli ipotonici nel resto del corpo, disporrà, negli occhi, di un tono muscolare povero, ciò che potrà concretarsi in scarsa resistenza. e deficiente capacità di conservare una buona messa a fuoco. Se la crasi sanguigna e il tono muscolare migliorano, si potrà notare un marcato miglioramento nella visione.

Gli occhi, comunque, possono essere influenzati assai più dalle emozioni che dalle condizioni fisiche. Queste, dal canto loro, sono influenzate dalle emozioni poiché lo sforzo mentale genera tensione in tutto il sistema.

L'occhio è protetto dai pericoli e dagli accidenti provenienti dall'esterno e possiede una notevole abilità nel proteggersene, ma è estremamente vulnerabile e può essere gravemente offeso internamente da quanto accade nella mente e si verifica nel corso delle varie emozioni. Si sa bene che occhi, se scalfiti, punti, graffiati o bruciati, riescono a guarire, ma si sa anche che occhi apparenterete normali hanno sofferto di distacco di retina e di gravi emorragie in seguito a dispiaceri, choc o sforzi mentali. Eliminate le cause di queste emozioni , conquistato il rilassamento mentale, può esservi una speranza di miglioramento perfino per questi occhi.

 

CAPITOLO TERZO

RILASSAMENTO GENERALE FISICO

" Le persone dal visus imperfetto presentano uno sforzo e una tensione costanti in tutti i nervi e muscoli del corpo. Eseguendo correttamente i movimenti oscillatori del corpo si alleviavo stanchezza, dolore, stordimento e altri disturbi. Il movimento oscillatorio ci libera infatti dallo sforzo di cercare di vedere e di fissare". WILLIAM H. BATES. Vederci meglio senza occhiali

 

SECONDO il dottor S. Weir Mitchell, non esistono che una sola malattia, la congestione, ed una sola cura, la circolazione. Noi affermiamo che la fonte di ogni fastidio è la tensione, che provoca la congestione, e che la sua cura è il rilassamento, che favorisce la circolazione. Eminenti medici dichiarano concordemente che il rilassamento migliora qualsiasi condizione fisica e qualsiasi funzione, poiché è lo stato naturale del corpo normale. Esistono due tipi di rilassamento: il primo lo si prova. quando ci si affloscia come un fantoccio di pezza senza compiere alcun tentativo di agire o di pensare; l'altro, il segreto di ogni successo, è la capacità di conservare una costante agilità di mente, di nervi e di muscoli mentre si lavora. Aldous Huxley ha definito con estrema precisione, nel SUO libro, questi due tipi di rilassamento, chiamando l'uno rilassamento passivo, l'altro rilassamento dinamico.

Un essere può avere la capacità di gettarsi sul letto in uno stato di rilassamento paragonabile a quello del bambino che dorme, ma nell'istante in cui il dovere lo chiama o in quello in cui gli viene richiesto di sbrigare un determinato compito, ogni nervo e ogni muscolo del suo corpo, occhi inclusi, possono essere tesi al punto da subire l'alterazione delle proprie funzioni.

La conquista della capacità di rimanere rilassati quando da un periodo di riposo si passa ad un periodo di attività, vale a dire la costruzione di un ponte sull'abisso che separa il rilassamento passivo da quello attivo, è appunto il fine del metodo Bates.

Le successive fasi di questo passaggio risultano vividamente quando si proiettano al rallentatore pellicole concernenti atleti. Un esempio tipico è costituito da una ripresa del defunto Nurmi, il campione olimpionico di corsa. I movimenti di Nurmi facevano pensare, nel lento ritmo col quale si susseguivano, più ad una persona librata nell'aria che ad un uomo in corsa; i piedi sfioravano a malapena il suolo e non vi era traccia di tensione, pesantezza o agitazione. Questo perfetto coordinamento della mente e del corpo lo si può raggiungere solo con l'attuazione del rilassamento dinamico.

Nessuno, però, può pretendere di raggiungere questo rilassamento con la semplice volontà Bisogna cessare di comandare e di decidere, ma, con una congrua comprensione ed una buona tecnica, si può far sì che il rilassamento permei la mente e il corpo. Allora, e soltanto allora, si verificheranno il coordinamento e la funzione.

Huxley scrive: L'arte di vedere migliora la tecnica poiché provoca due effetti: il rilassamento passivo degli organi visivi durante il riposo e il rilassamento dinamico nel normale e naturale funzionamento dei periodi di attività !~.

Nell'apprendere le nozioni concernenti questi due tipi di rilassamento, dobbiamo prendere in esame prima il lato fisico della questione, e cioè la distensione dei nervi e dei muscoli, poi quello mentale, e cioè la distensione della mente. Ambedue gli aspetti della questione presentano talune difficoltà per un essere nervoso. Nulla rende più eccitabile una persona che soffra di tensione nervosa, delle parole: Rilassatevi, per amor del cielo, rilassatevi! '' I1 paziente obbedirebbe certamente, se potesse, poiché nessuno è più di lui cosciente del suo stato nervoso e del bisogno del rilassamento, ma come fare?

Innanzi tutto, non riesce di alcuna utilità ad un essere nervoso sedere o sdraiarsi per tentare di rilassarsi e, anzi, ciò gli può riuscire impossibile. I1 paziente dovrebbe, per contro, compiere qualche attività muscolare e solo così potrebbe calmare i propri nervi. Quando i muscoli avvertiranno stanchezza e fatica, i nervi si saranno calmati tanto quanto occorrerà per assicurare alla persona sofferente un tranquillo periodo di riposo. ~ questo uno dei principi dei movimenti ondulatori, espedienti meravigliosi per determinare il rilassamento. In realtà, non si tratta che di un ritorno alla natura, per la quale vige la regola del ritmo nel movimento. I cavalli da corsa si muovono, nel chiuso delle stalle, da lato a lato, e gli animali dello zoo ondeggiano avanti e indietro non per impazienza, ma per calmare i nervi e diminuire la tensione. Gli elefanti selvaggi della giungla rollano da lato a lato e dondolano la proboscide ritmicamente, muovendosi come se danzassero. L'immobilità e la rigidezza sono portati della civiltà e costituiscono la prima fase della tensione e del nervosismo. Liberiamo quindi i muscoli scheletrici dalla loro tensione, anzitutto con un movimento ritmico. I muscoli scheletrici volontari trasferiranno per simpatia le loro vibrazioni ai muscoli involontari più piccoli (inclusi quelli degli occhi) che inconsciamente inizieranno gli infiniti movimenti che compiono ogni secondo, i movimenti necessari per la visione. A questo scopo indichiamo taluni esercizi utili per il rilassamento sia fisico che mentale. Accostatevi ad essi senza pregiudizi e con lo stato d'animo di chi s; accinge a ballare un valzer.

 

ONDEGGIAMENTO DELL'ELEFANTE

Movimento ondulatorio fisico.

Restando diritti, i piedi paralleli e divaricati di quel tanto che occorre per mantenere l'equilibrio, spostate il peso del corpo da un piede all'altro, nello stesso armonioso movimento ondulatorio che avrete notato negli elefanti dei circhi. Dondolandovi dolcemente da un lato all'altro, voltate anche la testa e le spalle. Tenete le braccia abbandonate lungo i fianchi e le spalle morbide, sollevandole e dondolandole lievemente mentre vi girate da lato a lato. Contate ad alta voce ritmicamente, a tempo col movimento ondulatorio. Questo è importante poiché quando si parla o si canta riesce impossibile trattenere il fiato, e il respiro trattenuto significa tensione aggravata. Per il rilassamento ed una buona visione è necessario un profondo respiro ritmico. dimenticate che l'ondeggiamento è un esercizio e pensate invece che vi state piacevolmente abbandonando al ritmo, come se ballaste un valzer. Ascoltare il disco di un valzer e canticchiarne la melodia agevola il rilassamento.

Assicuratevi che i muscoli del collo, delle spalle e del petto siano sciolti ed a loro agio. Dondolatevi, spostando tutto il peso del corpo prima su un lato, poi sull'altro. Quando avrete contato fino a sessanta, avrete raggiunto il desiderato grado di rilassamento. Da sessanta a cento raggiungerete un vero e completo rilassamento dei nervi e dei muscoli, poiché ogni vertebra sarà sciolta e gli organi interni saranno rilassati, prima di tutti gli occhi, i quali cominceranno a compiere spontaneamente le piccole e infinite vibrazioni involontarie che servono a migliorare la visione. Non prestate alcuna attenzione agli occhi poiché non potete avvertire questi movimenti involontari. Saprete però che essi si verificano quando Vi parrà che tutta la stanza si muova intorno a voi nella direzione opposta, come se si trattasse di una fila di vagoni ferroviari che vanno avanti e indietro. Vi muovete da un lato, vi muovete dall'altro; non vi sembra che la stanza si muova intorno a voi?

Avvertimento: non trasformate questo ondeggiamento in un esercizio meccanico. Un'allieva un giorno riferì: Adoro l'ondeggiamento dell'elefante, perché mi assottiglia la vita e mi libera dal doppio mento. Poi, con estrema violenza, prese a lanciare le braccia con quanta più forza poteva, muovendo rapidamente la testa e gli occhi da lato a lato. Ella sciupava così tutto il beneficio del movimento ondulatorio, la distensione dei muscoli involontari, il lieve massaggio spinale, il salutare rilassamento del cuore, dei polmoni, del sistema digerente e la distensione dei vasi sanguigni dovuta al miglioramento della circolazione. Trasformando l'ondeggiamento in un esercizio, tutti questi benefìci vanno perduti. L'allieva fu invitata a compiere gli esercizi per la linea in un'altra occasione, lasciando invece che il movimento ondulatorio dell'elefante l'aiutasse, così come aiuta l'elefante, a conseguire la calma e il rilassamento.

Se doveste avvertire un lieve stordimento. vuol dire che non fate lavorare gli occhi. Assicuratevi quindi di provare, muovendovi, la sensazione del movimento. Quando la mente e gli occhi lasciano che il mondo passi loro innanzi senza fissare nulla e senza concentrarsi su alcun oggetto, cessano le sofferenze provocate dall'automobile, dall'ascensore e persino dal mal di mare. Spostate tutto il corpo da lato a lato, ritmicamente, dolcemente, gaiamente, come se ballaste un valzer. "Lasciate che il mondo proceda per la sua strada " dice il dottor Bates. Eseguite l'ondeggiamento cento volte la mattina e libererete il corpo da ogni tensione acquisita durante il sonno. Questo perché molte persone si innervosiscono dormendo. Compite altri cento ondeggiamenti prima di riposare e dormirete un sonno così profondo e pesante che avrete la sensazione che il letto si curvi sotto di voi, in luogo di quella che siate voi a sostenerlo.

ONDEGGIAMENTO DEL MARINAIO

Tenendovi ritti, e divaricando i piedi di trenta centimetri, intrecciate mollemente le mani e sollevate le braccia al viso in una linea parallela alle spalle, ma ad una altezza che vi consenta di vedere al di sopra di esse. Ciò fatto, spostate tutto il peso sul piede destro e spingete il naso il più lontano possibile verso il gomito destro, mantenendo le braccia al livello delle spalle. Fate poi scorrere il viso sulle braccia tese verso il gomito sinistro, spostando il peso del corpo sul piede sinistro. Ripetete quindi il movimento avanti e indietro, ritmicamente, da gomito a gomito e spostando il peso da lato a lato. Otterrete il risultato che tanto la parete che le braccia si muoveranno davanti a voi e di nuovo, senza che ve ne accorgiate, i vostri occhi saranno indotti a rilassarsi e ad interrompere la fissità dello sguardo, che verrà rimpiazzata da settanta movimenti al secondo.

ESPOSIZIONE AL SOLE

"Davvero dolce è la luce, e piacevole per gli occhi fissare il sole" ECCLESIASTE 11, 7.

Un esploratore tornato dall'interno dell'Africa con un resoconto cinematografico delle proprie esperienze, ha illustrato, nel film Estasi nera, le condizioni di salute e le abitudini delle varie tribù indigene da lui visitate.

Egli ha riferito che gli indigeni che vivono presso i fiumi pescano con le mani nelle rapide dei torrenti africani senza alcuna protezione dal sole, che brilla senza posa, e dal riflesso intenso ed abbagliante dell'acqua. I loro corpi meravigliosi erano, come risultava dal film, atletici esempi di salute e di vista acutissima. Rapidi nello sguardo e nelle movenze, afferravano la preda con le mani nude senza aiuto di uncini o reti. I pigmei, che abitano nell'interno della giungla dove il sole non penetra mai, tra radici, fango ed esseri striscianti, sono malaticci, rachitici e deboli di vista. I1 sole fa bene alla salute e agli occhi; è il dono di Dio alle creature.

Se lo scintillio del sole vi disturba, ciò può essere una conseguenza della vecchia ed errata concezione che bisogna proteggere gli occhi dalla luce; una concezione che, però, sta, per fortuna, passando rapidamente nel novero delle superstizioni. Quella sensazione di fastidio può però dipendere anche dal fatto che avete trasformato i vostri occhi in piante di serra, indebolendone la capacità di accettare ed utilizzare la luce loro necessaria per la visione.

Gli occhi sono ricettori di luce. La retina deve essere stimolata dalla luce in modo da poter registrare l'ombra. Se siete nervosi, il riflesso di una luce forte viene amplificato e gli occhi ne avvertono come un colpo. Ciò contrae ogni parte dell'occhio e interrompe la circolazione. Risultato: un senso di dolore e di disagio. È possibile però insegnare pazientemente agli occhi ad accettare il sole senza contrarsi, ed essi devono imparare a farlo poiché il sole e la luce sono necessari alla loro salute ed alla loro normale attività. Una buona visione ha luogo alla luce, non al buio.

I1 sole compie azioni meravigliose sugli occhi. Anzitutto scioglie i muscoli tesi. Chiunque suole prendere bagni di sole, sa che, sotto la calda radiazione del sole, nessun muscolo può conservare troppa rigidezza. Nervi, tendini e muscoli si abbandonano naturalmente, e così i muscoli del globo oculare.

I1 sole stimola il nervo ottico e aiuta la retina a sostituire rapidamente la porpora visiva. Gli occhi che vedono raramente il sole hanno una visione sbiadita, e il loro nervo ottico presenta una circolazione pigra e non fruisce di stimoli, mentre la retina è lenta nella sostituzione della porpora visiva.

I1 sole placa le menti eccitate. Siete preoccupati? I gravi problemi che dovete risolvere non potranno abbattervi completamente se sarete in grado di uscire o di compiere una rapida passeggiata al sole.

I1 sole regola le ghiandole lacrimali in modo che esse forniscano agli occhi una lubrificazione sufficiente, ma non superflua, e un'adeguata disinfezione. I condotti lacrimali che convogliano il liquido oculare attraverso la narici, sono aperti e liberi quando viene offerto loro molto sole. I1 risultato è che gli occhi bene esposti al sole non soffrono di irritazioni alle palpebre o di pruriti. Quella di "avere gli occhi pieni di sabbia '' è una lamentela frequente di coloro che debbono servirsi continuamente degli occhi.

Posto che i vostri occhi non siano abituati alla luce e all'aria, e abbiano avversione per ogni luce viva, e specialmente quella brillante del sole, rieducateli, ma fatelo con garbo. Non precipitatevi all'aperto, cercando di fissare il cielo. Non dovreste mai fissare nulla, e meno che meno il sole. Diminuite invece il contrasto, abituando gli occhi alla luce per gradi. Sostate sulla soglia della porta o in una strada soleggiata, al limite dell'ombra di un muro. Le palpebre serrate e la faccia rivolta al sole, eseguite un ondeggiamento dell'elefante, volgendo il capo alternativamente verso l'ombra e verso il sole Se necessario, appoggiatevi con una mano per mantenervi in equilibrio. Avrete la sensazione che il sole vi passi sul volto. Respirate profondamente, mentre ondeggiate, e concentratevi fino a provare l'illusione che il sole vi colpisca un'orecchia, attraversandovi poi il viso fino a giungere all'altra. In poco tempo, la luminosità cesserà di rappresentare un sacrificio e sarete in grado di interdire al viso e alle palpebre abbassate ogni contrazione. Sarete allora pronti a compiere un ulteriore passo e cioè il seguente esercizio.

Copritevi un occhio con il palmo della mano in modo da interdire totalmente l'ingresso alla luce, con l'avvertenza, però, di tenere la mano in modo che l'occhio coperto possa aprirsi e chiudersi all'unisono con l'altro. Incominciate ora l'ondeggiamento dell'elefante e, rammentando di respirare regolarmente, fissate il suolo con gli occhi socchiusi. Poi, sempre continuando l'ondeggiamento, sollevate la testa e il gomito e, tenendo gli occhi socchiusi, fissate il sole. Con vostra enorme sorpresa, non avvertirete alcun fastidio o disagio. Ripetete l'esercizio con l'altro occhio. Non cercate di fissare subito il sole con entrambi gli occhi socchiusi, anche se ciò non è nocivo agli occhi. Per via dell'intensità dei raggi solari, abbiamo tutti avvertito il bagliore di un'infinità di lampi in entrambi gli occhi (trovandoci sul mare o su una strada) senza nessuna conseguenza dannosa o disastrosa. Guardare però il sole con entrambi gli occhi socchiusi, anziché con uno solo, implica uno sforzo maggiore. :in tutti i nostri esercizi di rilassamento, la via più facile è sempre la migliore.

I1 vostro stesso discernimento stabilirà di volta in volta la durata di questi esercizi. Le esposizioni al sole frequenti, ma di breve durata, sono le migliori. Regolatevi a seconda della gradevolezza delle sensazioni che provate e a seconda del grado di resistenza raggiunto dai vostri occhi all'esposizione al sole. Evitate di giungere al punto di avvertire bruciore alle palpebre. Si può beneficiare del sole più in una fredda giornata invernale che in un rovente meriggio estivo. Poco sole preso spesso giova più di una esposizione continuata.

Non spaventatevi per i puntini e le lineette provocati dalla vista del sole: non sono che la traccia delle immagini rimaste sulla retina. Pochi attimi di oscurità li faranno scomparire. Le retine pigre perdono, dopo la prima esposizione al sole, la propria torpidezza di visione. Entrate in casa e copritevi gli occhi con il palmo delle mani per un periodo di tempo doppio rispetto a quello trascorso al sole. Quando i vostri occhi diverranno più forti, la sensazione di abbagliamento scomparirà subito senza costringervi a ricorrere a questo riposo che si chiama palming.

Convincetevi che non è la luce viva che danneggia gli occhi, ma la scossa provocata da contrasti improvvisi. Esponete perciò gli occhi chiusi al sole quando uscite da una stanza o da un edificio buio, e prima di salire in automobile per guidare ad una luce abbagliante.

Se eseguirete fedelmente gli esercizi di esposizione al sole, nessuna luce e nemmeno i fari delle automobili potranno abbagliarvi.

I1 sole levigherà i vostri occhi che brilleranno come gemme. Non offuscateli e non indeboliteli con occhiali neri.

I1 sole è, per la vista, cibo e bevanda.

 

EFFETTI DELLA RESPIRAZIONE SULLA VISIONE

'Tutti sanno che è necessario, per il benessere del corpo, respirare profondamente. Alcune sofferenze fisiche vengono sanate acquistando l'abitudine di respirare bene. Pochi però sanno che un respiro profondo è essenziale ai fini della vista. Ognuno può constatare che trattenere il respiro troppo a lungo offusca le cose che si trovano davanti agli occhi ''. Eppure le persone dalla vista debole trattengono invariabilmente il respiro, quando fissano qualche cosa, o, nel migliore dei casi, respirano poco profondamente, come se dovessero immettere nei polmoni soltanto l'aria sufficiente a mantenerli in vita. I disegnatori si innervosiscono o si stancano quando sono al tavolo da disegno. Interrogati, ammettono che la loro attenzione è così spasmodica che dimenticano di respirare. Ciò vale anche per gli scrittori, per i contabili, per gli stenografi e per tutti coloro che lavorano al tavolino. Bisogna fornire agli occhi l'ossigeno e migliorare la circolazione. L'unico mezzo è una respirazione profonda. Esistono molti metodi per respirare, ma noi abbiamo imparato che il tipo di respirazione che avvantaggia la visione è il sospiro.

L'inspirazione, l'atto di prendere fiato, è più o meno uno sforzo, giacchè è compiuto da muscoli. Trattenere il respiro costituisce una tensione; infatti il viso diventa rosso e, in caso estremo, cianotico. Tutti abbiamo assistito a scene di bambini recalcitranti che trattengono il respiro per spaventare la bambinaia e indurla ad esaudire qualche loro capriccio. L'emissione del respiro o espirazione è però un completo e assoluto rilassamento. Un respiro profondo scioglie ogni parte del corpo: tutto l'essere si abbandona. Abbandonandosi a loro volta, i polmoni si liberano dell'aria desossidata, epurando così il corpo dai rifiuti. gli occhi se ne giovano immediatamente. Ad esempio, un uomo che aveva sfiorato la cecità era in grado di rendere chiara, ogni volta che respirava, l'immagine dell'oggetto che desiderava vedere. Naturalmente, per espirare, doveva inspirare profondamente.

Lo sbadiglio, che è un bisogno imperioso di ossigeno, stimola la circolazione ed è eccitante e rilassante al tempo stesso. Esso ha però un unico effetto, un unico obiettivo: l'allentamento, il rilassamento di ogni tensione.

I1 sospiro è una cosa naturale. I1 bambino sospira, prima di voltare il viso sul guanciale e sprofondarsi nel sonno. I1 cucciolo emette una specie di sospiro dopo essersi gettato su un tappeto per schiacciare tranquillamente un pisolino. I bambini, dopo un impeto di pianto provocato da paura o da rabbia, sospirano convulsamente, mentre il loro corpo lotta per rilassarsi e qualcuno asciuga le loro lagrime. Mediante il sospiro essi si preparano a tornare dell'umore normale. Potranno quindi sorridere. Negli ospedali si usa affermare che, dopo un intervento chirurgico, il primo sospiro indica che la crisi è passata.

Se una persona, desiderando vedere con chiarezza, espirasse profondamente, la visione diverrebbe più vivida e perfino gli occhi offuscati potrebbero consentire un barlume di vista.

Ricordate di respirare profondamente e ritmicamente, specie quando vi servite degli occhi. I1 respiro è essenziale alla visione, giacchè ossigena il sangue avvelenato dal malvezzo di trattenere il fiato nei momenti di tensione.

 

PALMING

Gli occhi lavorano per contrasto. Sono gli organi della luce e perciò il contrasto più grande che possono subire è quello tra la luce e l'oscurità. Quando sono aperti, ricevono la luce e la riflettono. Quando sono chiusi e coperti, la retina e i1 nervo ottico assorbono la luce, dopo il suo ingresso, e ne vengono rafforzati, poiché la porpora visiva viene sostituita con maggiore rapidità.

Gli animali hanno un'istintiva nozione del vantaggio che deriva dal contrasto luce-oscurità. Un famoso veterinario mi ha detto che egli suole esporre i cani malati al sole, specie se hanno gli occhi offesi o sofferenti. Gli animali godono il sole per un certo periodo di tempo, poi si ritirano in un luogo buio appositamente predisposto e in quell'oscurità concedono agli occhi un completo riposo. In seguito tornano al sole, e insomma continuano ad alternare la luce all'oscurità. I1 veterinario afferma che, da quando ha adottato questa terapia, gli animali da lui curati compiono progressi estremamente soddisfacenti.

I1 modo migliore per assicurare agli occhi umani il riposo dell'oscurità completa ci e stato elargito dalla grande scoperta del palming. Tutti gli occhi, anche i più normali, hanno bisogno di riposo. I popoli primitivi riposavano gli occhi mediante frequenti e brevi sieste. Noi, frenetica e precipitosa com'è la nostra esistenza, non troviamo il tempo per concederci questo genere di rilassamento. In pratica, non riserviamo agli occhi nemmeno la considerazione che riserviamo ai piedi. Se i :nostri piedi avvertono un senso di stanchezza, ci affrettiamo a trovare un posto ove sedere per riposarli. Se invece abbiamo gli occhi stanchi, andiamo al cinematografo, leggiamo una rivista o giochiamo alle carte.

Solo il palmo della mano può procurare un riposo assoluto, escludendo ogni sia pur minimo filo o raggio di luce. I1 palmo della mano si adatta perfettamente al cavo dell'orbita, nonché la sua struttura ossea corrisponde a quella della cavità orbitaria. Le quattro dita di una mano si sovrappongano lievemente alle quattro dita dell'altra, incontrandosi ad angolo presso la radice del naso, là dove si sogliono appoggiare gli occhiali. Mentre il cavo della mano formerà un piccolo vuoto sopra la cavità orbitaria, la linea esterna di ogni palmo si adatterà esattamente alla forma del naso, lasciando uno spazio che permetta eventualmente agli occhi di aprirsi e chiudersi ed escluda ogni pericolo di compressione sul globo oculare. L'occhio avvertirà la vicinanza del palmo, ma non ne verrà toccato. La lieve pressione sulla fronte avrà l'effetto di un leggero massaggio ai delicati nervi che circondano le orbite; cosa importante, questa, giacchè tali nervi sono in rapporto di simpatia con il nervo ottico. I1 calore della mano ci donerà calma, il buio ci donerà riposo. Inoltre i muscoli si allenteranno e la circolazione sarà stimolata attraverso i vasi rilassati dell'occhio. Il palming offre all'occhio la possibilità di liberarsi dalle scorie e di correggere i propri difetti. Inoltre il riposo stimola i nervi e così, mentre gli occhi sono coperti dal palmo della mano. il nervo ottico viene stimolato. Quando allontaneremo il palmo delle mani dagli occhi, vedremo meglio e il mondo ci parrà più luminoso.

Una allieva che era stata sul punto di diventare cieca, ogni volta che allontanava le mani dagli occhi dopo un palming, esclamava, invariabilmente sorpresa: "È uscito il sole? Avete acceso la luce?" La stanza appariva tanto vivida, ai suoi stimolati nervi retinici, che ella credeva che la luce fosse cambiata. Era invece la sua visione che era migliorata.

Esercitatevi nella posizione del palming per perfezionarla e raggiungere il desiderato benessere. Posate il palmo sinistro sull'occhio sinistro ad angolo col naso e cercate di raggiungere una posizione perfetta. Assicuratevi che il sopracciglio sia leggermente inarcato, in modo che non pesi sulla palpebra. Piegate un poco la mano tra la fronte e la guancia, così da formare una piccola cavità. Tenete la mano morbida e sciolta e le dita flessibili. Se il palmo della mano non rappresenta una protezione perfetta, badate a che le dita non siano congiunte strettamente in una rigidezza da artiglio. Una mano irrigidita non si adatterà mai al vostro viso. Scrollate la mano finche non si scioglierà e le dita non torneranno flessibili. Ora, la fronte alta, coprite gli occhi chiusi con un palmo caldo e morbido e lasciateli riposare.

Poi, senza muovere la sinistra, cercate di posare la destra sull'occhio destro, chiuso con la stessa cura. Ciò è possibile e se farete in modo di coprire l'occhio non con le dita serrate, ma col palmo della mano, vi riuscirete presto. Tenete le mani in modo che formino un angolo sufficiente ad evitare che il naso resti compresso e la respirazione sia ostacolata.

Durante il palming, tenere i gomiti sollevati provocherebbe stanchezza e neutralizzerebbe il rilassamento. Inclinate perciò il busto e situate i gomiti sui ginocchio sul piano di uno scrittoio o di un tavolo. Procurate che il collo segua la linea della spina dorsale, poiché la testa non deve essere nè piegata in avanti, ne` gettata all'indietro. Affondate gli occhi chiusi nel palmo morbido e caldo, e riposate.

È anche molto riposante compiere il palming stando sdraiati. In tale posizione dovremo però sistemare alcuni cuscini sotto i gomiti, per sostenerli.

Tenete gli occhi chiusi, giacchè lo scopo del palming è quello di riposarli. Dovreste, al tempo stesso, riposare la mente, ed è facile farlo anche nel corso di una giornata faticosa che non ci consenta di rubare al lavoro che pochi minuti. Pensate a qualche bel ricordo o a qualche immagine mentale (rappresentazione visiva), o a qualche esercizio mentale, ad esempio a quelli indicati nel capitolo quarto. Rammentate che eseguire il palming in uno stato d'animo dominato da preoccupazioni, assilli o dolori vorrebbe dire neutralizzare tutto il benessere derivante dall'atto di proteggere gli occhi chiusi. Gli occhi e la mente lavorano insieme. Se la mente è eccitata, anche gli occhi si eccitano. Se invece la mente è rilassata, si rilassano anche gli occhi. Calmate quindi gli occhi col palmo morbido e caldo della mano, e fateli riposare al buio e con la mente tranquilla.

Il palming si rivelerà più efficace se prima potrete compiere per qualche tempo gli ondeggiamenti del corpo. Poi, dieci o venti minuti di palming completeranno l'opera. Anche due o tre minuti di palming, qualora non si abbia maggior tempo a disposizione, saranno di ristoro. Spesso un po' di riposo impedisce l'esaurimento. Gli occhi afflitti da sofferenze gravi trarranno da un'ora di palming, durante la quale potrete ascoltare la radio o conversare con amici, un grande beneficio.

Iniziate la giornata compiendo in letto un palming di cinque o dieci minuti e terminatela nello stesso modo, prima di accingervi ad addormentarvi.

Gli studenti possono intercalare allo studio periodi di palming. Dopo aver letto un capitolo, possono coprire con il palmo delle mani gli occhi chiusi per lasciarli riposare e ripassare mentalmente quanto hanno letto. Dovendo imparare a memoria una poesia, possono leggere un verso, coprire gli occhi chiusi e mandarlo a memoria, poi aprire gli occhi per controllare se quanto hanno imparato è esatto e così via.

Effettuate il palming se avete gli occhi stanchi o doloranti e se vi accorgete che si approssima un'emicrania. Come gli occhi sforzati fiaccano la vitalità e sfibrano il sistema nervoso, così il lasciar riposare gli occhi infonde un senso di benessere e di rilassamento a tutto il corpo, e vivifica e ringiovanisce i nervi tesi e i muscoli stanchi. I1 palming eseguito correttamente determina rilassamento. E il rilassamento non è tanto un mezzo quanto un fine.

 

CAPITOLO QUARTO

RILASSAMENTO GENERALE: MENTALE

," Sensazione e percezione non sono la stessa cosa. Alla prima attendono gli occhi e il sistema nervoso; alla seconda la mente. La facoltà di percepire è in funzione delle esperienze accumulate da ciascun individuo; in altre parole, della memoria. Aldous Huxley

Il. DOTTOR Bates ha scoperto il metodo per rilassare, in pochi istanti di riposo, nel bel mezzo dell'attività di una giornata sfibrante, una mente tesa e affaticata. A ciò si giunge mediante il ricordo di avvenimenti o di esperienze gradite e felici, ovvero di cose belle che piacerebbe rivedere. I1 principio fondamentale è il seguente: con la mente non si possono compiere due cose contemporaneamente. P, impossibile ricordare scene piacevoli e, simultaneamente, preoccuparsi di problemi capaci di determinare stanchezza. Rammentare scene o eventi piacevoli è un'occupazione che causa gioia e, quindi, rilassante. La preoccupazione, invece, è un'attività spiacevole e quindi procura tensione. Rientra nelle nostre possibilità decidere di rivivere per alcuni istanti una gioiosa esperienza o di ricordare qualche bella cosa già vista; decidere, in altri termini, di dedicarci alle immagini mentali, di scrutare il passato per dimenticare così. per un attimo, il tedioso presente.

Per citare il dottor Bates: " I1 ricordo perfetto di qualsiasi oggetto aumenta il rilassamento mentale che si traduce in un rilassamento degli occhi, i quali, dal canto loro, migliorano entrambi la loro visione ",

In altre parole, la memoria è fonte di vista. Nel processo visivo, i raggi luminosi sono riflessi da un oggetto sui nervi della retina e gli impulsi vengono convogliati dal nervo ottico alle cellule cerebrali. Nella formazione dell'immagine mentale, se un allievo può ricordare un oggetto, il processo è invertito e l'impulso procederà nella direzione opposta. Gli psicologi ci insegnano che, per vedere una statua, l'occhio deve esaminarne ogni parte. Per ricordare la statua, poi, l'occhio esamina l'immagine nella immaginazione, non in senso fotografico, ma suscitando, nella memoria, le sensazioni e i movimenti che ci hanno permesso la prima volta di vedere la statua dalla sommità alla base. Questo atto puramente mnemonico dà inizio, entro l'occhio, ai movimenti o alle vibrazioni dei nervi retinici come se, anche ad occhi chiusi, tali nervi venissero impegnati per una visione perfetta. Questo processo prepara gli occhi alla visione quando le palpebre sono alzate. I1 pericolo della immaginazione visiva di un oggetto immobile come una statua è rappresentato dal fatto che la mente può astenersi dal percorrerlo tutto, per rimanere invece fissa su un punto unico. Serrando gli occhi è possibile tenere lo sguardo basso e sforzarsi con la mente fino a raggiungere sofferenza e stanchezza. La mente e gli occhi non sono fatti per pensare o per vedere più di una sola cosa alla volta. Essi devono vedere ogni singola parte di una cosa in una rapida successione, o cose differenti l'una dietro l'altra. Per evitare il pericolo di una fissità mentale è meglio esaminare cose o persone in movimento. Questo fa sì che il pensiero e la visione cambino rapidamente. Immagini mentali corrette offrono riposo sia agli occhi che alla mente, perché non è possibile in tal modo sforzarsi e ricordare nello stesso tempo. Una visione imperfetta provoca sforzo mentale, poiché riesce difficile alla mente interpretare una immagine confusa. D'altro canto, una memoria imperfetta, un offuscamento mentale, causa stanchezza agli occhi poiché l'occhio deve lottare con la confusione mentale. Avvalendoci di una memoria perfetta in una mente acuta, possiamo migliorare la visione in occhi difettosi. Quando la mente pensa ad una forma, anche gli occhi partecipano a tale attività. I due organi lavorano in coordinazione perfetta; quindi noi dobbiamo occuparci non degli occhi, ma della visione, nonché della mente, che la completa; poiché la visione, infatti, è un prodotto della mente. Alcuni si dichiarano privi di immaginazione visiva, affermando che. nell'attimo stesso in cui chiudono gli occhi, non riescono a vedere nulla. Ciò dipende dal fatto che costoro equivocano sul significato del termine immaginazione visiva. Naturalmente, quando gli occhi sono chiusi, è impossibile vedere, ma ciò si riferisce, naturalmente, all'occhio fisico. Si può, però, ricordare qualcosa che si è già visto. E in questo consiste l'immagine mentale, o visiva. Sarebbe meglio definirla "rappresentazione visiva ".

1MMAGINE VISIVA CORRETTA E SCORRETTA

Chiesi una volta a una bambina miope che stava facendo il palming di ricordare un picnic durante il quale si era molto divertita qualche tempo prima. Intervenne la madre: `Sì, Alice, sabato prossimo offrirai un picnic; organizzalo in ogni suo particolare '. Fui costretta a spiegare che sarebbe stato facile e divertente, e quindi riposante, ricordare un avvenimento felice, mentre organizzare una cosa ancora da fare sarebbe stato come scrivere un saggio o qualsiasi altra composizione, ossia avrebbe rappresentato lavoro e stanchezza e quindi non riposo .Le immagini mentali, la memoria e l'immaginazione possono essere usate per determinare il rilassamento anche in condizioni disperate. Una donna, addolorata dalla morte improvvisa del marito, era in uno stato di completa prostrazione. Gli amici erano incapaci di confortarla ed ella non riusciva a mangiare nè a dormire. I1 dolore non le dava tregua. Ella non faceva che percorrere a gran passi la sua stanza, notte e giorno. Mi offrii di provare ad aiutarla. La invitai a sedere accanto a me su una poltrona, le presi una mano e le chiesi se era capace di rammentare un viaggio da lei compiuto col marito, anni addietro. Quando mi ebbe narrato qualche particolare, l'aiutai a ricostruire quel felice periodo. Rammentando i giorni lieti che avevano preceduto la tragedia, reclinò il capo sulla spalliera della poltrona e il suo viso gonfio si distese. Ad un certo punto non rispose ad una mia domanda e mi accorsi così che si era tranquillamente addormentata. Un altro drammatico esempio di rilassamento apportato dalle immagini mentali, è rappresentato dal caso di un giovane che perdette improvvisamente la vista di un occhio. I dottori gli dissero che la retina si era staccata e che sarebbe stata necessaria un'operazione, il cui risultato appariva incerto. I1 giovane, angosciato e terrorizzato dalla prospettiva che la cecità si estendesse all'occhio sano, che, del resto, non era mai stato perfetto, non riuscì per una settimana nè a mangiare né a dormire, ma fumò e si agitò continuamente fino a sfiorare il collasso nervoso. Come extrema ratio, la moglie lo condusse da me. Lo feci sdraiare sul dorso e fattigli coprire gli occhi chiusi col palmo delle mani, gli dissi di ascoltare. Per venti minuti gli esposi una serie di immagini mentali vivide, ma tranquillizzanti. Gradualmente, la tensione del giovane diminuì, e così la contrazione delle mascelle. Sebbene, poi, egli non dormisse, il respiro divenne ritmico e regolare. Infine dissi: "Si drizzi a sedere lentamente, con disinvoltura e sospirando ',. Immediatamente il giovane coprì l'occhio migliore e gridò: ` Le persiane! Oh! vedo le persiane, ma forse sto prendendo un abbaglio. No! Io vedo! Vedo! ,' Durante il lavoro d'immaginazione, gli occhi del giovane si erano rilassati e la retina, tornata nella posizione normale, si era riattaccata. ``Riattaccamento spontaneo ',, sarebbe stata la diagnosi esatta. Se la memoria e la immaginazione possono, mediante le immagini mentali, essere di tanto aiuto in casi così disperati, pensate quali benefìci esse siano in grado di apportare in casi più lievi, quando per esempio si tratti di vizio di rifrazione. Leggete attentamente gli esperimenti che seguono. Sceglietene uno di vostro gradimento, poi sedete in una posizione comoda, coprite gli occhi chiusi col palmo della mano e provate ad eseguirlo. Non fate lavorare gli occhi, anzi non pensate neppure ad essi. Rammentate che le immagini mentali sono rappresentazioni visive la cui sede è nel fondo della mente e non alla superficie dell'occhio fisico.

IMMAGINI MENTALI PER IL RILASSAMENTO

1. Siete sulla veranda di una casetta che sorge ai margini di un profondo bosco, sulla riva di un laghetto di montagna chiaro come il cristallo. Sullo impiantito della veranda c'è un cesto che contiene alcune pesanti palle di varie dimensioni. Raccogliete la palla più grande e lanciatela nella placida acqua; scomparirà con un tonfo provocando una serie di cerchi concentrici che si allargheranno verso la spiaggia. Poi le crespe scompaiono e l'acqua ritorna liscia e riflette il cielo e gli alberi circostanti. Ora, gettate un'altra palla, ma più piccola dell'altra; osserverete che i cerchi non sono estesi e marcati come i precedenti. Lanciate palle sempre più piccole, una dopo l'altra, prestando attenzione al tonfo e alle crespe. Arriverete alla palla più piccola di tutte, che avrà il peso e la forma di una pallina di vetro colorato. Questa provocherà cerchi piccolissimi che scompariranno rapidamente, permettendo allo specchio dell'acqua di placarsi e di riflettere quindi il batuffolo di una nuvola.

2. Un allievo, attore cinematografico, amava ricordare una giornata estiva trascorsa seduto sotto un ombrellone, sul bordo di una profonda piscina. Nel ricordo, egli sorseggiava bibite ghiacciate, seguendo una gara femminile di tuffi. Vedeva le partecipanti salire l'una dopo l'altra la scaletta, raggiungere il trampolino e accingersi al tuffo; osservava il gaio colore del costume da bagno di una ragazza che si equilibrava con le braccia, poi immaginava che ella compisse un bel tuffo, tagliando nettamente l'acqua e scomparendo. Infine, sempre nel ricordo, la vedeva ricomparire dal lato opposto della piscina e unirsi alle altre.

3. Una signora anziana amava rammentare la bottega di un fioraio da lei visitata in passato e ricordava tutti i magnifici fiori ivi ammirati in primavera, estate, autunno e inverno.

4. Una appassionata giocatrice di bridge pensava ad un mazzo di carte ricordando le singole combinazioni e il loro valore. Ricostruiva poi un rurbber vinto qualche tempo addietro.

5. Un giovane giocatore di bocce rammentava una partita in cui aveva superato un avversario con un largo margine di punti.

6. A una bambina piaceva colpire con arco e frecce alcuni bei palloni colorati che, abbandonati al vento l'uno dopo l'altro, si libravano nel cielo.

7. A un paziente che amava l'oceano, piaceva rivedere, nel ricordo, il mare scintillante sotto il sole estivo e ricco di grosse onde che si infrangevano sulla riva lanciando al vento spruzzi simili a merletti

Se però non siete in condizioni di spirito che Vi consentano di pensare a delle belle scene, ma avete cinque minuti di tregua nel corso di una affannosa giornata, e li potete dedicare al palming con la sola possibilità di rilassare la mente, eccovi un suggerimento: ricordate la forma di qualche oggetto familiare, tenendo anche presente che le forme più familiari della nostra civiltà sono le lettere o i numeri. Riuscite a rammentare che aspetto avrebbe una staccionata di tavole bianche se vi trovaste ad una sua estremità ed osservaste le fila delle trenta tavole di cui è composta? Si tratta di tavole larghe, situate esattamente a cinque centimetri di distanza l'una dall'altra. Non è però una delle solite staccionate di legno dipinte alla bell'e meglio in bianco, si tratta di tavole che dopo essere state levigate e rese lisce come raso. sono state verniciate con uno smalto bianco e scintillante, e brillano letteralmente al sole. Riuscite a vedervi mentre vi avvicinate alla prima tavola bianca, un pennello in una mano e un secchio di smalto nero nell'altra? Affondate il pennello nella tinta nera e scrivete accuratamente a stampatello il numero 1 sulla tavola, per poi passare a quella successiva. Su questa dipingerete il numero 2, poi passerete oltre e dipingerete il numero 3. Quando sul pennello finisce la tinta, tornate a immergerlo nel secchio in modo che i numeri delle tavole bianche siano tutti ugualmente neri. È probabile che, prima che arriviate al numero 30, la mente e gli occhi si rilassino. Questo perché non è possibile compiere due cose ad un tempo: agitarsi e distendersi, preoccuparsi e rilassarsi.

 

ESERCIZI MECCANICI PER IL RILASSAMENTO (Da compiere mentalmente, ad occhi chiusi)

Vi esporremo adesso alcuni esercizi meccanici che corrispondono a narcotici mentali e sono tanto efficaci, ai fini del rilassamento, da alleviare le sofferenze. Infatti non possono essere eseguiti se non con una completa concentrazione mentale e quindi impediscono alla mente di localizzarsi sul dolore che vi assilla. La scoperta del dottor Bates si fonda sul principio che le oscillazioni di un puntino nero neutralizzano il dolore. I movimenti continui dell'occhio accelerano la circolazione e liberano l'organo della vista dai residui e dalle macchie, tanto reali che immaginarie. Quando l'occhio si muove. vede, e gli esercizi che seguono servono ad iniziare i movimenti.

Eseguite gli esercizi con le palpebre abbassate, ma non serrate. Se lo ritenete opportuno, copritele col palmo della mano, ma se vi trovate in un luogo in cui il palming potrebbe richiamare su di voi l'attenzione altrui, potrete ometterlo; beneficerete ugualmente degli esercizi. Non pensate agli occhi. Lasciate che l'occhio fisico rimanga inattivo e non cercate di vedere tra le palpebre socchiuse. La vostra mente compirà gli esercizi mediante la memoria. Rivolgete mentalmente il viso nella direzione alla quale state pensando.

 

 Spostamento della ` O '.

1. Con gli occhi della mente e cioè ad occhi chiusi e con la memoria, tracciate una O ,, nera e grande. Rammentate, vero, quale è la forma di una O?

2. Sulla curva di sinistra, tracciate un puntino nero, e fate altrettanto sulla curva di destra. I puntini neri si confonderanno col tracciato della O, ma voi conoscerete il punto in cui li avrete collocati e potrete ritrovarli.

3. Dovete limitarvi a trasferire l'attenzione da un puntino all'altro, da una curva della O all'altra, da un lato all'altro, finchè la O parrà porsi in movimento in senso opposto.

4. Tracciate ora un puntino nero sulla sommità della O , e un altro sulla base. . Questa volta concentrate l'attenzione sul punto della sommità, poi su quello della base: dalla sommità alla base. Vi parrà che la O si alzi e si abbassi. Avvertite questa illusione di movimento? Quando l'avvertirete, essa si rivelerà quanto mai riposante.

 

 La bilancia della Giustizia.

Pensate ad una bilancia di precisione del genere di quelle usate per pesare metalli preziosi. Alla sommità del fulcro c'è un giogo bene equilibrato, dai bracci uguali, alle cui estremità sono appesi piccoli piattl dorati, sostenuti da tre catenelle pure dorate. Concentrate l'attenzione sul giogo trasferendola poi su un piatto che il peso della vostra visione farà abbassare, sollevando automaticamente l'altro. Ora tornate al giogo e scendete nell'altro piatto che si abbasserà mentre il primo si alzerà. Eseguite questo esercizio con raccoglimento e ritmicamente, ricordando sempre come si comporta un piatto se abbassate l'altro. Molti trovano questo esercizio estremamente riposante.

 

 

 La civetta e l'oscillazione crescente.

Chiudete gli occhi e immaginate un cartone azzurro cielo, di circa nove centimetri per quindici. Al centro del cartone è tracciata una piccola luna crescente color argento, le punte rivolte verso l'alto. A1 centro della luna, sta appollaiata una piccola civetta nera che si staglia contro l'azzurro.

Ora, nella memoria, fissate una punta della falce, poi percorretela fino all'altra curva. La piccola luna oscillerà come una culla e la civetta scivolerà prima verso un lato, poi verso l'altro.

Moltissime persone hanno ricavato grande sollievo da questa rappresentazione visiva.

 

 

 

 Il disco di metallo.

1. Immaginate di avere in una mano un pesante disco di metallo della forma di un dollaro d'argento. I1 disco presenta nel centro un foro nel quale infilerete una cordicella bianca della lunghezza di trenta centimetri. Stringete una estremità della cordicella tra il pollice e l'indice della sinistra e l'altra estremità tra le corrispondenti dita della destra. Tenete la corda tesa in modo da formare una linea bianca, col disco nel centro, sistemata ad una congrua distanza davanti al vostro volto. Fissate ora le dita di una mano, poi fate scorrere lo sguardo lungo la cordicella bianca fino all'altra mano, lentamente, ritmicamente, avanti e indietro. I1 disco, che si trova al centro, parrà muoversi leggermente, da un lato all'altro, nella direzione opposta a quella seguita dal vostro sguardo.-

2. Allentate ora leggermente la corda in modo che il pesante disco si trovi nel mezzo. Cominciate a muovere lievemente il disco verso di voi, poi allontanatelo come se muoveste un'amaca, ritmicamente, avanti e indietro, avanti e indietro, non troppo in fretta.

3. Accelerate a poco a poco il movimento, spingendo il disco sempre più in alto, finchè non gli farete percorrere tutto un circolo, come se si trattasse di una corda per i saltelli. La vostra attenzione dovrà essere sempre concentrata sul disco e sui suoi movimenti.

4. Interrompete ora il movimento e il disco continuerà a muoversi lievemente, avvicinandovisi e allontanandosi, come un'amaca. Troverete divertente far compiere questo movimento ondulatorio nella parte opposta e poi interromperlo di nuovo.

5. Finalmente, senza movimenti bruschi, tirate la corda in modo da formare di nuovo una linea bianca tesa davanti al vostro viso, il disco nel centro. Fate scorrere mentalmente lo sguardo lungo la corda, con lentezza, da una mano all'altra. Ancora una volta, il disco si muoverà ritmicamente da un lato all'altro. Se avrete compiuto l'esercizio con interesse e tranquillità, riaprendo gli occhi li sentirete riposati e distesi, e la visione ne sarà migliorata.

 

 Ondeggiamento del triangolo.

1. Immaginare che su un cartone bianco collocato davanti a voi sia disegnato un triangolo equilatero nero, la cui altezza misuri tre centimetri con un vertice rivolto verso l'alto. Sulla sinistra della base tracciate un puntino nero; poi tracciatene uno anche sulla destra.

2. Ora, con un sospiro, volgete l'attenzione ad un puntino, poi passate all'altro, avanti e indietro. Non fate attenzione al triangolo che mentre passate da un puntino all'altro vi parrà scivolare nella direzione opposta. Riuscite a cogliere l'illusione del movimento?

3. Capovolgete il triangolo in modo che il vertice sia rivolto verso il basso. Questa volta, disponete i puntini neri a destra e a sinistra del vertice.

4. Spostate l'attenzione ritmicamente, da puntino a puntino. I1 vertice del triangolo vi sembrerà muoversi lievemente da lato a lato, nella direzione opposta. I1 triangolo si allontanerà dal vostro campo visivo in modo che vedrete prima un puntino poi l'altro. È riposante vedere e pensare a un puntino poiché ciò non richiede alcuna interpretazione mentale.

 

 

 

 Movimento della spola.

1. Supponete che al centro di un foglio di carta bianca sia stata tracciata una grossa linea orizzontale. Ai due lati, sono stati anche tracciati due puntini equidistanti. Con gli occhi chiusi, spostate l'attenzione da un puntino all'altro. Vi parrà che la linea nera si muova in senso contrario.

2. Ora raddrizzate la linea in modo che i puntini si trovino l'uno in alto, l'altro in basso. Tornate a trasferire l'attenzione da un puntino all'altro. La linea nera si alzerà e si abbasserà nella direzione opposta.

3. Disponete la linea in senso diagonale inclinata a destra e a sinistra, e ancora una volta spostando il vostro sguardo, mentalmente, da un puntino all'altro, avrete l'impressione che la linea si muova nella direzione opposta.

 

 Spostamento del domino

1. Con gli occhi chiusi, immaginate un piccolo pezzo da domino di ebano, diviso in parti uguali da una piccola linea. A1 centro di ciascuna delle due parti così ottenute, c'è un puntino bianco.

2. Ora, collocato mentalmente il pezzo da dòmino innanzi a voi, in senso orizzontale e ad una congrua distanza, fissate prima un puntino, poi l'altro, avanti e indietro. Vi parrà che il domino si muova nella direzione opposta.

3. Ciò fatto, sistemate mentalmente il dòmino in senso verticale. I due puntini si troveranno, ora, l'uno nella metà superiore, l'altro in quella inferiore.

4. Fissate mentalmente prima il puntino superiore, e poi l'inferiore. Vi parrà che il dòmino si alzi e si abbassi.

Alcuni di questi esercizi vi piaceranno e quindi ne ritrarrete beneficio; altri invece non vi andranno a genio. Scegliete quelli che vi infondono un senso di riposo, e scartate quelli che vi affaticano. Vi basterà un attimo, restando seduti al vostro tavolo di lavoro, per socchiudere gli occhi e dedicarvi all'esercizio che neutralizzerà la stanchezza. E ricordate: un po' di riposo non è mai uno spreco di tempo. Dopo il riposo. potrete sbrigare maggior mole di lavoro, e più rapidamente di prima.

 

 

 

CAPITOLO QUINTO

CEN7RALIZZAZIONE E LUCE

"Gli occhi sono le finestre dell'anima", e si potrebbe aggiungere: si ha la visione quando la mente vi si affaccia.

 

Noi vediamo, sentiamo, gustiamo e percepiamo gli odori mediante la mente. Se tenterete di applicarvi, ma, distratti, non potrete riconcentrarvi, non imparerete nulla. Se, durante un concerto, vi lascerete crucciare dal pensiero di qualche vostro problema, la musica non sarà che un fastidioso rumore. Se attraverserete un roseto con la mente volta ad altri pensieri, non percepirete il profumo dei fiori. Se, mangiando, leggerete un articolo interessante, il cibo vi parrà insapore. Gli organi dei sensi non sono che gli assistenti dei rispettivi centri cerebrali e la mente che percepisce. Se la mente è tesa o stanca o temporaneamente assente, i sensi non possono funzionare. Per contro, non v'è stanchezza agli occhi che non sia preceduta dalla stanchezza mentale, da una tensione o da uno sforzo della mente.

È stato dimostrato che una persona afflitta da miopia o ipermetropia pronunziate, si corregge dal vizio di rifrazione se riposa la vista su una superficie chiara, dove non vi sia nulla da interpretare. Nell'attimo stesso, però, nel quale su quella superficie vengono tracciati dei segni, sopraggiunge lo sforzo mentale provocato dall'intento di interpretarlì e questo ha per conseguenza la ricomparsa del vizio di rifrazione. La causa prima di una visione imperfetta è il timore: il timore di non essere in grado di vedere. La tensione e lo sforzo che ciò determina si traducono in una visione difettosa.

Un giovane aspirante aviatore con visus perfetto si concentrò talmente sulla tabella di prova, per leggerne le lettere alla perfezione, che divenne marcatamente astigmatico e lesse la maggior parte delle lettere malamente, confondendo la E con la Z, la F con la P, la G con la C. Perciò fallì la prova, fu respinto e venne inviato in fanteria.

La paura di non vedere perfettamente aveva menomato due occhi in ottime condizioni.

D'altro canto, un ragazzo di dieci anni dagli occhi strabici diede la dimostrazione che, una volta sgombrata la mente dal timore, la visione diviene incredibilmente chiara. Quando il bambino venne da noi, uno dei suoi occhi era affetto da uno strabismo così pronunziato da non poter essere usato. conseguentemente, la visione era quanto mai offuscata. Mercè il rilassamento, ottenemmo che il ragazzo fosse in grado di vedere, con quell'occhio, prima a dieci centimetri di distanza, poi a trenta e, con l'andar del tempo, a sessanta. Una mattina in cui il sole era particolarmente splendente, gli chiesi: " Jackie, vorresti leggere queste frasi rimanendotene all'estremità opposta della stanza? " Il ragazzo subì una crisi di paura. Il pensiero di dover sostenere la prova della distanza provocava in lui un terribile panico. "" Via, Jack ", gli dissi con dolcezza, " se, guardando da lontano, non sforzi lo sguardo più di quanto non lo sforzi per vedere da vicino, leggerai benissimo. "

" Davvero?." chiese il bambino vivacemente.

"Puoi sincerartene ", risposi.

Il bambino, ritto all'estremità opposta della stanza, gli occhi serrati, prese ad ondeggiare spostando il peso del corpo da un piede all'altro. " Che cosa fai? Sei stanco di stare in piedi? " chiesi." No ", rispose. " Cerco solo di avvicinarmi, mentalmente. "

Quando, cori fede infantile, si fù avvicinato mentalmente, aprì gli occhi e lesse alla perfezione le frasi da me preparate.

Purtroppo, non è altrettanto facile per un adulto bandire il timore ed ottenere la visione. Una persona imbevuta di preconcetti deve conquistare la visione per vie meno immediate.

La visione è un impulso, e agli impulsi non si comanda. Si può vedere o non vedere, aver fame o no, adirarsi o essere insensibili all'ira, ma non possiamo imporci di vedere, di aver fame, di adirarci. Si può o prevenire la reazione di un impulso o soffocarlo o lasciarlo sfogare. Ogni volta che si dà libero corso ad un impulso, questo ne risulta rafforzato; quando invece è soffocato, frustrato o annientato, l'impulso si presenterà una seconda volta con minore intensità e minore insistenza. I nervi visivi della retina reagiscono ad un impulso. La visione o si verifica o non si verifica. La macula, la parte visiva più acuta della retina, può o non può reagire all'impulso della vista, ma si tratta di un procedimento inconscio. Perché il fenomeno possa aver luogo, occorre il rilassamento. Quando l'occhio e la mente sono rilassati e a loro agio, i nervi retinici funzionano.

 

CENTRALIZZAZIONE

Il dottor Bates ha coniato l'espressione " fissazione centrale " intendendo, con tale frase, "vedere meglio quando si. guarda " fino a raggiungere il massimo fuoco mentale e visivo. Questa centralizzazione definisce perfettamente il fenomeno della vista con visus perfetto e cioè la completa attività dei nervi retinici che hanno il compito di produrre la visione più chiara. La fovea che è la parte più sensibile del centro della vista o macula (vedi p. 27 e segg.), è stata definita cercatrice di luce, figlia dell'impulso.

Essa si distende per sbrigare il proprio compito solo quando l'occhio e la mente sono rilassati e cioè liberi dalla costrizione esercitata dalla mente. Qualsiasi costrizione esercitata dalla mente o dai muscoli oculari contrae i nervi a forma di cono della fovea come se essi facessero parte di una pianta sensitiva, e in tal caso si ha soltanto una visione vaga o offuscata poiché gli altri nervi della retina non sono attrezzati per vedere con chiarezza. Quando i nervi sensitivi, i cercatori di luce della fovea, diventano attivi, ogni parte dell'oggetto osservato emerge con estrema vividezza, mentre i coni vibrano con tale rapidità che si ha l'impressione di poter abbracciare in un attimo con lo sguardo tutto l'oggetto.

Pertanto, se vi imponete di vedere una cosa, o una parte di essa, meglio delle altre, tentate di compiere l'impossibile, giacchè cercate di dettare legge ad un impulso. Se, invece, rilassate gli occhi e la mente sottraendoli ad ogni costrizione e lasciando semplicemente che si effettui la visione (dando cioè libero corso all'impulso) gli occhi assumeranno la loro forma normale e i coni cercatori di luce vibreranno per la luce riflessa su di essi da ogni parte della superficie dell'oggetto osservato. In tal caso, l'oggetto si mostrerà nettamente delineato come si trattasse di un'ombra. Così, per la frazione di un secondo (tanto quanto occorre alla fovea per essere stimolata dalla luce emanata da ogni parte dell'oggetto) vedrete " quella " parte più chiaramente di ogni altra e la mente, essendo rilassata, ne darà un'accurata interpretazione (tanto per ciò che concerne forma e dimensioni, quanto per ciò che concerne profondità e distanza, giacchè si è verificata una visione chiara.

Se, invece, intendendo vedere, meglio di qualsiasi altra parte di un quadro, un determinato angolo, fisserete su di esso, coscientemente, la vostra attenzione, irrigidirete la mente e i muscoli in uno sguardo fisso; ciò che provoca tensione mentale, impedisce le vibrazioni foveali e sposta la visione sui coni e sui bastoncini meno sensibili della retina rendendola estremamente imperfetta.

Fissare lungamente e con ostinazione può addirittura ottenebrare la vista di una persona, almeno per qualche tempo. Se quella di fissare diventa un'abitudine permanente, il visus si abbassa poiché i nervi, la mente e i muscoli si ribellano. Una allieva, ad esempio, ci ha raccontato che, bambina, soleva trascorrere ogni settimana diverse ore nell'istituto di arte di Chicago, ammirando i quadri esposti nelle gallerie. Un giorno, colpita dal pensiero che forse non avrebbe più avuto la possibilità di tornare in quel luogo, decise di scolpirsi nella memoria il quadro favorito e sostò innanzi ad esso, fissandolo, decisa a berlo, ad assorbirlo indelebilmente. per non dimenticarlo più. Così facendo, si accorse che gli occhi le si stancavano e che il quadro diventava sempre più indistinto, finchè non si offuscò completamente. La vista le si ottenebrò del tutto e la bambina dovette raggiungere a tentoni una poltrona sita al centro della sala. Terrorizzata, si convinse che Dio non voleva ch'ella ricordasse quel tale quadro ed ebbe paura di tornare a fissarlo. Ancor oggi, l'allieva non ha la minima idea di quale fosse il soggetto del quadro. Lo sforzo visivo e quello mentale ad esso parallelo erano stati così intensi che la memoria e la visione furono completamente neutralizzate. La visione, naturalmente, tornò quando gli occhi si furono ripresi da quella fissità prolungata, ma la paura cancellò ogni ricordo del quadro.

Questo esempio dei danni arrecati alla vista dal fissare a lungo un oggetto è quasi paradossale, ma è un fatto che molti menomano permanentemente le loro capacità visive costringendo il loro sguardo, continuamente, quasi ad ogni occhiata, ad una fissità da miniatura.

Ricapitolando, la fovea è una ricercatrice di luce; la mente è l'interprete delle ombre. Entrambe agiscono in coordinazione soltanto se rilassate.

Gli argomenti dei capitoli seguenti riguardano chi soffre di stanchezza e mirano ad insegnargli a distendersi e a rilassare lo sguardo, determinando la centralizzazione e la coordinazione dell'occhio e della mente. E cioè la visione.

 

LUCE

La luce stimola la retina, l'ombra l'offende. Alla fovea interessa solamente la luce, che essa ricerca ai margini dell'ombra, nelle fessure, nelle aperture, negli spiragli, agli angoli e alle curve. Più vivida e splendente è la luce, più netta è l'ombra determinata dall'oggetto osservato. È quindi necessaria una buona illuminazione. Aldous Huxley afferma: " Negli insetti, nei pesci, negli uccelli, nelle bestie e negli uomini, gli occhi si sono sviluppati con lo scopo precipuo di reagire alle onde luminose. La luce e il loro elemento e quando ne sono in tutto o in parte privati, perdono il loro potere e sono perfino afflitti da gravi malattie ".

La mente, interprete dell'ombra, è blandita dalla luce non interrotta da ombra, poiché in tal caso non le viene richiesto alcun lavoro interpretativo. Ecco perché il bagno di sole riposa e rilassa una mente tesa. Alla mente interessa solo l'ombra da analizzare. Più forte è la luce, più netto è il contrasto tra la luce e l'ombra che cadono sulla retina per stimolare la ricercatrice della luce ed eccitare l'interprete dell'ombra. Una buona luce è quindi essenziale per una buona visione. tutti lo sappiamo. Vediamo infatti bene in una giornata luminosa e a stento in una notte profonda.

Ma le case hanno pesanti tendaggi e sono tutte circondate da alberi. Gli uffici, le banche, le biblioteche, tutti luoghi nei quali una visione perfetta è una necessità, sono famosi per la debolezza della loro illuminazione, che ricorda quella delle cattedrali. Molti avvocati mi hanno raccontato di aver avvertito i primi fastidi agli occhi all'epoca degli studi universitari, quando si curvavano sui tomi in biblioteche male illuminate. Molti scolaretti fanno i compiti col solo ausilio di una fioca lampadina appesa al soffitto, senza badare se o come la luce colpisca la pagina. Molti leggono nella stanza di soggiorno della loro casa, presso lampade che diffondono la luce verso il soffitto e non sulla grigia stampa dei quotidiani, dove pure l'occhio avrebbe bisogno fosse concentrata la luce. La luce fioca diminuisce i movimenti anche in occhi normali e, di conseguenza, li stanca con maggiore rapidità. Se, in tali condizioni, si impone a degli occhi efficienti di lavorare a lungo, ne risulterà uno sforzo sia mentale che visivo.

Gli indiani compivano i lavori che richiedevano precisione (ricami con perline, decorazioni con penne, fabbricazione di frecce, pitture su terrecotte) durante il giorno, alla luce del sole. Dopo il tramonto, i guerrieri sedevano a fumare intorno ai fuochi del campo, le squaws masticavano il cuoio, e nè gli uni nè le altre compivano mai un lavoro di precisione senza una buona illuminazione.

Ai nostri giorni, abbiamo spesso bisogno di vedere con la maggior chiarezza o nottetempo o in stanze mai visitate dal sole. Fortunatamente, la scienza ci ha donato la luce elettrica, ma sono pochi coloro che si servono di lampadine tanto potenti da corrispondere, non dico alla luce solare, ma ad una fioca luce diurna.

Il dottor Matthew Luckiesh, direttore del laboratorio per le ricerche sull'illuminazione della General Electric Company di Cleveland, scrive nel suo eccellente volume: Luce, visione e vista: " Gli occhi umani e gli esseri umani, che operano come macchine visive umane, sono stati creati dalla natura e si adattano ottimamente ai gradi di luminosità della natura... L'esatta funzione e l'obiettivo della luce artificiale sono quelli di competere con la luce diurna e non con il buio ". In una monografia compilata per la General Eiectric, il medico dichiara:: " i vostri occhi sono fatti per sfruttare l'energia solare ". E ancora: " La natura vi invita a lavorare e a divertirvi con una illuminazione di cinquecento, mille e diecimila candele ". In una fabbrica moderna il dottore scoprì che la migliore illuminazione presso i davanzali delle grandi finestre in una giornata di sole, non era che di cento candele; a tre metri dalla finestra, era di venti candele e alla parete opposta solo di due. Pensate che cosa sarebbe diventata quella luce, che doveva servire a svolgere un lavoro di precisione di otto ore al giorno, in una giornata nuvolosa. Non c'è da meravigliarsi se la vista delle persone che lavorano viene sottoposta a sforzi.

Mediante un fotometro è stato possibile porre a confronto su una pagina stampata gli effetti visivi di luci differenti. Alle dodici di una bella giornata, la luce solare riflessa da una carta bianca stampata ha registrato milletrecento candele; sempre all'esterno, ma all'ombra, il riflesso era ridotto a centotrenta candele. All'interno, una lampadina da centocinquanta watt registrava ancora centotrenta candele, come all'aperto, all'ombra di una giornata di sole. Ma una lampadina da sessanta watt, che rappresenta più di quanto possano permettersi molte persone che lavorano con gli occhi, registrava, alla stessa distanza e riflessa dalla stessa carta, solo due candele. La luce riflessa di un lume contenente una lampadina da trecento watt riversava dal soffitto sulla carta solo mezza candela, nonostante tutta la sua potenza. La luce fluorescente registrava da un quarto a due candele.

Pensando al ristretto numero di scolari e di studenti che possono permettersi durante i loro faticosi studi una luce che si avvicini almeno approssimativamente a quella diurna non dobbiamo stupire se quasi tutti coloro che tentano di istruirsi debbono ricorrere agli occhiali. Una illuminazione adeguata ridurrebbe grandemente lo. sforzo oculare e preverrebbe l'affievolimento della vista. In genere, invece, si attribuisce la colpa di questo inconveniente al fatto che " si legge troppo "..

Una buona illuminazione è necessaria se vogliamo conservare integre le nostre facoltà intellettive quando leggiamo o studiamo. Lo sforzo mentale che ci costa il tentativo di leggere ad una luce fievole una pagina stampata menoma le nostre facoltà di interpretazione poiché la mente assimila soltanto se rilassata.

L'occhio lavora per contrasto: in una pagina a stampa, il contrasto è dato dalla luce e dall'ombra, dalle linee dritte e da quelle curve, da quelle alte e da quelle basse. Se l'illuminazione è così debole da non determinare un marcato contrasto tra la stampa e lo sfondo bianco (che, ad una luce fioca, non sembra bianco, ma grigio) la mente deve compiere uno sforzo per decifrare le lettere. Il sole, percuotendo la pagina stampata, rende lo sfondo bianco, bianchissimo, e la stampa nerissima. Una insufficiente luce artificiale riduce questo contrasto al minimo.

Cosa ancor peggiore, se la luce è tale da eliminare le ombre (esempio tipico la luce fluorescente) viene soppresso anche il netto contrasto tra la stampa nera e la pagina bianca. Così come sbiadisce le ombre, la luce fluorescente sembra schiarire la stampa al punto che la mente deve compiere uno sforzo per interpretarla, ciò che provoca, frequentemente, stanchezza di vista ed esaurimento cerebrale.

Un allievo dal visus eccellente era disegnatore, durante la guerra, in uno stabilimento bellico e lavorava tutto il giorno sotto una luce che eliminava le ombre. Venne da me molto addolorato. " Quando sto al tavolo da disegno gli occhi mi si chiudono ", spiegò. " Quando poi ho terminato il lavoro e rincaso in automobile, mi sento così insonnolito che spesso devo fermarmi e dormicchiare per qualche minuto per evitare di addormentarmi sul volante. ". Quel giovane conduceva una vita morigerata, dormiva, di notte, un numero sufficiente di ore, si alzava, alla mattina, riposato e amava il suo lavoro. Sennonchè, non appena si curvava sul tavolo da disegno, era assalito da una terribile sonnolenza. Chiestogli con quale luce lavorasse, appresi che usava quella che, eliminando le ombre, abolisce Ogni contrasto. Su mio consiglio, il disegnatore si procurò una lampada da studio forte e vivida, non accusò più fastidi e tornò a godere del benessere procuratogli da una ottima vista.

La fotofobia è un termine medico che significa paura della luce ed ha luogo quando il sole o la luce dei fari fanno male agli occhi; è la paura provocata dalla sensazione violenta della luce improvvisa. Questa paura contrae prima i muscoli, i nervi e i vasi sanguigni, poi l'occhio, che, così contratto, non riesce a sopportare la luce e accusa sofferenza e fastidio.

Gli occhi, per vedere, hanno bisogno della luce. Essi sono gli organi della luce. Quanto più l'occhio è debole, di tanta più luce abbisogna. Ma tutti gli occhi, buoni o cattivi che siano, risentono del riflesso abbagliante della pagina o dell'oggetto che osservano. Uno dei riflessi abbaglianti più consueti e costanti della nostra civiltà è quello prodotto dalle lavagne scolastiche che recano scritte che gli studenti debbono interpretare con molta cura. Ed è probabile che proprio a scuola si verifichino i primi sforzi visivi e si contraggano le prime abitudini della " vista viziata ", abitudini che possono esercitare una triste influenza sulla vita degli scolari, arrecando a questi ultimi danni di cui dovranno sopportare le conseguenze sino all'età avanzata. Di regola, la lettura della lavagna rappresenta uno sforzo sotto ogni punto di vista. In primo luogo, da quando il sistema spenceriano è giudicato sorpassato, si tratta di frasi quasi sempre scritte con grafie di massima scadenti. In secondo luogo, quanto l'insegnante scrive sulla lavagna con una grafia mediocre, rappresenta sempre qualcosa di importante per gli studenti; lo sforzo mentale ne risulta quindi aumentato. Ma, circostanza ancor più deleteria, un alunno si trova una sola volta, durante il giorno, nella posizione esatta rispetto alla luce che colpisce lo scritto di una lavagna. Gli altri, intanto, si trovano di fronte ad un riflesso che devono sforzarsi di vincere. A tutte queste difficoltà si aggiunge il solito velo di polvere di gesso bianco, ogni molecola del quale capta e riflette la luce, tanto che la maggior parte degli alunni si trova nella necessità di sforzarsi per distinguere e interpretare i nebulosi e misteriosi geroglifici che si fondono sulla splendente superficie grigiastra. C'è quindi da meravigliarsi se lo sforzo degli occhi incomincia nelle scuole elementari e aumenta, con l'intensificarsi del lavoro, in volume ed importanza, durante il cammino che lo studente percorre fino all'università? Bisognerebbe sostituire le lavagne con qualche altra cosa o, almeno, migliorarle.

Gli occhi hanno bisogno di luce, di una luce eccezionalmente buona, per compiere il loro lavoro, specie se esso richiede particolare attenzione; e gli studenti sono sottoposti a lunghe ore di applicazione o di lavori speciali che richiedono una visione completa. I genitori dovrebbero dedicare la massima attenzione alle stanze in cui i figlioli studiano e fornirle di luce sufficiente, installandovi un lume dotato di una lampadina di centocinquanta watt e sistemato sulla sinistra, dietro le spalle dello studente, a circa un metro di distanza da lui. Inoltre il lume dovrebbe essere disposto ad angolo per eliminare il riflesso prodotto dalla pagina. Anche gli impiegati dovrebbero poter fruire della stessa quantità di luce. lampade da tavolo con forti lampadine per leggere in casa o a letto dovrebbero rappresentare una regola, non un'eccezione; così si porrebbe fine alla crescente diminuzione della capacità visiva della nostra nazione. In genere, la salute della popolazione americana è migliorata; se gli occhi venissero usati saggiamente e trattati umanamente, migliorerebbe anche la vista. Gli occhi amano il lavoro, ma risentono degli sforzi. La cattiva o inadeguata illuminazione è una delle più frequenti cause della stanchezza visiva.

Gli occhi si ribellano alle sensazioni forti e improvvise. Occorre sempre qualche tempo perché essi si abituino a gradazioni e tipi di luce disparati. Durante la guerra, i soldati che rimpatriavano dopo un lungo servizio prestato nelle Aleutine trovavano la luce diurna degli Stati Uniti terribilmente brillante. Gli occhi dei londinesi, avvezzi alle foschie e alle nebbie, trovano la luce diurna di New York troppo vivace. Gli occhi abituati al riflesso del sole sul mare e offuscati dalle nebbie dell'oceano, debbono assuefarsi allo splendore del sole di alta montagna. Se si sottopongono gli occhi agli esercizi dell'esposizione al sole, descritti nel capitolo terzo, queste impressioni potranno essere presto dominate e l'occhio gradirà ogni tipo di luce naturale senza provare risentimenti o fastidi.

 

CAPITOLO SESTO

SVILUPPO DELLA VISTA IN DISTANZA

" Circa il settantacinque per cento dei bambini sono sufficientemente equilibrati da compiere gli studi scolastici senza rovinarsi la vista. Gli altri escono dal cimento dell'educazione con la miopia o altri difetti visivi.

ALDOUS HUXLEY.

 

LE PERSONE dalla vista corta temono non solo la distanza, ma, nel loro intimo, perfino il dover guardare una cosa distante. Questo timore implica uno sforzo mentale che contrae i muscoli dell'occhio, quelli cosiddetti obliqui; e impedisce la visione da lontano. È appunto il timore di essere incapaci di vedere ciò che la mente afferma dovrebbe esser visto, ad elevare davanti ai nostri occhi una sorta di barriera che si frappone tra essi e l'obiettivo della visione. Di conseguenza, anche la mente si arresterà dì fronte ad una barriera quando dovrà interpretare tale obiettivo.

Uno scrittore dal pensiero lucidissimo ha recentemente affermato, su una rivista, che l'accettare la visione di un oggetto quale è, il vederlo senza idee preconcette circa le sue caratteristiche, costituisce la base di una buona vista. Se una persona fissa un oggetto senza essere in preda alla paura, che è uno stato mentale, l'oggetto stesso assumerà una forma e la mente avrà la possibilità di sviluppare l'immagine registrata. Si raggiungerà cioè la coordinazione dell'occhio e della mente. Dobbiamo vedere con la mente; prima con il fuoco mentale, poi con quello visivo. In altre parole, quali che siano le condizioni della nostra vista, impariamo a vedere meglio mentalmente che fisicamente.

 

CHE COS'È LA DISTANZA?

Non bisogna temere la distanza. Nel lontano 1700, il vescovo George Berkeley scrisse che la distanza non è che una linea retta che, partendo dagli occhi, attraversa lo spazio. È impossibile vedere la distanza e, quindi, non dobbiamo sforzarci di vederla. Essa non è che l'espressione di un giudizio basato sul ricordo di esperienze passate, un paragone effettuato mediante l'immaginazione, un processo di ragionamento per mezzo del quale possiamo concepire lo spazio e gli oggetti che vi si trovano. Ad esempio, quando viaggiamo a bordo di una nave, se l'acqua è calma e non sono in vista nè terre nè altri obiettivi che consentano paragoni o valutazioni, l'orizzonte ci parrà vicinissimo. Questo perché la mente non ha nulla a disposizione su cui dare le sue valutazioni di spazio e di distanza. Però a qualche chilometro si scorge un faro oltre di esso una nave, allora l'orizzonte pare spingersi sempre più lontano e noi ci rendiamo veramente conto della sua distanza. Le nostre precedenti esperienze ci dicono che il faro, che appare grande, deve essere vicino e il transatlantico che, al confronto, appare piccolissimo deve essere lontano; ciò perché sappiamo che un transatlantico è, in realtà, molto più grande di un faro. Comprendiamo infatti che è la distanza che crea l'illusione ottica. La distanza è quindi una valutazione mentale, non una sensazione visiva; un problema per la mente, non per l'occhio che si posa su un oggetto.

Il vescovo Berkeley enunciò, molti anni fa, il principio del dottor Bates che la visione è un'attività inconscia, che non possiamo comandare agli occhi nè volgerli in un determinato modo, nè costringerli coscientemente a vedere in distanza poiché la distanza costituisce un atto mentale, l'espressione di un giudizio o di una analisi che deve prendere in esame tutti i dati di fatto presentati dall'occhio, e Organizzarli poi nella mente.

 

Dovete saper distinguere mentalmente l'aspetto diverso che assumerebbe un uomo quando fosse guardato alla distanza di un chilometro e quando a quella di tre metri. Ci sarebbe una rilevante differenza nelle proporzioni, nella chiarezza, nella massa, nei particolari. Dovete quindi servirvi dell'immaginazione per decifrare ciò che vedete e stabilire che si tratta di un uomo e non di un palo, ma di un uomo visto da una grande distanza.

 

LA MENTE CHE RISIEDE DIETRO L'OCCHIO

La mente che risiede dietro l'occhio normale compie tale valutazione inconsciamente. Essa individua un oggetto, fa un'infinità di congetture circa la sua identità e finalmente, dopo una serie di esperimenti e di errori, la verità, corroborata dalla memoria delle cose già viste, diviene dominio dell'occhio. Allora sopraggiunge questo pensiero: " Ma sì, certo, è un uomo. Non potrebbe essere altro; strano che non l'abbia riconosciuto subito! "

La mente che risiede dietro un occhio difettoso non compie un simile lavoro; non pensa nemmeno minimamente di poter osare di compierlo. Possiede il concetto errato che debba essere l'occhio, da solo, a portare le immagini alla mente, e che questa debba attendere in uno stato di inerzia e di languido ozio. Un miope ritiene che servirsi della memoria o dell'immaginazione per agevolare la visione, non significherebbe vedere, ma indovinare. Egli, invece, per vedere da lontano, sforza i deboli occhi e serve dei muscoli per tentare di conquistare con la forza la visione. Questo tentativo non riesce mai e, anzi, indebolisce il visus. invece di lasciare agire da soli gli occhi indeboliti, nella speranza che possano identificare un oggetto,

Il miope dovrebbe lasciar agire la mente e cercare di sapere che cosa l'oggetto ricordi, facendo poi sopravvenire la visione. È così che si comporta l'occhio normale. Il miope dovrebbe piegarsi ad accettare l'immagine così come gli si presenta, in modo che la mente possa poi analizzarla ed interpretarla.

Un uomo può pensare di vedere la lettera C, ma la mente attende, distratta, che gli occhi, lottando strenuamente, riescano a identificare la lettera o abbandonino la partita. Invece dovrebbe dirsi: " Vedo una lettera tondeggiante, potrebbe essere una C, una O oppure una Q ". Poi la mente, aiutata dall'occhio, dovrebbe interpretarla. È la lotta per colmare la distanza che determina la miopia. Conseguentemente, se vogliamo liberare gli occhi da ogni fastidio, dobbiamo desistere dall'abitudine di sforzarli. Sarà allora che si verificherà la visione.

È incoraggiante il fatto che nessuno sforzo può essere costante. A volte, quando ci sforziamo di meno, la visione migliora immediatamente; quando invece ci sforziamo di più, la visione diminuisce. Tutti. i miopi che di tanto in tanto aboliscono gli occhiali avvertono che la visione da lontano si svela loro, talvolta, con una improvvisa chiarezza, pari a quella apportata dagli occhiali. Si tratta di una fuggevole parentesi di vista normale O più che normale, probabilmente di breve durata, poiché sopravverrà immediatamente la vecchia abitudine dello sforzo per vedere. Però questi transitori assaggi della visione di cui godono le persone dotate di vista normale incoraggiano il miope a sviluppare un rilassamento sufficiente a conservare il funzionamento normale degli occhi.

Gli psicologi sono concordi nell'affermare che la paura provoca contrazione muscolare. I due muscoli obliqui che circondano l'occhio, permettendogli di allungarsi, sono, nell'occhio miope, contratti. Essi si allenteranno e collaboreranno con i muscoli antagonisti, i retti, solo quando gli occhi e la mente saranno rilassati; una buona visione, quindi, consiste nella buona abitudine di guardare in stato di rilassamento. Le buone abitudini possono essere acquisite solo mediante esercizi sull'uso corretto degli occhi, in modo che questi si comportino normalmente e senza essere costretti ad una continua attenzione. Il dottor John Dewey ci dice che la visione avrà luogo quando gli esercizi pratici integreranno l'abitudine della coordinazione occhio-mente fino al punto di renderla spontanea.

Gli occhi miopi provano un così grande timore della distanza da perdere ogni velleità di vedere da lontano e lasciare che il mondo si esaurisca, per loro, in uno spazio vicino. Questa mancanza di attenzione mentale è una pessima abitudine. A occhi di questo tipo bisogna insegnare a tornare a pensare in termini di distanza e ad interessarsi alle cose lontane. Ciò rappresenta appunto il primo passo per liberarli dallo sforzo.

Un giorno una ragazza miope diceva in tono di rammarico: " Ma io non riesco a vedere all'estremità opposta della stanza! " Le chiesi allora: " Che cosa non riesce a vedere? Scorge la parete? Ne abbraccia l'altezza e la larghezza? Vede la porta e le finestre munite di persiane? Che altro c'è poi? Guardi e me lo dica"..

Ricevuto l'ordine di analizzare ciò' che vedeva, la ragazza descrisse un quadro ad olio appeso alla parete, il soggetto in esso ritratto, una libreria, il vaso e i soprammobili posati su di essa, un lume, una poltrona, la scrivania e, infine l'occorrente per scrivere cioè una penna, una matita e una riga disposte su una cartella. Le venne quindi spiegato che il difetto non consisteva nella sua vista, ma nella sua mente, incapace di servirsi con profitto degli occhi. La stessa alunna entrò un giorno in una stanza della sua casa dove erano stati sistemati un divano e alcune poltrone nuove color verde smeraldo. I mobili precedenti erano di color marrone e sciupati, e il contrasto doveva quindi colpire l'attenzione di chiunque conoscesse la stanza. " Le sono piaciuti i mobili nuovi, che ha visti passando? " le chiesi. " Oh, li hanno portati? " rispose la ragazza, sorpresa. Aveva attraversato la stanza senza notare il cambiamento. Il divano e le due enormi poltrone non potevano sfuggire nemmeno ad una persona miope. La ragazza si era semplicemente rifiutata di guardare. E così che tutti i miopi trascorrono l'esistenza: le loro menti si astengono dal guardare.

Lo sforzo oculare è questione molto delicata; non si sa mai quando o come si verifica, nè come lo si possa reprimere. Quando ha luogo, il male è già avvenuto. Lo sforzo depaupera il sistema visivo del novanta per cento della sua energia nervosa. Nemmeno gli occhiali riescono a diminuire la tensione e ad allentare i muscoli oculari, che continuano a rimanere contratti. Gli occhiali si limitano ad assolvere il lavoro che dovrebbero compiere i muscoli dell'accomodamento. Ma quando la tensione è abolita e l'energia compressa viene liberata e restituita ad un uso normale, la potenza, la resistenza e la vitalità aumentano in modo sorprendente.

 

MIOPIA
(Prima di eseguire questi esercizi, togliete gli occhiali.)

i miopi debbono imparare varie cose, per poter vedere gli oggetti, in distanza, senza occhiali:

 

1. L'occhio miope deve imparare anzitutto a pensare in termini di forma, poiché è così che l'occhio normale vede: mediante paragoni. Analizzate quello che vedete, osservate se si tratta di un oggetto grande o piccolo, dritto o curvo, alto o basso, spesso o sottile, largo o stretto. Gli occhi abituati a vedere le cose distanti più di tre metri come macchie confuse, sogliono ignorare i contorni (vale a dire i precisi punti in cui la luce abbandona l'oggetto) nè pensano mai di analizzare le forme, ciò che agevolerebbe la mente nel compito di interpretare l'oggetto osservato.

Un buon esercizio consiste nel disegnare, ad occhi chiusi, con l'indice, le lettere maiuscole dell'alfabeto sul palmo della mano, e di ripetersi il contorno sommario di ogni lettera. La A è un angolo, la B, la C, la D, sono curve, la E è un rettangolo, la F è alta, ecc. Rimarrete sorpresi dall'interesse che le lettere susciteranno in voi.

2. Abituatevi a scrutare un oggetto in ogni sua parte e dettaglio. Molti miopi sogliono osservare: "Sì, ora che avete richiamato la mia attenzione su quell'oggetto, riesco a vederlo benissimo, ma prima non l'avevo notato". Il motivo per il quale non l'avevano notato risiede nel fatto che i loro occhi non avevano percorso tutto l'oggetto, non si erano mossi. Si erano completamente fissati su un solo punto, cercando di assorbirlo come un tutto unico, di inghiottirlo, se così si può dire. Nè gli occhi, nè la mente possono funzionare in condizioni del genere. Essi debbono spostarsi in una rapidissima successione su ogni parte dell'oggetto, vedendone ogni proporzione separatamente per la frazione di un secondo, senza lasciarsi sfuggire nessuna particella.

In altre parole, insegnate agli occhi a muoversi. Un buon esercizio consiste nel contare rapidissimamente una serie di cose. Non adatte alla precisione, ma imponetevi di contare. Scoprirete che l'occhio, esercitandosi ogni giorno, salterà un numero sempre minore di componenti di ogni serie di oggetti. Quali cose dovete contare? I festoni e le ripetizioni di un modello, i fiori di una tappezzeria, le righe di una stoffa, i libri su uno scaffale, i finestrini di un treno o di un tram che passa, le teste degli spettatori davanti a voi durante uno spettacolo, gli uccellini appollaiati sui fili del telefono.

Se non siete fisionomisti, ciò dipende probabilmente dal fatto che non osservate i volti nel senso vero della parola. Insegnate alla vostra attenzione a percorrere tutti i lineamenti, da un occhio all'altro, da un sopracciglio all'altro, dal naso alla bocca, al mento e poi, di nuovo, agli occhi. Paragonate la forma e l'espressione degli occhi alla forma e all'espressione di altri occhi. Notate la proporzione o la disarmonia delle sopracciglia e delle orecchie. Studiate il naso, la bocca, il mento. Osservate se entrambi i lati del viso sono identici. Compiendo tale esplorazione, scoprirete particolari affascinanti. Quando avrete visto tutto il viso, potrete rammentarlo. Gli occhi sforzati cercano di assommarlo in un'occhiata. Si fissano su una sola parte e, naturalmente, non riescono a ricordare il resto.

3. Insegnate alla mente ad interessarsi alla distanza e alle cose lontane. G]i occhi miopi si sentono tanto intimiditi dagli oggetti distanti che non vogliono correre il rischio di un insuccesso azzardando un'occhiata. Per tale motivo il mondo si restringe intorno ad essi in un campo sempre più limitato fino a che i miopi non pensano neppure a guardare quanto potrebbero scorgere. Nemmeno gli occhiali riescono a correggere questa abitudine mentale. L'occhio deve costantemente cercare la visione e il desiderio di conoscere la risposta alla domanda: " Che cos'è? " deve essere sempre più ardente.

4. Insegnate agli occhi a studiare la differenza tra l'aspetto di uno stesso oggetto, visto prima da vicino, poi da lontano; a riconoscere, cioè, le differenze create dalla prospettiva. Quelli che seguono sono esercizi atti ad interessare gli occhi alla distanza.

 

ESERCIZI PER LA DISTANZA
Esercizio dei dieci birilli.

Per prepararvi, fate prima cadere sugli occhi il sole o una luce vivida, poi effettuate il palming, estendendo il fuoco mentale per mezzo della immagine visiva dei birilli. Disponete, nella memoria, dieci birilli in linea retta. Colorateli accuratamente, rammentando il colore attribuito ad ognuno di essi. Afferrate quindi una palla e seguitela mentre lascia la vostra mano e rotola sul pavimento facendo cadere il primo birillo. Ripetete l'esercizio finchè tutti i birillli non saranno caduti.

Esercizio dell'identificazione.

1. Sedete all'estremità di una stanza illuminata e osservate tutto ciò che vi si trova. Incominciate col fissare i due oggetti più vicini a voi, alla vostra destra e alla vostra sinistra, voltando la testa prima da un lato, poi dall'altro. Ciò fatto, chiudete gli occhi e imprimetevi nella mente l'aspetto dei due oggetti.

2. Ora allontanate un poco i due oggetti, spostando accuratamente lo sguardo dall'uno all'altro e girando la testa da lato a lato. Chiudete gli occhi e volgete il capo verso ciò che avete visto prima da un lato, e poi dall'altro.

3. Rammentando quanto avete visto, aprite gli occhi, tornate a guardare e spostate i due oggetti un po' più lontano.

4. Continuate a spostare ogni oggetto sempre più lontano, interessandovi solo a quanto state guardando. Concentratevi su ogni particolare degli oggetti, analizzandone la forma e afferrando quanti più dettagli potrete.

5. Presto collocherete gli oggetti in punti così lontani che non potrete distinguerli e vi sembreranno sconosciuti. Tornate allora ad esaminarli, avvicinandovi prima all'uno, poi all'altro. Rammentate di chiudere spesso gli occhi, per riposarli, e di respirare profondamente e ritmicamente. Non sforzatevi: blandite la visione; lasciate che gli occhi presentino volontariamente quello che vogliono. Pensate a come si comporterebbe un occhio normale. L'uno o l'altro oggetto potrà rivelarsi o nella coscienza o nella visione. In qualsiasi modo vi si presenti, accettatelo: esso sarà una visione più chiara.

6. Se non si verificasse nulla, avvicinatevi agli oggetti per esaminarli. Per quale motivo non li avete visti? Avete forse analizzato in maniera poco accurata, da lontano, la forma e la dimensione? O avete omesso di scrutarne tutti i particolari? Che differenza passa tra i due oggetti quando sono visti da vicino e da lontano?

7. Tornate ora alla sedia, eseguite il palming e ricordate l'oggetto come l'avete visto quando vi siete avvicinati per osservarlo. Inspirate profondamente, espirate ed aprite contemporaneamente gli occhi: è possibile che abbiate la sorpresa di un lampo di visione nitida.

Non esercitatevi a lungo, bensì un poco ogni giorno. Le cose che il primo giorno vi parranno impossibili, in seguito diverranno facili.

 

Esercizio del cinematografo.

Il cinematografo rappresenta un buon esercizio per sviluppare la visione in distanza. Guardate lo schermo senza occhiali, dopo esservi seduti nei posti più centrali della prima o della seconda fila, e cioè tanto vicino da non sforzarsi gli occhi. Rammentate di battere spesso e palpebre, di respirare e di percorrere con sguardo tutto lo schermo, osservando ogni particolare. Di tanto in tanto, chiudete gli occhi per qualche tempo o fissate il buio per concedere loro il riposo determinato dal contrasto luce-oscurità. Se il soggetto del film si svolge all'aperto, profittate di ogni occasione per fissare lo sfondo, la distanza che la pellicola offre. Contrariamente a quanto comunemente si crede, il cinematografo è utile agli occhi e può essere sfruttato per correggere una vista miope. Poiché i film si fondano sul movimento, è impossibile tenere lo sguardo fisso e questo agevola, di conseguenza, il movimento degli occhi. Se, la prima volta che assistete alla proiezione senza occhiali, sarete in prima fila, scoprirete che, col passar delle settimane, potrete sedere sempre più distanti dal telone. Prima di ogni vostra previsione potrete sedere nella prima fila della galleria e vedere benissimo il film. Guardare dall'alto riposa sia gli occhi che il collo. E il vostro cavaliere ipermetrope tornerà a sedersi volentieri accanto a voi.

Ricordate la nostra regola: "Il riposo è la prima cosa! " e non stancate gli occhi. Se il programma include due pellicole, non avrete, in principio, la resistenza necessaria a trascorrere tutta la serata senza occhiali. Siete stati per troppo tempo schiavi delle grucce. Dovrete quindi o effettuare il palming oppure rimettere gli occhiali. Quando però gli occhi si saranno maggiormente abituati a lavorare privi di lenti, potrete farne a meno, senza stancarvi per periodi sempre più lunghi. Se è possibile, atteggiate il capo in modo da poter guardare lo schermo dall'alto in basso; guardate senza sforzarvi e non dimenticate di respirare regolarmente!

Eccellente esercizio è quello di recarsi al cinema da soli per vedere un film interessante, poi rivederlo, effettuare il Palming e seguire mentalmente la pellicola, limitandosi ad ascoltare. Quando scosterete il palmo delle mani dagli occhi, la vostra visione sarà sicuramente più vivida.

 

Esercizio del gioco delle bocce.

Per la messa a fuoco e lo sviluppo della vista, il gioco delle bocce è impareggiabile I moderni campi di bocce sono bene illuminati e ben ventilati. Se il giocatore fissa la palla mentre porta la mano indietro prima del lancio e poi passa rapidamente lo sguardo dalla palla ai birilli; se, in altre parole, porta prima la palla indietro per prendere la mira e poi la osserva mentre la lancia, la mira ne risulta migliorata gli occhi seguiranno la palla in movimenti fino a che essa non raggiungerà i birilli.

Per gli occhi miopi un altro eccellente esercizio è quello di lanciare un rapido sguardo ai birilli rimasti in piedi e calcolare quanti sono. Col procedere del gioco, questo calcolo diverrà sempre più esatto.

Anche il registrare il punteggio può arrecare benefici. In alcuni moderni campi di bocce, il punteggio, tracciato a matita a tavolino, splende simultaneamente su uno schermo luminoso, sito lontano da chi effettua il computo dei punti.

Confrontando le cifre vergate a tavolino con quelle che brillano sullo schermo, in distanza, si compie uno splendido esercizio visivo che apporterà agli occhi miopi diversi lampi di visione distinta.

 

Esercizio del palo telefonico.
Prima e dopo questo esercizio, effettuate il palming ed esponete gli occhi al sole o alla luce.

1. Scegliete un punto della strada in cui possiate scorgere una lunga fila di pali telefonici. Con l'attenzione fissa sul primo palo e il viso volto al punto prescelto, spostate lo sguardo, sollevando il capo, lungo la parte sinistra del palo fino alla sommità, poi fatelo discendere, lungo la destra, fino a terra. Notate quanti più dettagli potrete. Ad esempio i nodi o le fessure nel legno, vicino al terreno, le sbarre trasversali, più in alto, e gli isolatori di vetro alle loro estremità.

2. Contate i fili e passate poi ai fili del palo vicino.

3 Concentrandovi, ripetete lentamente l'osservazione del secondo palo come avete fatto col primo.

4. Paragonate il secondo al primo: rendetevi conto che esso è più lontano, assaporate la sensazione della distanza.

5. Chiudete gli occhi, riposate e respirate.

6 Quando riaprite gli occhi, passate dal primo palo al secondo percorrendo con lo sguardo i fili, avanti e indietro, diverse volte.

7. Passate al terzo palo e ripetete l'esercizio.

Otterrete ogni giorno immagini sempre più chiare e particolareggiate, e ad un certo punto potrete esaminare il settimo e l'ottavo palo meglio di quanto, inizialmente, non abbiate esaminato il primo e il secondo.

 

Esercizio del gioco delle carte.

Questo esercizio mira a far accettare agli occhi l'aspetto che le cose familiari assumono in distanza. Prima e dopo averlo eseguito, esponete gli occhi al sole o alla luce.

1 Prendete due mazzi di carte e prelevate da ognuno di essi tutte le picche. Disponete le carte di un mazzo, in scala, contro una parete, in terra o su un tavolo, in modo da poterle vedere da lontano.

2. Proiettate su di esse una forte luce e sedetevi a una distanza tale da non potete distinguere con eccessiva chiarezza le singole figure.

3. Stringendo in una mano le picche de altro mazzo, scegliete l'asso ed esaminatelo accuratamente, in ogni suo dettaglio, portandolo prima vicinissimo al naso, quindi reggendolo col braccio teso e paragonando diverse volte la visione da vicino e quella da lontano.

4. Chiudete gli occhi delicatamente e rammentate come l'asso vi appare quando è tenuto col braccio disteso; respirate profondamente aprite gli occhi e fissate, mentre espirate, l'asso contro la parete. Scrutatelo attentamente come avrete scrutato quello che avete in mano.

5. Se siete troppo distanti per individuare la carta, dopo qualche tentativo, avvicinatevi un poco. Non sforzatevi!

6. Continuando ad esaminare le carte, il due, il tre, il quattro, e via dicendo, potrete forse allontanarvi di nuovo e individuare le singole figure ugualmente bene. Avvertimento: invitate la visione; non fissate, non sforzatevi. La visione è un impulso. Non potete esercitare imposizioni. Se vi rilassate ed espirate, l'otterrete. Non socchiudete le palpebre; non corrugate le ciglia per cercar di vedere chiaramente. Ciò sarebbe un barare, un ingannare la visione, e rappresenterebbe un danno per gli occhi.

7. Quando una carta vi appare chiaramente, percorretela con una rapida occhiata. Fissandola, annullereste la chiarezza della vostra visione. Muovete lo sguardo. contando ogni segno, e osservate bene i quattro angoli. Ciò intensificherà la visione.

 

8. Quando vedete chiaramente una carta, passate rapidamente lo sguardo su tutta la fila. La chiarezza della visione potrebbe durare sia per alcune carte che per tutte.

Man mano che progredite nel modo di usare gli occhi e sarete ricompensati da una migliore visione, potrete variare l'esercizio. Scegliete altri semi (i rossi riusciranno più difficili) oppure mescolate i semi che avete in mano e riconoscete la carta gemella in distanza. Potrete anche mescolare entrambi i semi. Mescolate infine i mazzi e servitevi di tutti i semi dall'asso al cinque. Ogni volta che avvertite sforzo o stanchezza, non allontanatevi troppo dalle carte, anzi, avvicinatevi. Rammentate che lo scopo dell'esercizio è quello di confrontare, l'aspetto che la stessa cosa assume quando è vista da vicino e quando da lontano; si tratta, insomma, di un'attività mentale.

Inventate nuovi esercizi per imparare:

1. a pensare alla forma;

2. a percorrere interamente con lo sguardo un oggetto;

3. ad interessarvi alla distanza;

4. ad analizzare la prospettiva.

Ricordate: la noia annulla la visione perché uccide l'interesse. Interessatevi sempre a tutto ciò che vi circonda. Ravvivate l'interesse che portate al vostro mondo particolare.

Gli occhi miopi si lasciano sfuggire un'infinità di particolari, che pure sono nel loro campo visivo, perché omettono di guardarli. Pensate a guardare! Analizzate poi la cosa che guardate: sostenete la visione con la mente. Guardate con interesse e attenzione; il contrario, cioè, del fissare e del sognare ad occhi aperti.

 

Esercizi del calendario.

Preparazione: Attaccate il calendario allegato a questo libro ad un attaccapanni, in modo che si trovi in buona luce e ad una giusta distanza da voi. (Il calendario dovrà essere stirato con un ferro caldo perché sparisca ogni piega della carta.) Questo esercizio, che è stato ideato da Huxley e va eseguito in casa, dà eccellenti risultati poiché costringe gli occhi a muoversi rapidamente prima nella visione da vicino, poi in quella da lontano, e fa sì che in ambedue i casi essi si centralizzino. È un esercizio divertente. La mente, interessata, cessa di affaticarsi nè è sottoposta a sforzi; gli occhi sono quindi liberi da ogni contrazione visiva.

Imparate a compiere giochi di destrezza con due palle di gomma o, se non avete le palle a portata di mano, con altri due oggetti rotondi. Tenete una palla in ogni mano. Lanciate una palla in alto con la destra e afferratela con la sinistra che avrà nel frattempo passato rapidamente l'altra palla nella destra, e sarà pronta a ricevere quella che discende. Sembra una faccenda complicata, ma un po' di esercizio vi renderà abili giocolieri. Inizialmente tenderete a guardare in alto in attesa della palla, tenendo lo sguardo fisso. Badate, invece, di seguire con l'attenzione e con lo sguardo la palla mentre sale e scende. Seguitela mentre è lanciata da una mano e ricade nell'altra, e non sbaglierete mai perché diventerete giocolieri provetti.

Esercizio A: Effettuate anzitutto il palming ed esponete gli occhi alla luce o al sole. Collocatevi quindi ad una giusta distanza dal calendario, di fronte ad esso, la testa alta. Seguite con lo sguardo la palla, il naso puntato verso di essa, dal momento del lancio a quello in cui ricadrà nella sinistra; subito dopo, guardate in fretta il numero 1 del calendario fissando lo sfondo bianco che appare ai suoi due lati Chiudete gli occhi, ondeggiate e respirate regolarmente. Lanciate la palla due volte e fissate lo sfondo bianco all'uno e all'altro lato del numero 2. Chiudete gli occhi, ondeggiate e respirate regolarmente. Lanciate la palla tre volte e ripetete il solito procedimento col 3, aumentando il numero dei lanci man mano che leggete le cifre più alte. Bisogna assolutamente reprimere la tentazione di spostare lo sguardo dalla palla al numero prima di aver osservato il giro completo della palla da una mano all'altra. Mentre giocate, è probabile che i numeri vi appaiano più chiari. In tal caso, arretrate di un passo. Coll'andar dei giorni potrete forse arretrare di vari altri passi. Per rafforzare un occhio debole, eseguite l'esercizio tenendo quello più forte bendato, ma procurando che, sotto la benda, esso resti aperto.

Immedesimatevi nel gioco, e, mentre le lanciate, spostate sempre lo sguardo dalle palle al calendario.

Esercizio B (Eseguite il palming ed esponete gli occhi al sole o alla luce).

Per questo esercizio avvertirete forse la necessità di avvicinarvi al calendario perché dovete essere in grado di vedere i numeretti dei due mesi che si trovano in basso. Eseguite gli esperimenti per la distanza e scegliete una posizione che vi permetta di leggere senza sforzo anche se i numeri non vi appaiono completamente chiari.

Lanciate ora una volta a palla, guardate l'1 grande, quindi portate celermente lo sguardo prima sull' 1 piccolo del mese di sinistra e infine, sempre rapidamente sull1 piccolo del mese di destra. Chiudete gli occhi, ondeggiate e respirate profondamente.

Lanciate la palla due volte e guardate prima il 2 grande poi, sempre rapidamente, il 2 piccolo di sinistra e il 2 di destra. Chiudete gli occhi, ondeggiate e respirate.

Dopo la lettura di ogni numero, chiudete sempre gli occhi e ondeggiate. Fermatevi prima di avvertire stanchezza ed eseguite il palming.

Esercizio C. lì globo oculare si allunga come una macchina fotografica; per i primi piani, l'occhio miope assolve bene il suo compito. Deve invece imparare ad appiattirsi, vale a dire a raccorciarsi nell'asse; come una macchina fotografica per le vedute da lontano. L'esercizio che segue è stato ideato per insegnare ai muscoli che appiattiscono e allungano il globo oculare a prestare la loro collaborazione in modo che il globo oculare miope possa cambiare di forma e divenire da lungo appiattito, acquistando così là capacità di vedere le cose distanti.

1. Prendete un calendarietto che corrisponda, per la disposizione dei giorni del mese, al calendario grande e, come preparazione, eseguite il palming e la esposizione al sole. Se questo manca, esponete gli occhi chiusi ad una luce artificiale. Sedetevi di fronte al calendario grande, ma ad una distanza che non vi consenta di vederne con chiarezza i numeri più marcati.

2. Portate il calendarietto alcuni centimetri davanti al volto e fate scorrere lo sguardo ai due lati del numero 1 ivi stampato, spostandolo rapidamente sul numero 1 distante.

3. Chiudete gli occhi, ondeggiate e respirate. Non preoccupatevi se il numero lontano non diventa immediatamente chiaro. Non insistete, non tentate. La visione migliorerà mentre voi passerete in rassegna tutta la serie dei numeri.

4. Guardate ora lo sfondo bianco che compare ad ogni lato del numero 2 del calendarietto e ripetete l'osservazione per il 2 del calendario lontano.

5. Chiudete gli occhi, ondeggiate e respirate. Attenti a non trattenere il respiro, guardando. Continuate nello stesso modo con ogni numero e scoprirete che gli occhi avranno la sensazione di guardare lontano. Che questa sensazione sia piacevole, gli occhi lo dimostreranno fornendovi una visione più chiara.

Rammentate, e questo vale per tutti i nostri esercizi, che il tempo dedicato al riposo non è mai sciupato. La visione si avvantaggia del riposo e l'occhio è conseguentemente in grado di assolvere maggiori compiti.

Quanto vi abbiamo suggerito non è che l'inizio degli esercizi per occhi miopi. E difficile, per un miope, eseguire tali esercizi da solo. Se potesse ricorrere all'aiuto di un amico o di un parente comprensivo che leggesse le nostre istruzioni e ne sorvegliasse l'attuazione, ciò gli sarebbe di grande aiuto ai fini del raggiungimento della visione normale.

 

GLI OCCHIALI

Spesso i nostri allievi miopi ci chiedono :"Dovrei togliermi gli occhiali immediatamente e non inforcarli mai più?" La risposta è: no. Non lasciate gli occhiali se non quando la vostra vista non sia in grado di funzionare ugualmente senza di essi. certo che non vi avvicinereste mai ad uno storpio, desideroso di imparare a camminare, per afferrargli le grucce e gettarle via. Gli insegnereste invece a servirsi gradualmente delle membra e ad acquistare una resistenza capace di farlo rimanere in piedi e di farlo camminare senza aiuto. Allora sì che lo storpio non avvertirebbe più il bisogno delle grucce. Analogo ragionamento vale per gli occhiali; col rafforzarsi della visione saranno frequenti le occasioni in cui non avvertirete il bisogno degli occhiali. Dobbiamo emancipare gli occhi dalle grucce a misura che la visione si sviluppa. Normalizzandosi la vostra visione e risultando gli occhiali da voi usati troppo forti, dovrete consultare l'oculista circa l'opportunità di passare a lenti più deboli.

Gli occhi miopi vedono bene da vicino. Per essi non è quindi gravoso leggere anche una stampa minuta, purché il libro sia tenuto abbastanza vicino. Leggere da vicino con lenti da miopi riservate alla visione da lontano equivale a, leggere un libro col binocolo. Cercate invece di leggere ad occhio nudo. Mentre la visione da lontano si andrà regolarizzandosi scoprirete che gradualmente potrete allontanarvi il libro dagli occhi, sino ad una distanza normale.

Avvertimento: non arrischiatevi a guidare l'automobile privi di occhiali, a meno che non abbiate superato l'esame di guida senza lenti. Rammentate che, finchè non raggiungono un grado di vista sufficientemente acuto, gli occhi sono non soltanto lenti nella percezione ma pigri nei movimenti. Nel pieno del traffico, gli incidenti si verificano in una frazione di secondo. Noi non imponiamo di togliere gli occhiali quando si guida; noi ricostituiamo il visus. Sarà lo stato ad esentarvi dall'obbligo delle lenti quando avrete acquistato una visione sufficiente a superare l'esame di guida.

Gli occhi miopi in fase di rafforzamento, possono servirsi di occhiali forti per scorgere un oggetto che è al di là del loro campo visivo; non diversamente il capitano d'una nave si serve del binocolo per scorgere cose che sfuggono alla vista di occhi normali. Siate giudiziosi: non correte rischi ed evitate gli sforzi. Vi sono molti luoghi e molte situazioni che non richiedono una concentrazione mentale, e un occhio miope può servirsi del proprio potere a suo piacimento; ad esempio, quando ci si veste, al mattino.

 

CAPITOLO SETTIMO

SVILUPPO DELLA VISTA DA VICINO

" Che vale ad un uomo conquistare il mondo intero e divenirne il padrone se soffre di ulcera gastrica... e deve usare lenti bifocali? JOHN STEINBECK.

Ai nostri giorni, quasi tutte le persone sui quarant'anni si avvedono che, leggendo, avrebbero bisogno o di braccia più lunghe per reggere il libro o di una visione migliore per decifrare i caratteri. Gli occhi che incontrano difficoltà nella lettura possono essere ipermetropi o astigmatici, ovvero possono presentare quella che i dottori chiamano presbiopia o " vista dell'età avanzata ". Tali difetti vengono attribuiti all'indurimento del cristallino. Gli occhi che ne sono affetti sostano a lungo sulle righe della stampa e non sanno muoversi come gli occhi normali. Possono però imparare a farlo. Possono cioè ringiovanire la loro visione imparando a leggere in stato di rilassamento. È la tensione, non l'età ad influire sulla visione da vicino. Quasi tutti conosciamo persone d'età avanzata che hanno conservato la capacità di leggere senza occhiali. Persone che hanno visitato il Belgio prima della guerra, hanno narrato che le vecchie beghine dei conventi, cui si debbono i famosi pizzi di Bruxelles e che hanno trascorso l'intera vita eseguendo tali lavori, non portano occhiali pur avendo Ottant'anni o più. Esse hanno lavorato in condizioni eccellenti di illuminazione (naturalmente, più alla luce del giorno che a quella artificiale) e senza che sforzi mentali, ambiziosi o costrizioni influissero sui loro nervi. E, questo, un meraviglioso esempio di ciò che gli occhi umani possono compiere quando, durante la loro attività, ci si mantenga in stato di rilassamento.

La tensione è la causa dell'incapacità di leggere; si tratta, più precisamente, della tensione dei quattro muscoli retti che appiattiscono l'occhio. Quando, in seguito ad un rilassamento mentale, i muscoli retti si distendono, i due muscoli antagonisti, gli obliqui, sono capaci di assolvere il loro compito che consiste nel provocare l'allungamento del globo oculare. Ciò rende possibile una lettura facile, comoda e non accompagnata da sforzi. Il cristallino rimane quello che è e il fatto che sia duro o morbido è una circostanza evidentemente irrilevante giacche è possibile leggere sia nell'uno che nell'altro caso. Se il rilassamento viene praticato con serietà e tenacia, una buona visione da vicino può divenire una capacità permanente quale che sia la nostra età. Per esprimerci in termini più tecnici, diremo che gli occhi che hanno perduto i loro potere di accomodamento dovrebbero essere rieducati per recuperarlo.

CINQUE REGOLE
(eccellenti per chiunque poserà la cosiddetta vista dell'età avanzata.)

1. Stabilite di respirare più profondamente e con maggiore frequenza quando vi servite degli occhi per guardare da vicino. Respirate quando guardate!

2. Mentre leggete, cercate di conservare una sensazione di morbidezza nei globi oculari, allentando la palpebra. Ciò ridurrà la pressione orbitale esercitata sui globi, liberando gli occhi dall'abitudine di restare socchiusi (vedi capitolo nono). Chiudete gli occhi spesso per accertarvi che questa morbidezza permanga e, qualora l'abbiate persa, per riacquistarla.

3. Battete spesso le palpebre e lubrificate gli occhi. In tal modo gli occhi non proveranno, durante la lettura, la sensazione di essere pieni di sabbia o di pagliuzze.

4. Ogni volta che, durante il giorno, volgete gli occhi verso qualche punto lontano, gettate a titolo di compenso, una rapida occhiata a qualche cosa che vi sia vicina: ed esempio alle unghie o all'orologio da polso.

5. Abituate gli occhi a misurare e a controllare gli oggetti che guardate Ciò migliorerà il vostro potere di osservazione, radicando in voi l'abitudine di muovere gli occhi quando li applicate alla visione in distanza, che vi riesce più agevole. Il risultato sarà che gli occhi finiranno col conservare questa abitudine durante la visione da vicino, che è per voi più difficoltosa.

Il primo passo della rieducazione consiste nella eliminazione dello sforzo mentale, sforzo che determina la contrazione degli occhi. Ricorrete perciò agli esercizi spiegati nel capitolo quarto per riacquistare il rilassamento mentale. Gli occhi del tipo di quelli di cui ci stiamo occupando, hanno sia lo sguardo mentale che quello fisico alterato, perché chi se ne serve pensa e legge fissando successivamente ogni punto di uno scritto. Dobbiamo istradare la mente e la visione e leggere bene sia con la mente che con gli occhi. Anche coloro che praticano il metodo ortodosso hanno adottato questa teoria e insegnano ora che " vedere qualcosa è più importante della acutezza visiva ".

Il passo seguente consiste nel provocare il rilassamento degli occhi. Eseguite tutti gli esercizi di rilassamento del capitolo nono e specialmente quelli mattutini, poiché sono proprio gli occhi presbiti ad avere bisogno di allentarsi e di aprirsi, allo scopo dì risparmiare alla sommità del globo oculare il peso delle palpebre e delle sopracciglia abbassate.

Riservate particolare importanza all'esposizione al sole e ai palming. Cosa strana, proprio le persone che ne hanno più bisogno si ribellano all'esposizione al sole e lesinano il tempo occorrente per sviluppare il rilassamento mediante il palming. Ma la tenacia recherà, con l'andare del tempo, l'accettazione della luminosità solare e il godimento della calma originata da un palming ben riuscito.

SUGGERIMENTI PER GLI OCCHI DELLE PERSONE ANZIANE

Effettuate l'ondeggiamento dell'elefante alla luce o prendendo un bagno di sole. Questa attività fisica placa i nervi e rende il palming più gradito. E non fate che il palming vi annoi o, peggio ancora, non costringetevi a rimanere immobile per un mero sforzo di volontà: dovete evitare di tormentarvi al pensiero delle molte cose che potreste fare in quel periodo di riposo di dieci minuti. Rammentate che un po' di rilassamento rappresenta un effettivo guadagno di tempo. Dopo un palming ben riuscito, il vostro pensiero sarà meglio organizzato, la vostra azione diventerà più efficiente e l'esplicazione delle vostre mansioni richiederà un tempo minore. In altre parole, non agitatevi inutilmente, nè in senso mentale nè in senso fisico. Accendete la radio e captate qualche musichetta, qualche conversazione, qualche commedia interessante, tenendo il palmo delle mani appoggiato sugli occhi serrati, in una posizione tale da formare una coppa scura e calda su ogni occhio. Appoggiate i gomiti su un cuscino, in modo che le braccia non si stanchino. Mantenete la mente agile, interessata e lieta. Di tanto in tanto, respirate profondamente, decisi a godere di questo momento di riposo.

Eccovi così pronti a servirvi degli occhi. Rammentate sei cose:

1.Evitate qualsiasi tentativo di vedere la stampa, poiché quanto più tenterete di farlo, tanto più i caratteri si offuscheranno e vi riuscirà penoso o impossibile leggere.

2.Non ricorrete ad alcun trucco, ad alcuna pressione o distorsione delle palpebre e delle sopracciglia per distinguere meglio la stampa. Simili artifici sono deleteri per l'occhio: ne annullano il miglioramento e gli impediscono di acquistare definitivamente una buona visione.

3.Rammentate che la memoria di una visione imperfetta od offuscata renderà la visione ancora più imperfetta; non permettete perciò alla mente di sostare su ricordi di aberrazioni astigmatiche. Chiudete invece gli occhi e ricordate qualche cosa vista precedentemente ma chiara e nettamente definita. Indirizzate la mente verso il ricordo di una vista perfetta.

4. Durante la lezione esponetevi al sole o alla luce, ed eseguite frequentemente il palming. Riposatevi prima ancora di essere stanchi. Conoscerete certo il vecchio detto che afferma " è meglio prevenire che curare ". Dite invece: " se ci si riposa prima di essere stanchi non ci si esaurisce mai ".

5. Procuratevi la luce migliore di cui potete disporre (migliore di tutte quella solare specie se cade sulla pagina di stampa); dunque, una buona luce diurna o il suo equivalente, cioè una forte luce artificiale (vedi capitolo quinto). Se farete sì che il sole cada sulla pagina, questa dovrà essere inclinata, in modo da non ricevere riflessi.

6. Leggendo, ricorrete frequentemente agli esercizi mentali, ottimi per il rilassamento e per allentare la tensione dei muscoli oculari.

Un'eccellente preparazione per l'esercizio di lettura dopo l'esposizione al sole e il palming è l'esercizio del calendario. descritto nel capitolo sesto. Quando vi servite del calendarietto, (esercizio C) passando lo sguardo dai numeri piccoli a quelli grandi, in distanza, non usate inizialmente un calendario troppo piccolo, ma uno che possiate vedere facilmente. Se necessario, potrete leggere il calendario tenendo il braccio disteso. Col passare dei giorni, potrete avvicinarlo agli occhi man mano che la visione migliorerà. Guardate l'1 del calendario che avete in mano e il corrispondente numero del calendario lontano, poi tornate al calendario vicino. Questo movimento offre al globo oculare appiattito due occasioni di allungarsi, per la visione da vicino, ogni volta che spostate lo sguardo. Badate di chiudere gli occhi, di ondeggiare e di respirare dopo ogni serie di spostamenti dello sguardo. Guardate ogni volta i numeri con disinvoltura, senza tenere gli occhi fissi e senza pretendere la chiarezza. Accettate quanto vi si presenta al primo sguardo, chiarendo, quando chiudete gli occhi per riposare, la vostra immagine mentale del numero considerato.

Leggere significa interpretare segni neri su spazi bianchi o viceversa; la lettura è, in altre parole, il contrasto tra il nero e il bianco. Prima di ogni altra cosa, quindi, insegniamo agli occhi a guardare e a rilevare il bianco. Estraete la tavola 1 dalla busta della copertina posteriore del volume e volgetela dalla parte bianca. Esponete questo foglio bianco al sole o ad una buona luce, tenendolo innanzi al viso e fate scorrere lo sguardo da un angolo della superficie a quello opposto, avanti e indietro. Avete automaticamente tenuto la tavola distante? Cercate di avvicinarla sempre di più mentre continuate a scorrerla con lo sguardo. Questo non può arrecarvi fastidio, anche se tenete la tavola molto vicino, giacche guardate soltanto una superficie bianca e, quindi, non entrano in campo nè gli occhi nè la mente. Il globo oculare, però, si allunga ugualmente per effetto della vicinanza della tavola.

Non tentate nulla, non sforzatevi, fate soltanto scorrere lo sguardo sulla tavola. Quando avrete la sensazione del bianco, chiudete gli occhi e rammentatelo, continuando, mentalmente a scorrere la tavola con lo sguardo.

Imparate a percorrere le piste: quando aprite gli occhi, voltate la tavola dalla parte opposta quella che corrisponde ai " Principi di esercizi oculari ". Invece di leggere, fate scorrere la visione sull'intervallo bianco che separa le singole righe dei paragrafi a caratteri minuti che figurano in calce alla tavola, spostando anche lo sguardo da un margine all'altro del foglio. Non fate tentativi, ma lasciate scorrere lo sguardo e aprite e chiudete gli occhi alternativamente, come avete fatto col retro della tavola. Alla fine, gli spazi bianchi tra le righe a caratteri minuti scintilleranno come se fossero piccole piste. In un primo tempo, è probabile che teniate il foglio piuttosto lontano dagli occhi. Per la distanza, lasciatevi guidare dalla vostra comodità e non sforzate mai la visione. Se questa si svilupperà, vi parrà che la tavola si avvicini da sola. La stampa dovrebbe sembrarvi tanto più chiara quanto più vi approssimerete alla fine della tavola. Contrariamente alle teorie tradizionali, la lettura di caratteri a stampa minuti richiede uno sforzo più lieve che non la lettura di grossi caratteri, poiché lo spazio che occorre dominare è minore e quindi non ci si stanca. Rammentate di respirare regolarmente e di battere spesso e leggermente le palpebre. Cercate di evitare agli occhi il peso delle sopracciglia e delle palpebre.

Ora percorrete le piste bianche tra i paragrafi 9, 10 e 11, alternando questo movimento a ondeggiamenti ad occhi aperti e chiusi. Rammentate di respirare regolarmente e non cercate di leggere. Non si tratta di un esercizio di lettura, ma di un espediente per distendere i muscoli contratti. Man mano che gli spazi tra ogni gruppo di righe stampate diventano bianchi, spostate l'attenzione sugli spazi più larghi dei gruppi superiori. Continuate ad alternare ondeggiamenti ad occhi aperti ad ondeggiamenti ad occhi chiusi, e badate alla respirazione. Quando sarete arrivati agli spazi più ampi, sarete forse sufficientemente rilassati per leggere. Percorrete le piste lentamente, lievemente e riflessivamente. Concentrate l'attenzione sullo sfondo bianco e non sulla stampa. L'osservazione di una superficie uguale richiede uno sforzo così lieve che, praticandola, il vizio di rifrazione diminuisce e scompare addirittura.

Quando sarete capaci di leggere, tenete la tavola a una distanza a voi comoda e continuate a muovere lentamente il capo, da lato a lato. Lasciate però che gli occhi corrano quanto vogliono. Infatti tanto più celere è la lettura, tanto minore è lo sforzo, giacche non si contrae l'abitudine di tenere lo sguardo fisso. Siate o no stanchi, chiudete gli occhi alla fine di ogni paragrafo o anche più spesso, se ne avvertite il bisogno. Il tempo dedicato al riposo non è mai sciupato. Chiudete gli occhi, riposate e ondeggiate. Rammentate tutto ciò che avete visto, respirate e tornate alle parole, giacche potrete continuare. La memoria apporta la visione e un respiro profondo libera dalla tensione.

Passate in rassegna le vostre abitudini visive. Le palpebre e le sopracciglia si sono forse abbassate per aiutarvi a vedere la stampa con chiarezza? Male, male! È una visione alterata! Tenete gli occhi aperti. Aperti, ma come? Non certo sbarrati fino alla fissità. Alzate il viso e percorrete con lo sguardo il soffitto, da parete a parete. Ora saprete come dovrete tenere aperti gli occhi e potrete rileggere la prima riga.

Notate bene che v'è differenza tra battere le palpebre e chiudere gli occhi. Guardate la prima parola, contrassegnata dal paragrafo 1, e battete lievemente le ciglia. Gli occhi rimangono a fuoco, la palpebra si limita semplicemente ad abbassarsi e ad alzarsi. Chiudete ora gli occhi, lievemente, e, con un respiro, tornate alla stessa parola. Vi parrà che gli occhi tornino a fuoco da luoghi lontani, con un senso di riposo più completo. Rammentate, quindi, di battere spesso le palpebre e di chiudere gli occhi almeno al termine di ogni paragrafo.

Se non vi sentite perfettamente a vostro agio e avvertite spesso la necessità di riposare, eseguite questi esercizi con un occhio solo alla volta, fino a quando non vi renderete conto di essere più forti e di poter usare ambedue gli occhi. Prima, però, di usarli entrambi contemporaneamente, esponeteli al sole ed eseguite prima il palming poi, riposando, l'ondeggiamento del " disco di metallo ".

Questi esercizi, eseguiti con garbo, con riflessione e quotidianamente, dovranno con assoluta certezza rilassarvi gli occhi. Verificatosi il rilassamento, la visione potrà migliorare.

I RITAGLI

Molte persone che non riescono a leggere, non conoscono la forma delle lettere di cui le parole si compongono. Ora, riesce sempre difficile vedere cose non familiari. Prima, quindi, di passare ad un altro esercizio, eseguite il seguente esperimento. Munitevi di carta e matita e, senza avere sotto gli occhi nè libri nè giornali, scrivete tutte le lettere minuscole imitando i caratteri a stampa. Se non farete attenzione, mescolerete le lettere maiuscole a stampa ad altre in corsivo o, almeno, non riuscirete a ricordare la forma di talune lettere. È vero? E la b, la q, la r, la g, la d, la i, le avete scritte bene? Ecco, avete, per anni ed anni, letto parole composte di lettere a voi non familiari. Estraete ora la tavola 2 dalla busta della copertina del libro ed esaminate le lettere. Compite l'esame nella maniera che vi dirò e le lettere vi si imprimeranno nella mente per sempre. Guardate il ritaglio bianco o cavità che splende nella c. Chiudete gli occhi e rammentate la forma della parte bianca. Tornate ancora a guardarla poi passate alla a. Chiudete gli occhi e ricordate; aprite gli occhi, guardate di nuovo e passate alla i. Guardate il bianco che si trova sotto il puntino alla sinistra e alla destra della i. Chiudete gli occhi, pensate e tornate a guardare, continuando finche non siate giunti al limite consentito dalla vostra vista. Ora, leggerete con maggiore facilità le parole della tavola 1. Provate adesso di nuovo a leggere il paragrafo 1. È più chiaro?

I vostri globi oculari si rifiutano forse di allungarsi e di accettare la vicinanza della pagina bianca? Imponete loro il seguente esercizio:

ESERCIZIO DELL'AVVICINAMENTO

1. Coprite un occhio con il palmo della mano (ma senza premerlo, in modo che possa aprirsi insieme al compagno) e distendete il palmo dell'altra mano, allo stesso modo di una chiromante che interpreta le linee.

2. Tenendo il braccio teso, percorrete con lo sguardo, ripetutamente, tutte le piccole linee tracciate sul palmo.

3. Chiudete gli occhi e continuate mentalmente a scrutare la mano e a ricostruire le linee che avete osservato.

4. Respirate, avvicinate la mano al volto, aprite gli occhi e tornate a guardare.

5. Ripetete: scrutare la mano, chiudere gli occhi, rammentare di avvicinare il palmo finche non sia prossimo al naso. Potrete tuttora scorgere qualche linea e senza alcuno sforzo, perché avete gradualmente allungato il globo oculare.

6. Ripetete ora l'esercizio con l'altro palmo e l'altro occhio.

7. Riposate esponendo gli occhi al sole o alla luce ed eseguendo il palming.

8. Ripetete l'esercizio con entrambi gli occhi. Dovreste essere immediatamente in grado di leggere meglio. Avvertimento: guardando con entrambi gli occhi non tentate di portare il palmo troppo vicino al naso, come facevate quando eseguivate l'esercizio con un occhio alla volta; potreste avvertire un senso di disagio.

Quando avrete compiuto con successo questo esercizio, potrete permettervi di passare a quello delle impronte digitali.

ESERCIZIO DELLE IMPRONTE DIGITALI

1. Coprite un occhio col palmo di una mano. Allungate il braccio destro e fissate il polpastrello dell'indice in modo da individuare e scrutare i minuscoli solchi che di solito interessano gli esperti di impronte digitali.

2. Chiudete gli occhi, rammentate i particolari che avete appena notato e, sempre ad occhi chiusi, avvicinate l'indice di tre centimetri.

3. Con un profondo respiro, aprite languidamente gli occhi fissando il polpastrello e studiandone ogni piccolo segno.

4. Ripetete l'esercizio, avvicinando l'indice all'occhio. astenetevi da qualsiasi sforzo e costrizione e limitatevi ad invitare la visione.

5. Questo esercizio allunga lievemente il globo oculare, allentando i muscoli retti. Nel contempo, gli obliqui sono costretti a contrarsi gradualmente schiacciando il globo oculare ciò che assicura una migliore visione da vicino. È, questo, un esercizio di facile esecuzione, poiché, non essendovi nulla da interpretare, non si compiono nè inutili tentativi, nè sforzi mentali. Il sole, illuminando il polpastrello, vi sarà di aiuto. Questo semplice esercizio, che può essere eseguito ovunque e in qualsiasi momento senza attirare l'attenzione degli astanti, allenterà gradualmente la tensione del globo oculare.

 

ESERCIZIO DELLO STUZZICADENTI

Questo esercizio persegue la centralizzazione; mira cioè a far vedere all'occhio, per una frazione di secondo, un punto piccolissimo. Quanto più piccolo è il punto visto, tanto più perfetta è la visione. Non cercate di chiarificare voi stessi i punti. Lasciate che si chiariscano da soli, come è probabile che avvenga mentre vi muoverete ondeggiando prima verso l'uno, poi verso l'altro.

1. Procuratevi due stuzzicadenti, preferibilmente colorati. Sceglietene uno rosso e uno verde e tenete il primo dritto nella mano sinistra e il secondo dritto nella destra. Le mani devono essere a circa mezzo metro di distanza l'una dall'altra.

2. Chiudete ora gli occhi e fate ondeggiare lievemente la testa da lato a lato, volgendo il viso e concentrando la mente prima sulla punta di uno stuzzicadenti, poi su quella dell'altro.

3. Aprite gli occhi e guardate per quattro volte prima la punta di uno stuzzicadenti, Poi la punta dell'altro.

4. Tornate a chiudere gli occhi, continuando ad ondeggiare, e ricordate ciò che avete visto, avvicinando, al tempo stesso, i due stuzzicadenti. Qualora vi sembrino confusi, offuscati o doppi, non preoccupatevene. Voi " sapete " che le punte sono, in realtà, acuminate e chiare. Ogni volta, quindi, che chiudete gli occhi, cercate di vederle ben chiare nella mente. Può darsi che, riaprendo gli occhi, vi sembrino più nette.

Prima di abbandonare una punta per passare all'altra, badate a distogliere lo sguardo da essa. Ogni volta che chiudete gli occhi, girando il capo, avvicinate di un poco le punte, fino a che la distanza che le separa non sia maggiore della lunghezza di uno stuzzicadenti. Potete ora concentrare il fuoco visivo e la mente prima su una punta, poi sull'altra? Se lo potete, vuol dire che avete raggiunto una piena centralizzazione e che, aprendo un libro, è probabile che la stampa vi paia più chiara.

In tutti questi esercizi, fate sì che la vostra coscienza sia pervasa dalla sensazione del rilassamento. Questo è, infatti, una sensazione. Durante un'attività che richiede attenzione, non si perde mai del tempo se si chiudono gli occhi e ci si abbandona per un istante. Dopo questi esercizi di ravvicinamento, potrete forse leggere fino in fondo la tavola 1 e anche qualche pagina di libro.

L'ARTE DI LEGGERE

Preparate gli occhi alla lezione con esposizione al sole (o alla luce), ondeggiamenti e Palming.

Quando sarete in grado di leggere i paragrafi 4 e 5 della tavola 1, effettuate questo esercizio:

Sulla tavola 3 troverete, stampato in caratteri nitidi e perfettamente leggibili, l'articolo " L'arte di leggere " imperniato sugli insegnamenti di William H. Bates. Sulla tavola 4 (non importa se non siete in grado di leggerlo) lo stesso articolo è riportato in caratteri microscopici. Più minuta è la stampa, minore è lo sforzo richiesto per leggerla. Potrete fornire a voi stessi, e ai vostri occhi, la prova della fondatezza di questa affermazione.

Reggete le due tavole l'una accanto all'altra, esponendole ad una buona luce, preferibilmente a quella solare.

I. " Inquadrate " quella stampata a caratteri nitidi, spostando il viso e facendo scorrere lo sguardo lungo i margini, partendo dal basso e seguendo successivamente il lato sinistro, quello superiore, quello destro e la base. Ripetete tutto questo diverse volte, limitandovi a guardare i margini bianchi che circondano lo stampato.

2. Ripetete l'inquadramento con lo stampato microscopico finché non appaia ben incorniciato dal bianco dei margini.

3. Ora che gli occhi hanno acquisito la sensazione dello sfondo bianco, scorrete con attenzione lo stampato dai caratteri nitidi; vi identificherete irregolari striscette bianche che fanno pensare a riscelti o a sentieri bianchi e brillanti. Osservatele per un poco, concentrando l'attenzione ma senza sforzi, or qui or lì.

4. Fate ora lo stesso con lo stampato minuto dell'altra tavola. Nello stampato, sebbene microscopico. splenderanno gli stessi ruscelletti o sentieri bianchi in miniatura.

5. Adesso, con un movimento lento e breve del capo, che vi permetterà di spostare il viso da un margine all'altro, fate scorrere lo sguardo lungo la riga bianca che si presenta immediatamente sotto il titolo dello stampato a caratteri nitidi. Sarete in grado di contare le parole.

6. Passate immediatamente allo stampato minuto e contate le parole del titolo.

7. Tornate allo stampato più grande, che vi apparirà ben chiaro. Leggete il titolo.

8. Ripetete le parole, facendo scorrere Io sguardo avanti e indietro sotto la stampa minuta; può darsi che esse prendano forma e si illuminino. Se ciò non avvenisse, non preoccupatevene. Presto o tardi si chiariranno.

9. Esaminate la prima frase dello stampato grande: " Quando leggete, dovreste guardare " e, portando lo sguardo sullo stampato minuto, pronunziate le parole della stessa frase come se le leggeste. Evitate di annoiarvi, soffermandovi troppo su una frase; tentate invece con le frasi che seguono. Potrebbe esservi di giovamento porre, sotto ogni riga da voi esaminata dello stampato a caratteri minuti, un foglietto bianco che assecondi l'allineamento. Esaminate le righe con disinvoltura; non siate testardi e non pretendete troppo! Conoscendo le parole per averle apprese dallo stampato più grande, fingete di leggerle sullo stampato a caratteri minuti. Lasciate che esse si rivelino spontaneamente. Un giorno, quando meno ve l'aspetterete, esse vi appariranno vivide come quelle dello stampato grande. Quando ciò accadrà, i vostri occhi si sentiranno splendidamente e tutti i vostri nervi assaporeranno un rilassamento mai provato in precedenza.

 

ESERCIZIO DEL MOVIMENTO
LA CACCIA AI CORIANDOLI

Preparate gli occhi come per una lezione di lettura, esponendoli al sole ed eseguendo il palming.

1. Collocate in buona luce, su uno scrittoio o su un tavolo, un foglio di carta bianca.

2. Spargete sulla carta una manciata di coriandoli dai colori vividi e diversi.

3. Con un leggero moto ondulatorio del capo spostate lentamente lo sguardo da un bordo all'altro della carta attraversando lo spazio coperto dai coriandoli. Siccome non dovete vedere nulla, questo ondeggiamento induce gli occhi a muoversi senza fatica.

4. Chiudete ora gli occhi e pensate a qualcosa di rosso: il rosso della bandiera, il rosso dei papaveri, il rosso del fuoco.

5. Aprite gli occhi e, volgendo lievemente il capo da lato a lato, individuate e scegliete, tra i coriandoli, quelli rossi.

6. Chiudete gli occhi e riposate, continuando a muovere, per quattro o cinque volte, il capo. Ora pensate al verde: il verde dell'erba, il verde della lattuga, il verde del trifoglio.

7. Aprite gli occhi e individuate e scegliete i coriandoli verdi.

Questo esercizio può essere ripetuto con ogni colore. Cercando un determinato colore, non pensate ad altro. Ciò metterà a fuoco la mente e una mente messa nettamente a fuoco è il primo passo verso la centralizzazione visiva. Trasformate la ricerca dei colori in un gioco e non interrompetela se non quando avvertirete stanchezza o noia. Durante l'esperimento, curvatevi sempre più sui coriandoli. Ciò indurrà gli occhi ad adattarsi alla visione ravvicinata. Quando avrete individuato quanto desiderate, eseguite il palming per riposare gli occhi e poi aprite un libro. La lettura risulterà molto più spedita e vi costerà uno sforzo infinitamente più lieve del solito. I caratteri sembreranno più neri e più chiari.

ESERCIZI PER PRESBITI

Gli occhi presbiti (quelli ai quali la lettura fa provare un senso di disagio) che riescono a vedere nitidamente e a leggere caratteri minuti da vicino, compiono tutto il lavoro effettuato da occhi normali. I caratteri minuti, quindi, sono una buona unità di misura del progresso raggiunto. Come preparazione dell'esercizio che segue, passate in rassegna e imprimetevi nella memoria la forma delle lettere minuscole a stampatello. Scrivete tutto l'alfabeto minuscolo e poi correggetelo confrontandolo con le lettere stampate sulla tavola 2, in modo da conoscere esattamente l'aspetto di tutte le minuscole e non confonderle con le lettere dello stampatello maiuscolo o con quelle calligrafiche. La vostra scarsa familiarità con queste lettere, che pure leggete quotidianamente sulla carta stampata, vi sorprenderà.

1. Se, una volta imparati a leggere i paragrafi 10 e 11 della tavola 1, non riuscite a decifrare lo stampato microscopico in calce alla tavola, servitevi di una lente di ingrandimento o fatevi dettare da qualcuno il testo del paragrafo. Scrivetelo accuratamente con una matita e con lettere tanto grandi da poter essere lette facilmente. Copiate poi lo scritto riga per riga, e in modo che quanto avrete tracciato sia disposto esattamente come lo stampato.

2. Preparate gli occhi alla lettura con l'esposizione al sole e il palming e fate cadere sulla tavola la luce solare o una buona illuminazione.

3. Leggete le prime quattro o cinque parole di quanto avete scritto. Non cercate di leggere una frase intera poiché vi riuscirà più facile vedere col pensiero poche parole e più facile è l'esercizio, meglio è.

4. Chiudete gli occhi e mutate mentalmente le quattro o cinque parole che avete scritto, in caratteri di stampa, ricordando la forma di ogni lettera minuscola mentre " traducete " i caratteri calligrafici in quelli a stampatello.

5. Respirate profondamente e, respirando, guardate la prima frase della stampa minuscola da voi copiata. Le vediate o no, leggete le parole che avete composto mentalmente con caratteri a stampatello pronunziandole una per una. È possibile che la stampa vi si riveli nitidamente, ma se non avvenisse, non preoccupatevene.

6. Fate altrettanto con la frase successiva, badando di rammentare o di vedere col pensiero la forma di ogni lettera mentre la mutate da scrittura a mano in scrittura stampata.

7. Quando avrete preparato mezza dozzina di frasi, la memoria delle parole stampate si perfezionerà ed è probabile che, scorrendo la carta con lo sguardo, esse vi si rivelino qua e là.

8. Alla fine di ogni frase, eseguite il palming per riposare gli occhi. Dopo, ogni palming, esponete gli occhi al sole o alla luce viva e poi provate una nuova frase.

9. Se il primo giorno questo esercizio non vi riuscirà, non scoraggiatevi. Tornate a provarlo la settimana seguente, migliorando nel frattempo la visione mediante molti altri esercizi di rilassamento. Se riuscirete a leggere la stampa a caratteri minuti, vuol dire che avrete imparato a rilassare completamente gli occhi e la lettura della stampa normale non rappresenterà più per voi un problema. Se leggerete un paragrafo della stampa minuscola ogni giorno, gli occhi saranno pronti ad assolvere il compito della visione ravvicinata e conserveranno la facoltà di leggere la stampa normale.

IMMAGINE RUDIMENTALE

Tenete tra le mani una morbida palla di gomma. Schiacciatela in senso orizzontale e poi lasciate che torni a gonfiarsi. Schiacciatela quindi in senso verticale in modo che si allunghi e lasciate che si rigonfi. Osservatela mentre cambia forma e prende l'aspetto prima di una losanga e poi di un uovo. Ripetete l'esercizio ritmicamente, dicendo ad alta voce:

Schiacciala in senso orizzontale

e falla gonfiare di nuovo

Schiacciala in senso verticale

e falla gonfiare di nuovo.

Voi, ora, mentre la palla si muta sotto la pressione delle vostre dita, state pensando alla forma. Conoscete la sensazione provata dalle dita mentre premono, prima in un senso, poi nell'altro, la morbida gomma.

Ponete quindi la palla da un canto e abbandonate le mani sul grembo, il palmo rivolto verso l'alto. Ad occhi chiusi, concentrandovi, ripetete l'esercizio pronunziando le parole:

 

Schiacciala in senso orizzontale

e falla gonfiare di rinnovo

Schiacciala in senso verticale

e falla gonfiare di nuovo.

Rammentate costantemente la sensazione prodotta dalla morbida palla di gomma e la forma che questa prende quando si schiaccia e quando si allunga.

Dopo aver eseguito questo esercizio di immaginazione, aprendo gli occhi li sentirete liberi e a loro agio. La visione risulterà chiara sia da vicino che da lontano.

ALTRI ESERCIZI PER PRESBITI

Alcuni, quando col migliorare del loro visus tentano per la prima volta di leggere senza occhiali, si lamentano perché distinguono sì le parole, ma ogni parola, e talvolta ogni lettera, appare raddoppiata, triplicata o addirittura moltiplicata. Una donna che lamentava un disturbo del genere disse, guardando la luna:

" Risplendono tutte e dodici ". Questa visione multipla di un solo oggetto denota solo un fatto: la presenza dello sforzo accomodativo, ossia uno sguardo sforzato. È molto più facile, invece, guardare senza sforzo e come lo si possa fare ve lo dirà l'esercizio seguente che darà ai vostri occhi la sensazione della visione rilassata.

Esercizio look.

1. Preparate gli occhi con cento ondeggiamenti dell'elefante, come quelli descritti a pagina 45, poi sedetevi ed estraete dalla busta della copertina del libro la tavola 5.

2. Pensando a qualcosa di piacevole, eseguite un palming piuttosto lungo, così da avvertire una sensazione di benessere fin nel fondo degli occhi e da sentire che le palpebre si sono sciolte, che il peso delle ciglia è diminuito e che gli occhi sono riposati. Durante l'esercizio, non dimenticate di respirare regolarmente.

3. Abbassate ora le mani e osservate il primo look; poi chiudete gli occhi e rammentate accuratamente la parola con le sue due piccole o tra l e k. Con gli occhi ancora chiusi, spostate l'attenzione, mentalmente, dalla l alla k, senza soffermarvi sulle due o. Sfiorandole, però, rammentate i loro due centri bianchi.

4. Aprite gli occhi e continuate a spostare lo sguardo dalla l alla k della prima riga della carta. Per un istante, la parola dovrebbe chiarirsi e fondersi in un'immagine sola.

5. Chiudete gli occhi e muovete la testa da lato a lato, respirando regolarmente. Aprite ora gli occhi e guardate, alternativamente e in rapida successione, gli sfondi bianchi e tondi che brillano nell'una e nell'altra o. Guardate senza fissare lo sguardo, le palpebre morbide, passando da una o all'altra sei volte; poi riposatevi e muovete il capo. Ripetete questa fase dell'esercizio ·per sei volte.

6. Chiudete gli occhi e guardate mentalmente prima il bianco di una o, poi quello dell'altra. Un lieve movimento del capo (come se voleste volgere il viso dall'una all'altra) aiuterà il ricordo del tondino bianco delle due lettere

7. Ripetete l'esercizio ad occhi aperti, evitando scrupolosamente di restringere le palpebre o, ciò che rappresenterebbe un identico espediente, di batterle troppo in fretta.

8. Quando potrete avere una buona visione del primo look passate al secondo e ripetete l'esercizio ad occhi chiusi e ad occhi aperti finché la parola non diventi chiara. Passate quindi al terzo look e così via.

9. Quando vi saranno chiarite diverse parole, spostate immediatamente lo sguardo sulle frasi stampate in calce alla tavola. Le leggerete con maggiore facilità, e se ciò non avvenisse, eseguite il Palming per riposare gli occhi e tornate a provare.

Dedicatevi a questo esercizio due volte al giorno, con buona illuminazione.

 

Esercizio 2.

Volendo variare l'esercizio look, provate il seguente:

1. Ad occhi chiusi, pensate al look, scritto a lettere più grandi. Situate mentalmente un piccolo puntino nero sul lato sinistro della prima piccola o, poi fatelo girare intorno alla lettera, come se percorresse una piccola pista.

2. Aprite gli occhi e immaginate di fare lo stesso con la visione, spostando il puntino tutto intorno alla o.

3. Ripetete l'esercizio ad occhi chiusi con la seconda o; poi aprite gli occhi. Se riuscirete a compiere l'esercizio, la stampa vi apparirà chiara.

4. Ripetete l'esercizio con le o di ogni look più piccolo spingendovi il più possibile verso il fondo del foglio.

 

Esercizio 3.

Questo esercizio mentale è più difficile, ma sarà ancor più utile dei precedenti se riuscirete ad eseguirlo; vale quindi la pena di tentare.

1. Coprite la tavola del look con un foglio bianco, in modo che si possa leggere solo la prima parola.

2. Imprimetevi nella mente ogni lettera di tale parola, che è poi il look più grande. Chiudete gli occhi e rammentate con la massima precisione la parola, notando la forma, le dimensioni, la posizione, la distanza delle lettere sulla stampa e ricordando particolarmente il tondino bianco delle due o.

3. Aprite gli occhi, guardate il foglio bianco e controllate se, ad occhi aperti, riuscite a ricordare la forma, le dimensioni e lo spazio delle due lettere così vividamente come ad occhi chiusi. Se non vi riusciste, ripetete l'esercizio ad occhi chiusi, per rafforzare la memoria.

4. Quando vi parrà di essere a buon punto con la parola più grande, ripetete il tutto col secondo look.

Scopo dell'esercizio è quello di abituare la memoria ad essere ugualmente efficiente, tanto ad occhi aperti che ad occhi chiusi. Quando avrete migliorato la memoria, anche la vostra visione migliorerà e lo stampato in calce alla carta apparirà più chiaro.

 

CREAZIONE DI UNA IMMAGINE MENTALE

Ecco un esempio di una buona immagine mentale da usare durante il palming.

Nell'Arizona esiste un grande fiume sotterraneo scoperto per caso da alcuni operai di una società mineraria addetti allo scavo dei pozzi.

Immaginate di essere ospite della società. Una guida vi accompagna al montacarichi che discende nella miniera. Vi afferrate alla ringhiera. Un motore si mette in moto e il montacarichi comincia lentamente a scendere. Non esiste luce elettrica e, a misura che scendete, la luce del giorno svanisce e le tenebre si fanno sempre più fonde, sempre più nere. È, questo, il vostro primo contatto con l'oscurità completa. Udite lo stridore del montacarichi che scende sempre più in fondo e avvertite, nell'aria, l'odore della terra umida. Infine, il montacarichi si arresta con un sordo rumore sulla sabbia, in fondo al pozzo.

Uscite, sempre nell'oscurità, dal montacarichi, e vi si accompagna in una galleria. Non tardate ad udire, davanti a voi, sempre più distinto, il mormorio dell'acqua e, dopo circa sessanta metri, vi rendete improvvisamente conto aver raggiunto il fiume. L'udito vi fa comprendere che non vi trovate più in uno stretto passaggio, bensì in una grande caverna. Avvertite il mormorio ed il flusso dell'acqua, e l'eco di questi suoni riprodotta dalla volta della caverna. Le vostre scarpe calpestano la sabbia con un rumore sordo e vi accorgete di essere sulla riva del fiume poiché vi giunge alle orecchie il suono di piccole onde che lambiscono la sabbia ai vostri piedi. Mai vi siete trovati in un'oscurità così completa. È un buio umido, fresco, vellutato, un'oscurità così fitta da darvi l'impressione che potreste scostarla da voi con un gesto.

Le vostre orecchie percepiscono ora un rumore nuovo. Avvertite un debole suono ritmico che giunge dal fiume. Non si tratta di un suono prodotto dall'acqua, ma di un acuto scricchiolio seguito da istanti di silenzio. Il rumore sembra intensificarsi sempre più, come se vi si avvicinasse e, infine, risveglia un ricordo nel vostro intimo. Sì, ora rammentate. È un rumore di remi. Qualcuno rema, in una barca, sul fiume. Ascoltate affascinato. Ormai potete distinguere il suono dei remi che s'affondano nell'acqua e il marcato scricchiolio ch'essi producono facendo muovere la barca. Infine percepite anche uno scricchiolio più debole, mentre i remi escono dall'acqua.

Il rumore si approssima sempre più. Presto la barca sarà vicino a voi, presso la riva del fiume. Ascoltate con estrema attenzione, separando i suoni dagli echi. Ormai è vicinissima; le orecchie vi dicono che è proprio di fronte a voi. Potete udire lo sgocciolio dell'acqua che cade dai remi.

Ma già la barca si allontana e la velocità della corrente e la forza dei remi la spingono via. Ogni remata sembra sempre più debole, ma riuscite ancora ad avvertirla. Infine la barca si dilegua. Udite solo il mormorio dell'acqua, gli echi formati dalla volta della caverna e il debole suono della risacca. Sostate ancora qualche tempo, godendo di questa esperienza eccezionale. Poi la guida vi riconduce al montacarichi che comincia lentamente a salire. Durante l'ascesa, le tenebre prendono a sfaldarsi. Le pareti rocciose del pozzo assumono colore, scorgete il viso della guida e infine distinguete i suoi lineamenti. Finalmente uscite dall'ascensore e vi incamminate sotto il sole caldo e brillante del deserto dell'Arizona.

 

OCCHI IPERMETROPI

Molte persone dagli occhi ipermetropi posseggono una visione eccellente sia da lontano che da vicino, ma siccome ogni occhiata rappresenta per loro uno sforzo, soffrono tutte le volte che fissano un oggetto, vicino o lontano che sia. Questa sofferenza provoca un lavorio mentale così furibondo e una tensione così tormentosa che gli occhi riducono in condizioni pietose se stessi e i loro proprietari. In altre parole, queste persone non sanno adoperare i loro occhi sani e il loro visus eccellente.

Un motivo, apparentemente sorprendente di questa eccitazione risiede nel fatto che occhi di questo genere sono rigidi e fissi, cioè non sanno muoversi e cercano di inghiottire, per così dire, tanto gli oggetti lontani che la pagina di libro o di giornale che osservano. Per quanto non abbiano problemi visivi da risolvere, questi occhi trovano la salvezza nel rilassamento dinamico. Per correggere il vizio di ipermetropia, provate il seguente esercizio:

1. Prendete la tavola 1 e capovolgetela.

2. Tenetela poi a circa quindici centimetri dal volto, concentrando l'attenzione sull'ultimo quarto dello spazio riempito dalla stampa.

3. Portate lo sguardo sul margine bianco della tavola, a sinistra, e, volgendo il capo, spostate la visione attraverso gli spazi bianchi fino a raggiungere il margine bianco a destra. Non guardate la stampa; potreste avvertire un senso di fastidio. Osservate solo gli spazi, poiché il guardare una superficie uguale, sia essa vicina o lontana> non determina sforzo.

4. Compite questo movimento avanti e indietro sugli spazi bianchi per quattro volte, sempre ignorando le righe stampate.

5. Chiudete gli occhi e ripetete, per quattro volte, il moto ondulatorio avanti e indietro, rammentando gli spazi bianchi.

6. Continuate questo movimento ondulatorio per cinque minuti, quattro volte ad occhi chiusi e quattro ad occhi aperti, alternativamente, non dimenticando di respirare ritmicamente.

7. Tornate a girare la tavola e cominciate a leggere. Vi riuscirà più facile poiché gli occhi hanno imparato a scorrere la stampa e cioè a muoversi invece di fissare. Hanno una visione fluente invece di una lettura fissa.

Pur possedendo un visus ottimo, gli occhi affetti da questo tipo di ipermetropia sono sottoposti ad un tale sforzo che è necessario insegnar loro a vedere quando si guardano attorno, e a notare ciò che vedono. Persone fornite di occhi siffatti possono entrare in una stanza affollata e, all'uscita, essere incapaci di riferire quale era l'aspetto del]a stanza e di descrivere il mobilio ovvero gli abiti delle persone che la occupavano; e questo benché la loro visione sia abbastanza acuta per poter notare ogni cosa.

La madre di una bambina dagli occhi ipermetropi riferì che spesso inviava la figlia in un'altra stanza a prenderle qualcosa. La bimba obbediva, correva nella stanza, la percorreva due o tre volte e si affrettava a tornare dalla madre, affermando di non esser capace di trovare nulla. Una accurata indagine dimostrò che il fare uso degli occhi per cercare un determinato oggetto le riusciva così penoso e la rendeva talmente nervosa che, per evitare sforzi, ella si limitava a guardare senza concentrarsi. Ad una persona fornita di vista normale, questo episodio potrà sembrare una esagerazione, ma chi soffre di un simile sforzo visivo ravviserà in esso una esperienza personale.

A un altro individuo ipermetrope fu dato un pacchetto di venti cartoline illustrate, ognuna contrassegnata in calce da una parola descrittiva. Gli venne chiesto di esaminare il pacchetto, guardando ogni parola ed ogni soggetto. Egli scorse il pacchetto rapidamente e poi lo mise da un canto. Benché avesse visto ogni cartolina, egli non fu capace, quando gli vennero rilette le pagine, di ricordare un terzo dei soggetti delle cartoline. I suoi occhi avevano visto e avevano letto, ma non avevano notato, poiché lo sforzo di guardare era stato tanto grande che la coordinazione occhio-mente era mancata. In parole povere, il proprietario della macchina fotografica non aveva sviluppato la pellicola.

Un buon esercizio pratico che può essere eseguito da occhi di questo tipo, è quello di imporsi di notare, di osservare per un'intera giornata qualsiasi oggetto rosso che si presenti allo sguardo. Oggetti visti in strada o in casa, oppure abiti di persone incontrate. Il giorno seguente potrebbe essere dedicato a notare l'azzurro: nei giardini, nelle case, nelle automobili, ecc. Un altro giorno l'obiettivo potrebbe essere il giallo, e così via, per tutti i colori dello spettro. Per rendere più efficace questa specie di gioco, compilate alla fine del giorno una lista delle cose osservate.

Se avete occhi ipermetropi sofferenti tenderete, probabilmente, a ricorrere all'alibi sbandierato da tutte le persone afflitte da tensione:

Ma io non ho tempo per fare tutti questi esercizi di rilassamento. Ho molto da fare, io!

Esiste un detto: " Nel mondo c'è oggi tanto tempo, quanto ce n'è stato sempre ", e ora non ci sono certo più cose da compiere che ai giorni dei nostri antenati pionieri. Noi sprechiamo del tempo agitandoci inutilmente e non riusciamo a sfruttare le nostre possibilità personali perché pensiamo confusamente e disordinatamente. Per guardare con tranquillità e rilassamento non occorre certo più tempo di quello che si impiega a contorcere il viso, socchiudere gli occhi e sforzare la vista. Rammentate che, in pratica, il nostro esaurimento è dovuto in buona parte più alla tensione che ad una legittima stanchezza. Dedicatevi quindi sempre, durante il lavoro quotidiano, quali che siano le vostre occupazioni, ad una visione tranquilla. La vostra forza e i vostri nervi saranno più saldi e disporrete di una riserva di energie che vi permetterà di terminare la giornata con una sensazione di benessere.

Imponetevi l'abitudine di guardare con disinvoltura e con i globi oculari riposati, e prolungherete la durata del tempo in cui potrete fare uso degli occhi senza fastidi. In un'ora, inoltre, potrete compiere più cose perché quando gli occhi sono rilassati anche la mente e più rilassata e il pensiero è più organizzato. Un pensiero creativo e costruttivo è subordinato al rilassamento mentale.

 

L'ILLUSIONE DEL MOVIMENTO

Per creare l'illusione del movimento in occhi ipermetropi, eseguite il seguente movimento ondulatorio:

ondeggiamento del corridoio.

1 Dritti, con i piedi divaricati di trenta centimetri e paralleli per conservare 1'equilibrio, assumete la medesima posizione iniziale dell'ondeggiamento dell'elefante (pag. 45).

Protendete le braccia in avanti, ad angolo retto col corpo, palmi rivolti l'uno verso l'altro alla distanza dì circa tre centimetri. Le braccia e i palmi delle mani formeranno così un corridoio attraverso il quale dovrete guardare.

2. Voltatevi dolcemente da lato a lato. facendo descrivere alle braccia tese un semicerchio. Limitate la vostra attenzione allo spazio contenuto fra le vostre mani che descrivono l'arco da sinistra a destra. Vi parrà che tutto ciò che vi cade sotto lo sguardo entri in movimento.

3. Eseguite l'ondeggiamento fino a raggiungere la netta sensazione che il mondo si muova intorno a voi.

4. Abbandonate ora le braccia lungo i fianchi, tenendo le spalle morbide e sciolte. Continuate ad ondeggiare e riproverete lo stesso effetto di movimento ottenuto quando guardavate attraverso il corridoio dei due palmi tesi.

Non formalizzatevi; è un esercizio semplice, basato sul principio della relatività. Voi passate davanti al mondo e il mondo passa davanti a voi, avanti e indietro, mentre ondeggiate a semicerchio.

Il raggiungimento di questa illusione di movimento è il primo passo per affrancare gli occhi dallo sguardo fisso. Esso inizia il movimento degli occhi che è un'attività involontaria cui altrimenti non potreste mai costringere, ad onta di tutti gli sforzi, l'apparato visivo. Non dovete poi nemmeno provare a individuare i movimenti degli occhi poiché le attività involontarie non producono sensazioni. Che questi moti si effettuino, ve lo garantisce il rapido movimento di quanto vi circonda.

MOVIMENTI ONDULATORI IN ALTO E IN BASSO

1. Da questo ondeggiamento ritrarrete molti benefici. Le persone in possesso di sopracciglia sporgenti, pesanti e tali da coprire, quasi, la palpebra superiore, e comprimere i globi oculari, possono riportarle nella giusta posizione.

2. Coloro che soffrono di mal d'auto e di mal di mare possono acquistare la sensazione di movimento che elimina tali reazioni.

3. Quando si ottiene realmente la sensazione del movimento, gli occhi incominciano a muoversi in modo più confacente all'occhio normale.

4. Questo movimento ondulatorio aiuta a mantenere il capo esattamente imperniato sulla colonna vertebrale.

 

Istruzioni:

1. Stringete ad una estremità una lunga matita e portatela orizzontalmente, davanti al viso, alla distanza di quindici centimetri dalla punta del naso, senza più muoverla.

2.. Chiudete gli occhi e inclinate dolcemente il capo all'indietro fino a puntare il naso contro il soffitto; inclinate poi dolcemente il capo in avanti finché il naso non sia puntato contro il pavimento. Mentre alzate il capo, la matita sembra scendere fino a raggiungere il livello del mento, quando il capo si abbassa, la matita sembra salire fino a superare il livello della fronte. Esercitatevi ad occhi chiusi, fino a riuscire a " pensare " correttamente il movimento.

3. Aprite gli occhi, continuando il dolce moto ondulatorio in alto e in basso, senza prestare attenzione alla matita tranne che per notare che essa pare muoversi. Potete vederla scendere a livello del mento e salire fino al livello della fronte.

4. Pensate, e dite ad alta voce: " da matita scende, la matita sale ". Eseguite quattro movimenti ad occhi aperti e poi quattro ad occhi chiusi.

5. Deponete la matita e congiungete i due indici per la punta, orizzontalmente, in sostituzione della matita. Mentre eseguirete il movimento ondulatorio, anche le due dita saliranno e scenderanno.

6. Noterete che tutta la stanza, nel vostro campo visivo, si muove con la matita o con le dita tenute orizzontalmente, nella direzione contraria al movimento del capo. Eseguite coscientemente questo esercizio tutti i giorni ogni qualvolta abbiate gli occhi socchiusi o le palpebre pesanti. Non solo otterrete un notevole miglioramento del vostro aspetto, ma avvertirete la scomparsa della tensione e una maggiore libertà nell'attività degli occhi.

Pochissimi ipermetropi sanno dormire. È facile che occorrano loro intere ore per scivolare nel dormiveglia, e il minimo rumore e il minimo soffio d'aria bastano a riportarli bruscamente in pieno stato di veglia. Allora essi si tormentano e si agitano nel letto sino al mattino, per trascinarsi poi, esausti, durante il giorno. La sera, prenderanno un sonnifero. Molti non riescono a dormire, da dieci o da venti anni, senza l'aiuto di droghe. Sarà dunque di conforto per quanti soffrono d'insonnia l'apprendere che gli esercizi di rilassamento che esporremo potranno aiutarli. Calmati i nervi, coloro che soffrono d'insonnia avvertiranno un miglioramento agli occhi e scopriranno che il sonno è una funzione naturale come il respiro. Questo risultato sarà raggiunto più presto se ricorderanno l'insegnamento impartito dal dottor J. A. Jackson in Outwitting our Nerves e vi crederanno: " Non abbiamo bisogno di una quantità di sonno maggiore di quella richiesta dai nostri corpi. Se si mantiene il corpo immobile e le emozioni vengono eliminate, gli effetti della stanchezza scompaiono ". La natura ci rimette a punto per il giorno seguente.

 

RILASSAMENTO DEI CINQUE SENSI

Se coloro che avvertono fastidi durante la lettura eseguissero l'esercizio che ora descriveremo, raggiungerebbero un alto grado di rilassamento.

Tutti i sensi (vista, udito, olfatto, gusto, tatto) fanno capo allo stesso sistema di gangli nervosi. Se un senso è eccitato, sono eccitati tutti gli altri, e tutte le rispettive funzioni sono ritardate e tutti i poteri sminuiti. Se un senso è rilassato, sono rilassati anche tutti gli altri e il loro potere è intensificato. Ricordare e rivivere nell'immaginazione esperienze sensoriali, stimolare con la memoria e l'immaginazione quello tra gli organi dei sensi che è, in voi, il più forte, migliorerà il funzionamento dell'organo più debole. Esempi:

1. Se siete duri d'orecchio, ma godete di buona vista, avvicinate all'orecchio una sveglia. Il ticchettio vi pare debole? Sedete allora comodamente, chiudete gli occhi e copritevi le orecchie con il palmo delle mani, per offrire alle immagini visive campo libero. Ricordate ora vividamente e con ogni particolare:

a) l'acqua azzurra di un golfo, punteggiata di barchette dalle vele bianche come neve.

b) l'oro di un tramonto.

c) il giallo cupo dei campi di grano maturo ondulati dalla brezza.

d) l'azzurro dei fiordaliso.

e) il bianco delle montagne incappucciate di neve.

f) il velluto violetto ed oro di una viola del pensiero.

Tornate ora ad ascoltare l'orologio. Il ticchettio è un po' più distinto? Non solo udrete meglio, ma vedrete più vividamente.

2. Esperimentate ora con la memoria tattile il senso del tatto. Seduti tranquillamente, ad occhi chiusi, rammentate:

a) la sensazione che provate accarezzando il raso.

b) quella che provate passando le dita sul tessuto di un maglione di lana.

c) la levigatezza di una superficie di legno lucido sfiorata dalla vostra mano.

d) la fredda leggerezza di un oggetto di alluminio.

e) la pesantezza scabra di una sbarra di ferro.

f) la sensazione prodotta da un pugno di sabbia che vi scorre fra le dita.

 

Quando aprite gli occhi i colori vi sembrano più vivi? E il ticchettio dell'orologio più distinto?

Concentrate poi la memoria e l'immaginazione sui suoni. Aspirate un paio di volte profondamente. Chiudete gli occhi, copritevi le orecchie e ricordate:

a) il frullio delle ali degli uccellini.

b) lo scricchiolio della neve da voi calpestata percorrendo un viale.

c) lo schianto delle onde sulla spiaggia. d) il canto stridulo del grillo nella macchia, al tramonto.

e) il suono delle campane in una tranquilla mattinata invernale.

f) il campanaccio di una mucca, in distanza, nella sera.

 

Quando aprite gli occhi, vedrete più chiaramente e udrete meglio.

 

Il medesimo rilassamento può essere raggiunto con il ricordo di odori e profumi come:

a) il fieno appena tagliato.

b) un bosco dopo la pioggia.

c) la fragranza di una rosa.

d) un tacchino che arrostisce in forno.

e)violette fresche in primavera.

f) caffè bollente che filtra nella macchinetta.

g)granoturco arrostito appena imburrato.

 

Avete migliorato, con il ricordo di questi profumi, la vista e l'udito?

5. Se avete fame, il ricordare e il risvegliare il senso del gusto produrranno una benefica reazione. Pensate a:

a) una bistecca ai ferri spessa e succulenta.

b) pan pepato.

c) cioccolatini.

d) panini alla cannella.

e) caramella di menta.

f) torta di fragole.

Se avrete evocato coscienziosamente questi gusti, non solo avrete l'acquolina in bocca, ma stimolerete la visione e l'udito.

 

CONSIGLI CIRCA LA LETTURA UTILI PER TUTTI GLI OCCHI

Posizione dello stampato.

Molti hanno la pessima abitudine di poggiarsi il libro sullo stomaco o sulle ginocchia e di chinare la testa in avanti per leggere. Questa posizione interrompe la circolazione del sangue che dovrebbe fluire liberamente nel capo e ritarda anche la respirazione, privando gli occhi dell'ossigeno loro necessario. Per impedire una visione errata, il libro dovrebbe essere tenuto davanti agli occhi. Qualora fosse troppo pesante, ci si dovrebbe servire, per mantenere la posizione corretta, di un cuscino, di un leggio o di qualche altro sostegno.

Distanza della pagina stampata dagli occhi.

La teoria ortodossa sostiene che una pagina stampata deve essere tenuta ad una determinata distanza, e non più vicina, nè più lontana. Noi invece insegniamo che gli occhi si possono rilassare sino a raggiungere un grado tale di flessibilità da poter allungarsi e leggere la stampa normale tenuta a dodici centimetri dagli occhi; appiattirsi e leggere una pagina tenuta da un braccio teso, e, infine, essere in grado di decifrare i caratteri a qualsiasi altra distanza intermedia. Gli occhi meglio dotati possono poi abbracciare un'estensione anche maggiore.

Rilassate quindi gli occhi; rendeteli e manteneteli flessibili.

 

Resistenza.

Man mano che la vostra capacità di leggere ad occhio nudo si sviluppa dovete anche rafforzare la vostra resistenza. Uno storpio, che impara a camminare senza grucce, deve percorrere quotidianamente un tratto sempre più lungo e dedicare sempre maggior tempo alla passeggiata. Compirà questi progressi a poco a poco, riposandosi fra un tratto e l'altro. Altrettanto dovete fare voi con la lettura. Dapprima, il limite massimo sarà rappresentato da un paragrafo. Dopo un palming e l'esposizione al sole o alla luce, sarete forse in grado di proseguire. Quando potrete leggere un intero capitolo, procurate di riposarvi bene, prima di procedere oltre. Nei periodi di riposo, ripassate mentalmente l'argomento già letto e la memoria se ne avvantaggerà non meno del rilassamento e della visione.

Altipiani.

Mentre i vostri occhi, mercè gli esercizi, migliorano, non dovete scoraggiarvi se la loro acutezza visiva non è ogni giorno uguale. Nemmeno gli occhi normali sono sempre normali: una preoccupazione, un malessere fisico, sono in grado di deprimere l'umore e, contemporaneamente, di offuscare la visione; ma questo stato di depressione è soltanto transitorio. Con l'avvento, poi, del rilassamento generale, vi saranno gli altipiani: i periodi, voglio dire, durante i quali la natura riorganizza le proprie conquiste e ridistribuisce il novanta per cento della vitalità precedente fiaccata dallo sforzo, ed ora ripristinata. Dopo un arresto nella marcia ascensionale, potrete aspirare finalmente ad una doppia conquista.

In conclusione, non abbiate timore di usare gli occhi. Gli occhi vogliono vedere perché questa è la loro missione nella vita ed essi sono ansiosi di compierla, sia da vicino che da lontano. E questo può dimostrarvelo l'esperienza. Se, mentre siete in una sala ed ascoltate una conferenza con la mente intenta all'argomento svolto dall'oratore, sale sulla pedana qualcuno, gli occhi si volgono immediatamente all'estraneo, sebbene la mente non desideri minimamente osservarlo. Accadrà lo stesso se la persona che vi siede accanto alzerà una mano o agiterà una carta o compirà altri gesti che non vi interessano minimamente Non è a questa attività che gli occhi si ribellano, ma allo sforzo e cioè alla tensione mentale e fisica.

Concedere perciò agli occhi ciò cui essi aspirano: molta attività, una esenzione dagli sforzi.

 

CAPITOLO OTTAVO

SVILUPPO DELLA VISTA NELLE RETINE DEBOLI E POCO USATE

" Il contadino dissoda il terreno e pianta la semenza, ma non può influire sul suo sviluppo, che è affidato nelle mani della Natura. Con la nostra vista, avviene lo stesso. Noi prepariamo gli occhi con il rilassamento fisico e mentale, poi solleviamo le palpebre e la Natura elargisce la visione." GARNET McGAVIN.

 

POCHI ignorano la storia di Raffles, il ladro le cui dita avevano le terminazioni nervose talmente sensibili che, posandole sull'esterno della serratura di una cassaforte, poteva, voltando il disco, sentire i movimenti del congegno, all'interno, e risolvere così qualsiasi combinazione. Si narra che la polizia lo acciuffò e che fu rinchiuso in un carcere e condannato ai lavori forzati. Un giorno, però, il governatore dello stato aveva bisogno di alcune carte importanti e perciò chiamò in tutta segretezza Raffles perché forzasse la serratura della cassaforte che nascondeva i documenti.

Raffles, felice di poter di nuovo valersi della antica capacità, rimase di stucco quando scoprì che la punta delle sue dita era callosa e torpida. Non riusciva a sentire nulla. S'affrettò allora a chiedere della carta vetrata e si strofinò le dita a sangue così che le terminazioni nervose potessero affiorare. Dopo di che le dita poterono funzionare come prima.

Nei nervi retinici poco sviluppati e poco usati si verifica lo stesso: essi debbono essere sensibilizzati, passati, per così dire, alla carta vetrata, mediante la visione, fino a che non sappiano trovare la luce e registrare l'ombra come i nervi retinici degli occhi normali.

I dottori affermano essere infinite le cause del mancato sviluppo dei nervi retinici. Talvolta un occhio è più valido dell'altro sin dalla nascita e il cervello, che sceglie sempre la via più facile, ignora la finestra più buia. L'uso del solo occhio valido fa sì che l'altro si indebolisca sempre di più per l'inattività. E anche possibile che il nervo ottico sia talmente teso da provocare una circolazione insufficiente a stimolare e a nutrire la retina, la quale di conseguenza diventa debole e anemica e determina una visione fioca. Oppure, se taluni muscoli oculari sono così tesi da porre l'occhio fuori fuoco (strabismo) si dà il caso che l'occhio strabico rinunzi alla lotta per vedere, oppure sviluppi un visus scadente in una parte della retina che non è il centro della vista. In tale evenienza, l'immagine cade sulla parte periferica della retina, con la conseguente costituzione di una falsa macula o falso centro della vista.

Poiché la maggior parte degli occhi non usati tendono a portarsi fuori centro, prenderemo in esame la visione degli occhi strabici, cioè di quelli che si portano fuori centro con diversa incidenza.

 

OCCHI FUORI FUOCO

Se un occhio, o ambedue, tendono a spostarsi in fuori o in dentro, in alto o in basso, senza muoversi in sincronismo, occorre anzitutto farli muovere insieme.

Quando gli occhi sono fuori fuoco, si ritiene, generalmente, che un gruppo di muscoli sia troppo corto e quello antagonista troppo lungo; bisogna quindi incidere il muscolo corto e accorciare il muscolo lungo. Autorevoli fonti mediche ci insegnano però che sotto il completo rilassamento dell'anestesia gli occhi strabici subiscono un temporaneo raddrizzamento. Ciò dimostrerebbe che la lunghezza dei muscoli non ha alcuna influenza e che, inoltre, in stato di rilassamento, la contrazione muscolare che porta l'occhio fuori fuoco cessa e permette al l'occhio di riassumere la posizione normale.

Perciò, tutti coloro che, a causa di un muscolo oculare rattrappito, hanno un occhio fuori fuoco, imparino a rilassare il muscolo senza anestesia. Il muscolo, a sua volta, cesserà di spostare l'occhio. Quasi tutte le persone fornite di occhi del genere sanno che la trazione del muscolo è a volte grande e a volte lievissima, ma non si rendono conto che la differenza dipende dal grado di tensione o di rilassamento. Volete esercitarvi per migliorare l'allineamento dei vostri occhi e la visione? Sarà un lavoro che richiederà davvero decisione e tenacia.

Un muscolo, in stato di contrazione o convulsione, che si distende sotto il rilassamento artificiale, può fortunatamente imparare a distendersi anche per mezzo del rilassamento cosciente. Questo, poi, se viene praticato fino a mutarsi in un habitus subconscio, diventa permanente. Il problema si risolve mantenendo gli occhi rilassati o in allineamento e nell'insegnar loro a veder meglio in quello stato.

Toglietevi gli occhiali, eseguite tutti gli esercizi fisici e mentali e gli ondeggiamenti per il rilassamento descritti nella prima parte del volume. Badate di volgere lo sguardo al lato verso il quale intendete indirizzare l'occhio. Imparate poi il seguente moto ondulatorio:

 

Ondeggiamento dell'occhio bendato.

Tenete le mani aperte con le dita divaricate sopra le spalle ed il palmo a livello degli occhi e ad essi parallelo. Con la testa eretta sulla spina dorsale, iniziate un lieve movimento ondulatorio, voltandovi da lato a lato, guardando le dita e concentrando su di esse il pensiero. Non sforzatevi, non fissate, non stancatevi. Non compite alcuna attività cosciente con l'occhio fisico, ma limitatevi a guardare ciò che vi cade casualmente sotto lo sguardo. Ciò farà provare ad entrambi gli occhi la sensazione di pensare e di guardare simultaneamente nella stessa direzione.

In un primo momento, probabilmente, non otterrete una reazione molto rilevante, ma persistete e, man mano che la mente e gli occhi acquisteranno una sensazione di armoniosa collaborazione, noterete un miglioramento. Questo ondeggiamento, insieme agli altri, produrrà, effettivamente, una differenza nel vostro aspetto, in fase di rilassamento. Una bambina dagli occhi molto strabici mi ha riferito: " Quando termino l'esercizio, guardo il babbo che mi dice: ' Ma, cara, i tuoi occhi sono perfettamente dritti! ' ". Questo ondeggiamento, distendendo a poco a poco i muscoli (non esercitandoli) rende possibile l'allineamento muscolare.

Questo, però, è solo l'inizio della vostra fatica!

Prima che un occhio strabico si raddrizzi e mantenga la giusta posizione, voi dovete, per così dire, " passare alla carta vetrata " i nervi retinici di quella porzione della retina che non usate nell'occhio dal quale vedete più debolmente. Per insegnare agli occhi a lavorare, dovete coprire con una benda quello valido e far funzionare il più debole. Fate uso della benda per periodi di breve durata e solo per vedere cose facili e familiari; in caso contrario diverreste nervosi e vi stanchereste. Se avrete il desiderio e la tenacia di esercitarvi seriamente ogni giorno, noterete un grande miglioramento. Accentuate l'esposizione al sole e il palming.

La porzione più debole della retina di un occhio strabico è il centro della vista, la macula. Questa debolezza deriva da una accentuata inerzia e quindi da mancanza di stimoli. I nervi della macula possono essere stimolati solo quando l'occhio è rilassato e mentre è in movimento; si tratta quindi di un'attività involontaria e inconscia. Come possiamo costringere l'occhio a muoversi? Eccovi un suggerimento.

Volgete la pagina di un libro in modo che le righe della stampa siano, rispetto a voi, verticali anziché orizzontali. Bendate l'occhio valido e portate la pagina vicinissima all'occhio strabico e nella direzione verso la quale desiderate indirizzare lo sguardo. Se l'occhio diverge verso l'interno, dovete tenere la pagina vicina alla tempia; se diverge verso l'esterno dovete tenerla davanti all'occhio bendato in modo che l'altro debba guardare al di sopra del naso. Con un leggero movimento del capo, percorrete con lo sguardo la pagina finche le righe e gli spazi non evochino il ricordo di una staccionata. Chiudete gli occhi e rammentate quanto avete visto, continuando il lieve movimento del capo. Poi, aprite gli occhi e guardate di nuovo. Alternando i movimenti con gli occhi aperti e chiusi per cinque minuti alla volta, ora avvicinando la pagina, ora allontanandola, potrete ottenere ottimi risultati. Adesso, capovolgete la pagina per non provare la tentazione di leggerla e fate scorrere allo stesso modo lo sguardo lungo la staccionata orizzontale. Vi parrà che le righe si alzino e si abbassino. Girate poi la pagina in senso obliquo e percorrete le righe bianche e nere. Se alternerete coscienziosamente gli ondeggiamenti ad occhi chiusi a quelli ad occhi aperti, è probabile che, dopo l'esercizio, la stanza vi sembri più luminosa: infatti avrete passato alla carta vetrata i nervi retinici, e cioè li avrete stimolati. Lo stimolo, poi, si è verificato senza sforzo, poiché il lavoro da voi svolto non ha richiesto alcuna interpretazione. Vi siete infatti limitati a scorrere le righe senza curarvi di fissarle. Bisogna eseguire l'esercizio anche con l'altro occhio, il quale richiede la vostra attenzione anche se a voi non sembra che si comporti male.

 

Esercizio della spola.

Lo scopo di questo esercizio e quello di influire direttamente sul centro della vista.

1. Tracciate con l'inchiostro un puntino nero al centro dell'unghia del pollice e lasciatevelo tutto il giorno, giacche vi aiuterà a sviluppare la visione quando avrete un momento libero.

2. Chiudete gli occhi e pensate prima alla parte dell'unghia che si trova alla sinistra del puntino, poi a quella che si trova alla destra. Riuscite a spostare l'attenzione avanti e indietro, dalla parte destra a quella sinistra dell'unghia, tenendo gli occhi chiusi?

3. Aprite ora gli occhi e spostate rapidamente lo sguardo dalla sinistra alla destra dell'unghia, avanti e indietro. Non tarderete ad avere l'impressione che il puntino si muova così da lasciarvi vedere, prima alla sua sinistra, poi alla sua destra, tutta l'unghia.

Questo esercizietto fa lavorare il centro della vista e stimola la visione rilassando al tempo stesso i nervi fino a liberarvi del mal di capo o a prevenirlo. Gli occhi si centralizzano solo in condizioni di rilassamento, e ciò determina controllo mentale. Gli esercizi di centralizzazione sono quindi importanti anche per la mente poiché un perfetto fuoco visivo (fuoco maculare) produce un chiaro fuoco mentale che si concreta in un pensiero ordinato anziché in uno disordinato.

 

ESERCIZIO MENTALE PER RAVVIVARE UN OCCHIO TORPIDO

Poiché la mente è pigra e le piace guardare da finestre chiarissime, un occhio debole si indebolisce ancora di più con la mancanza dell'uso. Dobbiamo quindi insegnare alla mente a guardare attraverso l'occhio pigro. Chiudete ambedue gli occhi e coprite quello più forte col palmo della mano, in modo che la mente si renda conto che da quella via nessuna visione è possibile. Pensate poi ad un oggetto che sapete si trovi davanti a voi. Avvertirete che l'occhio scoperto, per quanto chiuso, si accolla il compito di pensare o vedere mentalmente. Si insegna ad un occhio debole a vedere durante il palming, allentando il palmo che lo copre. Vi accorgerete che la mente, per quanto teniate l'occhio chiuso e coperto leggermente, indirizza la sua attenzione verso di esso. Per contrasto, coprendo accuratamente l'occhio debole, e poggiando lievemente il palmo sull'occhio forte avvertirete che il potere mentale viene rovesciato.

Eseguiti per circa una settimana gli esercizi testé esposti, e quelli di rilassamento, sarete pronti ad addestrare l'occhio a vedere realmente e la mente ad interpretare quanto vedete, attraverso il centro della vista. Bendate l'occhio valido ed eseguite il gioco del calendario per occhi miopi (capitolo sesto). Noterete una reazione leggermente differente da quella dell'occhio miope. Quando guarderete per la prima volta un numero del calendario grande, stenterete a vederlo, ma se applicherete l'esercizio del puntino sul pollice dell'unghia a ciò che non pare che una macchia confusa, questa comincerà a delinearsi e a chiarirsi e, prima di volgere lo sguardo altrove per lanciare la palla, è possibile riusciate a vedere il numero seguente. Talvolta, quando si attua la visione, par quasi che ogni numero sia stato illuminato col riflettore. E questo è il risultato dell'attività foveale. In altre parole: abbiate la pazienza e la volontà di usare la carta vetrata fino a raggiungere le terminazioni sensibili dei nervi e ad ottenere la visione. È tenendo presente questo principio che dovete seguire le istruzioni per gli occhi miopi.

 

ESERCIZIO DELLA RIVISTA Per occhi torpidi

1. Ad una estremità della stanza situate dritta, in buona luce. una pagina di rivista dal titolo cubitale. Fissatela bene prima di allontanarvene; notate ogni lettera del titolo in modo che possiate ricordarne la forma.

2. Arretrate, adesso, di qualche metro. senza ancora fissare il titolo. Guardate, invece, tutti gli oggetti che si trovano nel lato della stanza più prossimo al titolo della rivista. Mentre fate scorrere rapidamente lo sguardo fino alla rivista badate a tutto ciò che notate. Scorrete ora, finalmente, il titolo. Non è chiaro?

3. Chiudete gli occhi e rammentate come appariva il titolo e quale era la forma di ogni lettera quando avevate la rivista in una mano e i caratteri erano perfettamente nitidi.

4. Respirate profondamente e fate scorrere di nuovo lo sguardo sul lato della stanza presso il quale è situata la rivista. Scorrete il titolo diverse volte, avanti e indietro, battendo spesso le palpebre e respirando regolarmente. È probabile che le lettere vi si rivelino chiaramente per un breve istante. Se ciò non avvenisse, muovete qualche passo avanti; potrete aumentare la distanza col migliorare della visione.

Variate gli esercizi ogni settimana, scegliendo quelli che vi si confanno di più nelle altre parti del libro. L 'ondeggiamento dello specchio descritto nel capitolo decimo, e adatto ai bambini strabici, è eccellente. Ottimo anche l'esercizio dello stuzzicadenti (capitolo settimo).

 

ESERCIZIO DELL'AUTOMOBILE

Ecco un interessante esercizio da eseguire in automobile. Se possibile, sistemate due specchietti su ogni lato del parabrezza. Quando andate in auto senza guidare, toglietevi gli occhiali e spostate lo sguardo da uno specchio all'altro, guardando poi innanzi a voi. Ciò determinerà un movimento ritmico e vi farà provare interesse per tutto ciò che avrete intorno. Se i vostri occhi risulteranno tanto sforzati da non consentire la fusione della visione, dovrete eseguire l'esercizio prima con un occhio, poi con l'altro.

La fusione si ha quando le due immagini offerte dagli occhi, esattamente messi a fuoco, si fondono, e non si vede che un'immagine sola. Quando in ogni occhio il centro della vista sarà stimolato al punto da vedere meglio innanzi a se che ai lati, rimarrete sorpresi nell'avvedervi che i due occhi lavorano insieme. Talvolta questo fenomeno si presenta spontaneo quando gli occhi si muovono liberamente fino a centralizzarsi, e ciò significa che essi hanno ormai imparato a rimaner rilassati durante l'attività.

Una volta raggiunto, il rilassamento dinamico diventa, per gli occhi, una abitudine costante, che si manterrà anche inconsciamente e che, salvo malattie o incidenti, si conserverà per sempre. L'occhio può ripetere sempre quanto ha imparato ad eseguire. Anche la mente che ha imparato a rilassarsi durante l'azione può sempre ripetere ciò che ha appreso. Nè si può dimenticare l'uso corretto degli occhi una volta che lo si sia appreso. Gli stimoli che le retine subiscono nelle zone maculari (centro della vista) sono di carattere permanente e determinano visione esatta e sviluppo mentale.

 

>>>>> SECONDA PARTE (CAPITOLI 9-16) >>>>>

Tavola 1  tavola 2  tavola 3  tavola 4  tavola 5  Calendario


SE VOLETE SCARICARE UN'EDIZIONE IN PDF PRONTA PER LA STAMPA

andate a Centralfixation.net il sito di Mauro Teodori, interamente dedicato al metodo Bates. Potrete tra l'altro scaricare anche la versione PDF, del libro di Emily Lierman Storie dalla Clinica. Inoltre è possibile acquistare il CD Rom con il libro di W. H. Bates nella versione originale.

SE VOLETE UTILIZZARE UN'EDIZIONE IN MICROCARATTERI

In corpo 2,5 o 2 o 1,5 andate a risorse: microcaratteri

 

Corsi e seminari  Holiday on Eyes vacanze estive  Indirizzi utili   Le Newsletter   Articoli e dispense   Bibliografia   Rasterbrille   Buena Vista e vita quotidiana    Tutto sulle operazioni Una giornata .... normale