Vedere e lasciarsi vedere

Guardarsi negli occhi? Si, ma con-tatto.

Chi ha problemi di vista spesso ha difficoltà a stabilire un contatto oculare armonico e reale , sia con lo sguardo altrui che con molte cose della vita quotidiana. O si cerca di evitare il contatto non mettendo a fuoco, o si cerca di “afferrare” con gli occhi l’oggetto per controllarlo. O si cerca di fare entrambe le cose, con il risultato di affaticare e far peggiorare la vista. Nelle sedute e nei gruppi di Buena Vista questi atteggiamenti sono particolarmente evidenti davanti all’ottotipo (per i miopi) o nella lettura dei micro caratteri (per i presbiti).

Osho ci insegna una “via d’uscita”, una tecnica che può avere un profondo impatto positivo anche sui nostri occhi e sui nostri problemi visivi.

Completare il circolo dell’energia

“Ti stai guardando allo specchio, stai guardando il tuo viso allo specchio, i tuoi occhi. Questa è estroversione: stai guardando il viso che si specchia. È il tuo viso, ovviamente, ma è un oggetto al di fuori di te. Poi, per un momento, inverti il processo. Inizia a sentire che il riflesso nello specchio sta guardando te. Non sei tu che stai guardando il riflesso, ma è il riflesso che sta guardando te. E ti troverai in uno spazio molto strano. Prova per pochi minuti e ti sentirai molto vivo: qualcosa di un potere immenso inizierà a entrarti dentro. Potresti persino spaventarti, perché non lo avresti mai immaginato; non avevi mai visto il cerchio completo dell’energia.

All’inizio può fare paura, perché non l’avevi mai fatto e non l’avresti mai immaginato; ti sembrerà pazzesco. Potresti sentirti scosso, potrebbe sorgere in te un tremito o potresti sentirti disorientato, perché il tuo orientamento è sempre stato estroverso. L’introversione deve essere imparata lentamente. Ma il cerchio è completo. E se lo fai per qualche giorno rimarrai sorpreso di quanto ti sentirai più vivo. Solo pochi minuti in piedi davanti allo specchio, lasciando che l’energia torni a te, in modo che il cerchio sia completo… E quando il cerchio è completo c’è un grande silenzio.

Guardando una rosa, prima guarda la rosa per alcuni istanti, alcuni minuti, e poi inizia il processo inverso: la rosa sta guardando te. E rimarrai sorpreso di quanta energia può darti una rosa. E puoi fare lo stesso con gli alberi, con le stelle e con le persone. E il modo migliore è farlo con la donna o l’uomo che ami. Guardatevi negli occhi. Prima inizia a guardare l’altro e poi inizia a sentire l’altro che ti restituisce l’energia; il dono sta ritornando. Ti sentirai rinfrescato, ti sentirai inondato, imbevuto, contenuto in un nuovo tipo di energia. Ne uscirai ringiovanito, rivitalizzato. “
(Osho, The secret of secrets vol 1 #7)

L’ottotipo è proprio un bel tipo.

Nei seminari di Buena Vista insegniamo una tecnica molto particolare di osservare l’ottotipo, proprio per superare la paura (totalmente inconscia) che se ne ha. Il centro di questa tecnica è ” non sforzarti di  afferrare le lettere, ma lascia che siano loro a decidere se venirti a trovare, oppure no”.

Come degli ospiti: se ti vengono a trovare dagli il benvenuto; tu sei a casa tua, comodo. Rilassati in questo tranquillo viavai e dopo un po’ l’ottotipo ti “sorriderà”, come se fosse una persona…
Vedi l’analogia con l’insegnamento di Osho? 

 

L’incredibile KIT per allenare la vista

Melissa, Benda pirata- occlusore parziale; Spago di Brock; Tucano; 2 tabelle di prova colorate; piramide; 5 tabelle per il riequilibrio; occhiali anaglifici; Palmette; Barrette; Shifter; Spiedino; pseudo-shifter; Manuale metodo Bates.     49 euro.